Anziano bullizzato, le parole diseducative di una mamma

Anziano bullizzato

Anziano bullizzato e deceduto. Davanti a questa tragedia si continua a giustificare…

Anziano bullizzato, le parole rappresentano il mondo di chi le pronuncia. Oggi si dice frame. Molte perplessità su quelle pronunciate da un genitore di un bullo. Breve analisi linguistica della dichiarazione che apre a una prospettiva che personalmente non approvo.

Anziano bullizzato, la dichiarazione di un genitore

Anziano bullizzato e deceduto. Ora è il tempo delle responsabilità. Non solo i ragazzi, ma anche i genitori e chi sapeva e non ha fatto nulla.
La mamma di un bullo ha rilasciato una lunga intervista (?). Invito a leggerla più volte, perché indicativa di una relazione educativa.
Sinteticamente può essere riassunta così: ” Mio figlio ha sbagliato, ma qui ci sono solo bar. I ragazzi sono abbandonati”

Qualche riflessione su sbagliato

Le parole e i  discorsi che pronunciamo o scriviamo rappresentano il nostro mondo. Non sono mai neutre, altro rispetto al nostro Io semantico. Scriveva il filosofo L. Wittgenstein ” I confini del mio linguaggio, sono i confini del mio mondo“.
La lunga intervista della mamma racconta molto del rapporto educativo. Innanzitutto, affermare che il proprio figlio ha sbagliato, è voler limitare l’errore all’ultimo fatto che ha portato al decesso dell’anziano. La fase preparatoria e che sicuramente ha avuto un crescendo di azioni è percepita come altro, rispetto all’evento conclusivo. Spesso dico ai ragazzi che “si arriva in cima, faticando, sudando, camminando…“. Lo scenario estremamente positivo, può essere letto anche nel dark side of the moon. Si arriva all’atto tragico e conclusivo, procedendo per piccoli passi come in questa vicenda.
Sembra, infatti  che le azioni di bullismo siano state ripetute più volte e anche a distanza di tempo. Se così non fosse dovrebbero chiamarsi diversamente. Quindi gli atti di bullismo non possono essere spiegati con il verbo sbagliare che solitamente rimanda ad un’ azione inadeguata o non corretta. Recita un aforisma” Sbagliare è umano, perseverare è diabolico” .

Il ma che tende a giustificare sempre 

Inquietante poi la presenza del ma finalizzato a scaricare parte dell’immensa responsabilità che hanno i genitori ( art. 30 costituzione) sul contesto privo di valide alternative. La noia, l’assenza di adeguate alternative non possono giustificare un omicidio. Mai!
Quando si mettono al mondo i figli occorre poi curarli, seguirli lavorando sui si e i no, sull’esser-ci come guida e direzione. Non si possono consegnare i propri figli ad uno smartphone e al mondo che sta dietro. Mi viene in mente un interessante titolo di un lavoro di A. Polito “Riprendiamoci i nostri figli” Si chiede la mamma del bullo, confermando il disastro educativo:  “Chiedo ai genitori di figli dell’età del mio: controllate il telefono? Come si fa a vedere cosa hanno in questo aggeggio dei ragazzini di 16, 17 anni?
Davanti a una vita interrotta ognuno deve assumersi le proprie responsabilità, anche se ancora non del tutto maggiorenne che però la legge punisce se ultraquattordicenne (art. 97 c.p). Senza se e senza ma!!! Sempre!

Questa voce è stata pubblicata in Bullismo. Contrassegna il permalink.