Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Annuncite, annuncite, annuncite vuota

buona-scuola-renzi-giannini
Renzi e i suoi ministri leggono i sondaggi. Si sono accorti che il mondo della scuola ormai è lontano dal Pd. E questo pone diversi problemi al partito ormai completamento “liquido” del Pd. Si sa che in questa condizione ogni profilo “denso”, fatto di storia e cultura perde ogni forma. E’ restituito in una forma sfuggente, quindi difficilmente configurabile.
Questa liquidità certamente non fa ben sperare per il referndum.
Pertanto, Renzi, Giannini e altri cercano di correre ai ripari. Il primo tenta di comunicare ai docenti il proprio sostegno contro gli atti di violenza che ogni giorno subiscono gli insegnanti. Gli annunci, però, non sono seguiti da una visita ai diretti interessati. Questo atto concreto ( ammesso che i docenti lo accettino ), assumerebbe un significato più profondo e sicuramente più efficace ai fini della comunicazione.
La Ministra, invece, si lancia in annunci senza fondamento, sul rinnovo del contratto entro dicembre, omettendo però le risorse a disposizione. Comunque dopo il referendum! Contratto che sicuramente sarà firmato – risulterà interessante leggere le firme dei rappresentanti sindacali -, e quindi formalmente la Ministra potrà dire di aver rispettato l’annuncio,  ma con l’elargizione di 10-20 € netti. Cifra vergognosa e offensiva!
Con questi messaggi Renzi e ministri dimostrano la loro debolezza e paura di fronte all’esito referendario. Appuntamento al 5 dicembre! Dopo questa data potremo cogliere le differenze rispetto alle dichiarazioni ( difesa insegnanti e firma di un contratto economico dignitoso ).

 

Intervento Giannini