Atto indirizzo contratto. Pia illusione!


Dopo le dichiarazioni del Ministro Fedeli sul possibile raddoppio dello stipendio ai docenti, molte sono state le reazioni ( leggi mio articolo ) Quasi tutte negative! E questo è un buon segnale, quando il disagio è espresso con un minimo di ragionamento e non attraverso turpiloqui che non ci appartengono.
Sempre molto attento agli aspetti procedurali, la mia attenzione è stata attirata da un commento di M. Pacifico ( Presidente Anief ) che ha invtato il Ministro a tradurre questo suo desiderio in un atto formale. Nello specifico nell’Atto di indirizzo.
Si coglie una  venatura di sfida rivolta al Ministro! La si vuole costringere ad uscire dai proclami e passare ai fatti. A questo si aggiunge anche una certa ironia  nell’intervento, in quanto il Ministro non potrà far nulla.  Le sue decisioni sono “perimetrate”, vincolate dalle Leggi di Stabilità ( 2016 e 2017 ) che al momento hanno messo sul piatto 35-36 € lordi medi. Per arrivare al compenso medio di 85€ occorrerà attendere la nuova legge di Bilancio (2018).
Del resto è stato lo stesso Ministro a chiarire che i salari degli insegnanti non potranno aumentare nell’immediato. In prospettiva sarà necessario modificare i parametri del DEF che fino al 2035 non prevede aumenti di spesa per l’istruzione. Temo che quest’impegno non potrà concretizzarsi con il Ministro Fedeli, né con i suoi immediati successori al Dicastero. Il dominio e l’invadenza del finanzcapitalismo (L. Gallino) impediscono al MIUR di “battere i pugni sul tavolo”, contando qualcosa. Nel contesto attuale l’istruzione conta molto meno delle banche!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola, Opinioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.