Posted in: Opinioni

1 maggio, festa del lavoro e della Costituzione

1 maggio
Il lavoeo e i diritti nella Costituzione. Senza simenticare i doveri

La nostra Costituzione, la più bella del mondo!

L’Italia e` una Repubblica democratica, fondata
sul lavoro.
La sovranita` appartiene al popolo, che la esercita
nelle forme e nei limiti della Costituzione. (art.1 )

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti
inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle
formazioni sociali ove si svolge la sua personalita`,
e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili
di solidarieta` politica, economica e sociale. (art. 2)

Tutti i cittadini hanno pari dignita` sociale 
e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione
di sesso  di razza, di lingua
di religione , di opinioni politiche
, di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli
di ordine economico e sociale, che, limitando
di fatto la liberta` e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono
il pieno sviluppo della persona umana
e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione
politica, economica e sociale del
Paese. (art.3)

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto
al lavoro e promuove le condizioni che rendano
effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo
le proprie possibilita` e la propria scelta, una attivita`
o una funzione che concorra al progresso
materiale o spirituale della societa`. ( art. 4)

La Repubblica tutela la salute come fondamentale
diritto dell’individuo e interesse della collettivita`,
e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno puo` essere obbligato a un determinato
trattamento sanitario se non per disposizione di
legge. La legge non puo` in nessun caso violare i
limiti imposti dal rispetto della persona umana. (art.32)

La scuola e` aperta a tutti.
L’istruzione inferiore, impartita per almeno
otto anni, e` obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi,
hanno diritto di raggiungere i gradi piu` alti degli
studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con
borse di studio, assegni alle famiglie ed altre
provvidenze, che devono essere attribuite per concorso. ( art. 34)

Auguri a tutti!