Posted in: Ecdl, Esperienze, Formazione, Tutti gli articoli

Abilità informatiche: Ministra, questa volta si!

pg-0002

In quest’ultimo periodo, La ministra Giannini è un “fiume in piena”. Non sempre le sue dichiarazioni sono condivisibili, come quella sul Piano di formazione. Invece mi trovo d’accordo, quando dichiara che il profilo informatico del docente è mediamente frammentato. L’espressione rimanda a qualcosa di estemporaneo, dove la sistematicità e la profondità formativa sono assenti. Detto , in altri termini, ci troviamo di fronte allo “smanettone” che attraverso la modalità casuale del tentativo ed errore apprende la procedura funzionale al compito che deve assolvere. In questo modo non si va da nessuna parte! Occorre partire da una proposta profonda e sistematica  come l’Ecdl dell’Aica o dell’Eipass. Si consegue il primo obiettivo acquisendo il lessico informatico e il quadro teorico, mentre il secondo obiettivo è raggiunto attraverso l’acquisizione delle procedure di base, di sistema  che consentono di affrontare ogni nuova situazione da un punto di partenza avanzato, rispetto allo smanettone.
Qualche Animatore Digitale ha espresso delle perplessità a questa mia convinzione. Ovviamente, rispetto ogni opinione, ma il dato è oggettivamente allarmante: il 57% degli insegnanti ha una preparazione di base  insufficiente! Questi colleghi non possono essere ignorati! E’ necessario che l’impegno di chi ha funzioni di responsabilità ( F.S. Tic o Animatore Digitale ) sia rivolto anche a loro.  L’Istituzione scolastica non può proporsi attivamente a livello informatico con meno del 50% del personale variamente competente. E come chiedere a un motore di lavorare solo con due cilindri!