Posted in: Scuola

Allungamento delle lezioni, il contesto e le perplessità sulla posizione della Cisl

Allungamento delle lezioni
Allungamento delle lezioni continua il confronto non sempre approfondito. Molte perplessità sulla dichiarazione di A. Furlan

Allungamento delle lezioni, continua il confronto. Occorre comprendere il contesto. Lascia perplessi la dichiarazione della Cisl (Furlan) meno perentoria di quella di settore(Gissi)
Si tace, invece, sulla ripartenza del prossimo anno che probabilmente rimarrà emergenziale.

Allungamento delle lezioni, il contesto distraente

Allungamento delle lezioni a fine giugno. Continua il confronto, fatto spesso di un approccio superficiale ai problemi della scuola. Ovviamente è troppo facile concentrarsi su un aspetto che può essere facilmente compreso dalle persone. Conquista le prime pagine dei quotidiani e attira i talk show. E questo non rassicura sulla profondità dell’analisi e della riflessione.
Tutto questo chiacchiericcio risponde alla strategia distraente. Ne ha parlato N. Chomsky: “L’elemento primordiale del controllo sociale è la strategia della distrazione, che consiste nel deviare l’attenzione del pubblico da problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazione di continue distrazioni e informazioni insignificanti.”
Questo si declina nel mettere nelle seconde e terze file i problemi reali della scuola, iniziando dalla presenza delle classi pollaio, le difficoltà organizzative sui trasporti… Questi problemi si ripresenteranno il prossimo anno che probabilmente rimarrà emergenziale.

La dichiarazione della Cisl lascia molte perplessità

Lascia molto perplessi la dichiarazione della Cisl sull’allungamento delle lezioni, attraverso il suo segretario generale (Annamaria Furlan): “La Cisl darà la disponibilità, la necessità va valutata rispetto al chi e al come. Anche perché in questi mesi la scuola ha continuato a lavorare. Se si rivelerà necessario per colmare le lacune dei ragazzi allora saremo tutti disponibili.”
Alcune domande: Cosa significa dare la propria disponibilità? Il segretario crede che due-tre settimane con aule calde possano eventualmente colmare il gap formativo? Non si rischia di far passare il messaggio che la scuola in questi mesi ha lavorato poco?
Anche se il segretario presenta una scuola che non si è mai fermata, comunque emotivamente resta l’unico messaggio che conta: la scuola deve riprendere a lavorare.
Più perentoria M. Gissi (Cisl-scuola) che poi però conferma la tesi di rimandare tutto alle scuole: “Allungare a prescindere il calendario scolastico significa far credere che con la Dad la scuola ha scherzato