Posted in: Legge 107/05, Tutti gli articoli

Articolo profetico e alcune riflessioni

Immagine diapositive
Qualche settimana fa ho scritto l’articolo di seguito. Avevo previsto lo stop delle stabilizzazioni imputate alle opposizioni ( una semplice domanda: a cosa servono le opposizioni se non per contrastare i provvedimenti del governo?), dovuto al congelamento del Disegno di legge sulla ” Buona Scuola”..
Le responsabilità, però, sono tutte di Renzi e del suo gruppo ( Faraone, Giannini…)
1) Una consultazione farsa e con numeri inventati. Secondo Renzi, Giannini e Faraone la riforma aveva avuto l’appoggio degli insegnanti intervenuti;
3) la presentazione dopo venti giorni alla Camera dei deputati, sperando di strozzare il dibattito parlamentare;
2)  alcune interviste di Faraone che hanno esacerbato gli animi degli insegnanti (  ad esempio “Domani in piazza la minoranza del paese, più chiassosa, ma sempre minoranza” );
3) la scarsa considerazione degli insegnanti da parte di Renzi che lo ha indotto a vestire i panni di un maestro che spiega ai suoi alunni – condizionati e disinformati –  il verbo della Riforma.
E qui mi fermo. La lista sarebbe molto lunga.
Una conclusione: questo governo è composto da persone senza esperienza di scuola, con scarsa capacità di dialogo vero con la scuola e totalmente succube della destra culturale ( Il disegno di legge riprende in molte parti le idee di Valentina Aprea ).

Il  Disegno di legge  n ° 2994 ( “La buona scuola”) solo oggi inizierà il suo cammino parlamentare. Sono passati più di venti giorni, da quando Renzi con il Ministro Giannini ( molto defilata ) ha presentato la riforma scolastica con la solita minestra di parole e di luoghi comuni.
I tempi sono molto stretti. Si rischia che i provvedimenti  abbiano i loro effetti a partire dall’a.s. 2016-17. Ovviamente in questa previsione includo soprattutto  la stabilizzazione dei   107.000 insegnanti .
Perché tutto questo tempo perso? Qualcuno ha ipotizzato delle  perplessità costituzionali   da parte del Quirinale . Qualcun altro ha paventato qualche resistenza  del Tesoro dovuta alla copertura economica dell’intero provvedimento.
Entrambi i “sospetti” hanno un qualche fondamento. Personalmente temo che questo ritardo sia stato studiato a tavolino per nascondere la difficoltà del  governo ad ammettere che non ci sono i soldi per attuare la riforma. Si direbbe a Roma “ Non c’è trippa per gatti”  Mi riferisco soprattutto alla stabilizzazione dei precari. Se questa ipotesi ( “ a pensar male  si fa mai peccato, ma quasi sempre si indovina”) sarà confermata dai fatti, allora l’apparente irrazionale ritardo troverebbe una sua sostanziale razionalità: attribuire unicamente al Parlamento la responsabilità della mancata stabilizzazione dei precari per l’anno scolastico 2015-16. Operazione relativamente semplice, considerando che più della metà degli italiani è disinformata, nel senso che non legge un libro o un giornale da anni.
In questo modo tutta l’operazione verrebbe rimandata all’anno scolastico 2016-17 , sperando che la  ripresa economica annunciata da Draghi o da Visco dia benzina alla riforma. Diversamente “La buona scuola” sarà un bel testo da studiare per qualche esame universitario sulla storia della scuola.