Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Animatore digitale. I rischi di un facilitatore


Torno a riflettere sul PNSD e in particolare sulla figura strategica dell’Animatore Digitale. Ormai siamo al termine del secondo anno, ma alcuni nodi evidenziati in alcuni miei articoli non risultano superati. Qui voglio soffermarmi su un aspetto che riguarda l’identità dell’Animatore Digitale. 

Tra le sue azioni, ovviamente è prevista la  formazione interna. Questa si declina,  “attraverso l’organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente un formatore), favorendo l’animazione e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative, come ad esempio quelle organizzate attraverso gli snodi formativi”.
Da questo breve stralcio, si evince  anche la possibilità che egli non sia un formatore.  Per inciso, non si comprende questa eventuale separazione dalla formazione. Solitamente quando l’ attività formativa è professionalmente certificata sia all’interno, sia all’esterno del proprio Istituto, questa richiama conoscenze, abilità e competenze, che indubbiamente rappresentano un valore aggiunto per il sistema scolastico. Quindi cosa può essere  l’Animatore, al netto del profilo di formatore? Un facilitatore, un motivatore, un organizzatore di eventi? La stessa terminologia, desunta da contesti vacanzieri, sembra rimandare a profili leggeri E qui arriviamo al punto. Se egli può anche essere una figura di secondo piano, un suggeritore di eventi, quale forza di persuasione può avere presso i suoi colleghi? Mi riferisco soprattutto a quelli che dichiarano tranquillamente che possono fare a meno dell’informatica, oppure che la scuola e l’informatica propongono due percorsi paralleli, quindi destinati a non incontrarsi mai.
A questa scarsa capacità di incidere, di governare i processi interni della scuola, si aggiungono anche le incerte prospettive di carriera. Mi riferisco alla difficoltà di ricoprire un ruolo, una funzione all’interno del Piano di formazione dei docenti ( 2016-2019 9, dove ai formatori e tutor saranno richiesti capacità di condurre gruppi, possesso significativo  “di contenuti culturali significativi e traducibili in percorsi didattici sostenibili” Continua la nota che gli avvisi pubblici finalizzati al reclutamento dovranno “privilegiare le competenze e le expertise convalidate in esperienze sul campo, piuttosto che i soli titoli accademici.” Quindi una carta d’identità culturale e professionale, sideralmente lontana da quella del facilitatore.
Pertanto all’ Animatore Digitale privo del profilo di formatore, cosa rimarrà al termine del triennio? Sicuramente un’esperienza, fatta però di tante ore, sottratte al proprio tempo libero e a compenso zero o quasi.