Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Animatori Digitali: all’estero è tutto diverso compreso…

animatoreDigitale
All’interno di un gruppo di AD una collega, che ricopre questa funzione, ha fatto una bella esperienza di scambio culturale con gli equivalenti Ad di molti altri paesi anche non europei. Bene questo è il resoconto ( uno stralcio ) amaro

“Cari animatori digitali italiani, mi sono confrontata per sette giorni con figure simili alle nostre provenienti da cinque continenti. Premetto che la mia è una riflessione autentica e non una polemica, sia chiaro. Sono contenta che finalmente ci abbiano fatto uscire dalla nicchia e tentato di conferire autorevolezza e riconoscimento al nostro lavoro (prima quasi clandestino) nella scuola. I nostri corrispondenti negli altri paesi però sono completamente riconosciuti: o si dedicano solo all’innovazione nella scuola e al supporto ai docenti o hanno una piccola quota di ore in classe e per il resto formano i colleghi o lavorano in ambiti territoriali più ampi (Distretti, che per noi potrebbero corrispondere ai municipi o alle reti scolastiche) pianificando formazione e interventi nelle classi, decidendo gli acquisti delle tecnologie, diffondendo buone prassi e nuove app. Tutti loro sono pagati. Non parlo degli Stati Uniti o dell’Australia, ma della Colombia, dell’India, del Sudafrica, del Trinidad e Tobago. Ho ben chiaro il loro sguardo quando comunicavo loro che io lo facevo gratis. Senza parole. Vi traduco alcune frasi: “Senza stipendio? E perché?” “Non capisco!” “Non si lavora senza essere pagati!”. Quante scuole hanno veramente riconosciuto economicamente gli AD? Quante hanno dato esoneri di ore per questo ruolo?