Posted in: Classi pollaio, Cyberbullismo

Audizione, Il cenno e la dimenticanza del ministro V. Fedeli

Audizione del ministro
Audizione del Ministro. Un elenco di obiettivi raggiunti, ma…


Ieri il Ministro V.Fedeli ha avuto un audizione davanti alle commissioni di Camera e Senato, in merito all’avvio dell’anno scolastico. Giustamente il Ministro ha messo in rilievo gli obiettivi conseguiti. Un fantasma e solo un accenno aleggiano  sull’audizione. 

Audizione,  qualche passaggio

Il resoconto del Ministro può essere riassunto con le espressioni “Abbiamo” fatto”,  e “faremo”. Non poteva essere diversamente. Si citano le immissioni in ruolo, la riduzioni dei contratti a tempo determinato, le realizzazioni nelle territori compiti dal terremoto….
Tra gli obiettivi da conseguire ( in bella evidenza grafica):

-sarà aperta a tutte le scuole la Piattaforma di gestione dell’alternanza
scuola-lavoro, strumento messo a disposizione di scuole, strutture
ospitanti, studenti e famiglie per facilitare la progettazione, la gestione
e il controllo dell’alternanza;
-è prossima la pubblicazione della “Carta dei diritti e dei doveri degli
studenti in alternanza scuola-lavoro”, prevista dal comma 37 della
legge 107: dopo l’acquisizione dei prescritti concerti e pareri, il testo
è attualmente in fase di esame da parte del competente Dipartimento
della Presidenza del Consiglio dei Ministri ai fini della definitiva autorizzazione
prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale;
– è stato firmato in queste ore il protocollo con con l’Agenzia Nazionale
per le Politiche Attive del Lavoro per mettere a disposizione delle
scuole i tutor ANPAL, esperti di mercato del lavoro che possano supportare
referenti, tutor e dirigenti scolastici nell’implementazione
dell’alternanza.

Un riferimento incompleto alla Costituzione

Verso la fine del testo si legge: ” Ancora più di sempre, quest’anno scolastico appena partito dovrà essere improntato a garantire una scuola più inclusiva, una scuola capace di attuare fino in fondo l’articolo 3 della Costituzione Italiana che sancisce che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alle legge, senza distinzione di sesso, di razza e di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali
Purtroppo il Ministro cita solo il comma 1 e non quello seguente: ” E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Le classi pollaio scomparse dal radar del Ministro

Questo secondo comma va oltre l’enunciazione teorica del primo, impegnando concretamente la Repubblica a realizzare il diritto sostanziale allo studio, conditio sine qua non per una reale inclusività. Ora il comma 2 stride fortemente con la presenza delle classi-pollaio e superpollaio formalizzate  rispettivamente  con il D.M. 81/09 e la legge di stabilità 2015. L’incostituzionalità di questa organizzazione delle classi è stata più volte ribadita da diversi T.A.R e e dalla stessa Corte Costituzionale.
Ecco il grande assente nel testo dell’audizione del Ministro. Ci si riferisce è vero a realtà che toccano il 10% delle classi, ma come si scrive oggi ” la scuola non deve lasciare nessuno indietro”. Le tante immissioni citate dal Ministro, non sembrano aver intaccato questa presenza.

Cyberbullismo, solo un accenno, evitando di scendere nel concreto

In tre righe si accenna ad un problema, spesso sottovalutato dalle Istituzioni scolastiche e dalle famiglie: il cyberbullismo.
Si legge ” 
Proseguiremo con forza nel contrasto di bullismo e cyberbullismo, con il debutto, anche nelle scuole, delle nuove predisposizioni della legge di recente approvata in Parlamento”. Non si dice altro riguardante l’istituzione del tavolo tecnico e di conseguenza sulla tempistica riguardante la pubblicazione delle linee guida ( art. 3 comma 1 e 2  L. 71/17). Tutto rimane nel vago, nonostante un cronoprogramma molto serrato definito dalla legge per il contrasto del cyberbullismo. E questo, a mio parere, non va bene, perché significa assenza di un profilo organizzativo di contenuto nazionale , necessari per l’azione del referente d’Istituto ( art. 4 comma 3).