Abolizione delle classi pollaio, esistono le condizioni, ma…

Abolizione delle classi pollaio

Esistono le condizioni per l’abolizione delle classi pollaio. Eppure…

Abolizione delle classi pollaio esistono le coperture e il sostegno del gruppo-scuola M5S.
Al momento, però la priorità è “scavalcata” da altre che nel contratto di governo, occupavano “una seconda, terza linea”. Sulle classi pollaio, invece siamo ancora al confronto, alla discussione…

La legge di Bilancio 2019, la parte riguardante la scuola

Legge di Bilancio 2019. Qualcosa del contratto di governo, forse sarà realizzato. Leggiamo, infatti nel documento di sintesi:
si dispone che, dall’a.s. 2019/2020, ai docenti non è più attribuita la titolarità su ambito territoriale. Si torna, dunque, alla titolarità del docente in una singola scuola (articolo 58);
“dal 2019, le risorse stanziate a legislazione vigente per i percorsi di alternanza scuola-lavoro sono assegnate alle scuole nei limiti necessari allo svolgimento del numero minimo di ore fissato per i nuovi percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (articolo 57, comma 18-21);

L’abolizione delle classi pollaio, invece…

Il giudizio è sospeso! Analizzeremo a gennaio quello che sarà approvato definitivamente.
Invece, sull’abolizione delle classi pollaio, priorità del contratto di governo, siamo ancora fermi alle intenzioni, al confronto…
Si legge sull’autorevole quotidiano “ItaliaOggi” I parlamentari di maggioranza hanno poi evidenziato la necessità di intervenire sulle classi pollaio”
Tra le righe si percepisce una certa resistenza a inserire il relativo emendamento nella Legge di Bilancio. Eppure Lucia Azzolina (prima firmataria) aveva dichiarato che ringraziava tutto il gruppo scuola M5S per il sostegno ricevuto alla presentazione della proposta di legge per l’abolizione delle classi pollaio.  A questo aggiungo che la suddetta proposta  prevede le coperture. Si legge infatti: all’art. 1:” quanto a 338.500.000 euro per l’anno 2019, a 1.180.000.000 di euro per l’anno 2020 e a 1.715.100.000 euro per l’anno 2021, mediante corrispondente riduzione delle proiezioni per i medesimi anni dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2018-2020, nell’ambito del programma « Fondi di riserva e speciali » della missione « Fondi da ripartire » dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2018, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al medesimo Ministero;
b) quanto a 2.130.000.000 di euro a decorrere dall’anno 2022, mediante corrispondente
riduzione del Fondo di cui al l’articolo 1, comma 199, della legge 23
dicembre 2014, n. 190″

Quindi cosa si aspetta?  

Le condizioni, quindi ci sono per il superamento di questo obbrobrio organizzativo, voluto dal duo Gelmini/Tremonti (2008) che intendevano” incrementare, gradualmente, di un punto il rapporto alunni/docente, da realizzare comunque entro l’anno scolastico 2011/2012, per un accostamento di tale rapporto ai relativi standard europei tenendo anche conto delle necessità relative agli alunni diversamente abili. Per raggiungere questo obiettivo il piano triennale degli allora Ministri GelminiTremonti ha comportato il licenziamento di ben 86.931 docenti, garantendo un risparmio di oltre 2 miliardi di euro.” (Premessa proposta di legge).
Occorre, pertanto, approfittare della legge di Bilancio per inserire l’abolizione delle classi pollaio all’interno di un quadro legislativo dai tempi certi. Diversamente si rischia di assistere alla lenta agonia della proposta di legge-Azzolina ferma ai box.

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.