Posted in: Opinioni

A. Ascani, viceministro al Miur e le sue idee sulla scuola

A. Ascani
A. Ascani, in un’intervista le sue idee sulla scuola.

A. Ascani, è stata nominata viceministro al Miur. In un’intervista presenta le sue idee sulla scuola, le cose da fare e il suo impegno. Molto utile per conoscere il personaggio politico di fede renziana, che ha ricevuto la delega per l’edilizia scolastica.

A. Ascani, l’intervista che rivela la strategia del cacciavite sulla “Buona scuola”

A. Ascani, personaggio politico di punta del Pd (vicepresidente) ed ora chiamata da L. Fioramonti  a ricoprire la funzione di Viceministro al Miur.
Ha rilasciato un’intervista a Linkiesta . Qualche conferma: ribadisce la validità della Buona Scuola. Quindi al più si procederà, applicando la strategia del cacciavite (Fioroni 2007) volta all’ottimizzazione del provvedimento.  Dichiara, infatti “Io non credo che il ministro Fioramonti intenda intervenire sulla legge 107, e questo lo condivido. Credo che quella legge abbia avuto il merito di dare un grande rifinanziamento alla scuola, in particolare attraverso il Piano nazionale scuola digitale, che ha prodotto investimenti in tantissime scuole italiane anche sull’innovazione didattica, su cui l’Italia era indietro di dieci anni. “

Conferma i problemi sui fondi (edilizia scolastica), ma informa…

Sull’edilizia scolastica (delega) conferma il rapporto di Cittadinanzattiva ( si legga il mio articolo) sui ritardi delle operazioni. “Da un lato ci sono ritardi dovuti a delle inadempienze, ma molto più spesso capita che i comuni, soprattutto quelli piccoli, non abbiano capacità di progettazione, e quindi si bloccano i finanziamenti stanziati di fronte al fatto che i comuni in difficoltà economica e con personale ristretto non sono in grado di progettare e dare avvio ai lavori.”  A questo aggiunge però la seguente informativa: “Ieri al ministero abbiamo riconvocato l’Osservatorio per l’edilizia scolastica, cosa che non succedeva da un anno ed è gravissimo. Mettendo insieme gli enti locali, i ministeri competenti e le associazioni, questo ci consente di avere una condivisione dei dati e delle strategie operative. Adesso proveremo a riunirlo ogni 45 giorni, in modo da avere un aggiornamento in tempo reale di quello che succede. È emersa l’esigenza di istituire una task force del ministero che sia di accompagnamento agli enti locali, ma che possa anche avere un potere sostitutivo nei confronti degli enti locali inadempienti o dove se ne facesse richiesta. 

Dare concretezza all’inclusione (D. Milani), superando anche le classi pollaio

Interessante il passaggio che fa riferimento all’anima della sinistra, declinata in questo caso alla realizzazione di una scuola veramente inclusiva ( in uscita). “Io ho detto che chi entra in viale Trastevere deve prima di tutto occuparsi di quello che don Milani diceva essere il primo problema della scuola: i ragazzi che perde. Noi non abbiamo solo un problema di dispersione esplicita, cioè di ragazzi che abbandonano la scuola prima di arrivare in fondo al percorso, ma anche di dispersione implicita, cioè quella dei ragazzi che pur arrivando in fondo al percorso sono al di sotto del livello minimo di competenze, e quindi più esposti al fenomeno dell’analfabetismo di ritorno di cui le statistiche ci parlano.In questo bisogna fare un lavoro in più, attraverso l’innovazione didattica e il sostegno ai docenti, riducendo il numero di alunni per classe e facendo in modo che tutte le distorsioni del sistema non impattino sulla vita quotidiana dei ragazzi.”