Posted in: Opinioni

Adolescenza, un sintetico “quadretto” di V. Andreoli

Adolescenza e V. Andreoli
L’adolescenza è una fase della vita non più assimilabile a quella di qualche anno fa. La ricetta di V. Andreoli

Adolescenza, lo psichiatra V. Andreoli presenta un sintetico quadretto. Poche cose, ma pesanti e con diversi risvolti psico-pedagogici.

Adolescenza, un sintetico “quadretto”

Adolescenza, un pianeta sconosciuto, non più assimilabile a modelli precedenti. Questa fase classicamente identificata con la figura del  “bambino non più bambino ma non ancora adulto” che provocava nei genitori  nuovi e contrastanti sentimenti: tenerezza e rabbia, affetto e disperazione. Età caratterizzata dal “contro” declinato nella contestazione, passaggio necessario per crescere. Tutto questo è tramontato!
V. Andreoli noto psichiatra, presenta un interessante “quadretto“:  “Non c’è nessuna dottrina in grado di spiegare chi è l’adolescente. Vive dentro la società ma muta continuamente. La soluzione migliore per lavorare con loro è accettare e dire che non sappiamo chi sono, solo cosi potremmo conoscerli meglio. Poi, bisogna guardare all’adolescenza nel mondo e nell’ambiente. Non è possibile separare i ragazzi, decontestualizzarli. Mi chiedete chi sono gli adolescenti? Per me giovani che vivono in un’età difficile ma piena di fascino e che meritano di essere non aiutati ma capiti.”
E qui lo psichiatra dichiara che essi hanno bisogno di adulti (in primis i genitori) che si mettano accanto ad essi per scoprire la loro identità, divenuta ancora più complessa per la “liquidità” e la ” paura” che pervadono la nostra società 2.0, che ha espulso la riflessione, il tempo ( gli adolescenti non sanno aspettare) dal proprio orizzonte culturale ed esistenziale.
Interessante anche il seguente video che parla della necessaria relazione educativa tra gli adulti e i ragazzi.