Aumenti stipendiali, finalmente abbiamo un “numero”

Aumenti contrattuali

Aumenti contrattuali, l’obiettivo è lontano. Lo certifica il sindacato Anief

Aumenti stipendiali, il sindacato Anief dichiara la cifra. Molto distante da quella di adeguamento. Si applica l’approccio- Fioramonti dove le tante parole sono sostituite dai numeri.

Aumenti stipendiali, finalmente abbiamo una quota certa

Aumenti stipendiali, gli ultimi risalgono al 1990, quando i docenti ottennero un aumento medio di 500.000 lire (23%). Dopo siamo entrati nella gabbia del D.Lvo 29/93 che ha blindato i contratti ad adeguamenti al tasso d’inflazione programmata, sempre inferiore rispetto a quella reale.
Il trucco formale di presentare gli adeguamenti come aumenti è proposto anche in questi giorni. Siamo in dirittura d’arrivo per la firma del contratto 2019-21 e si legge ( prendo ad esempi una testata giornalistica): “Per gli oltre 3 milioni e 300mila occupati della pubblica amministrazione, dagli impiegati dei ministeri a quelli degli enti locali, dagli insegnanti agli occupati della sanità, dei comuni e regioni, viene calcolato un aumento medio di 100 euro in busta paga per 13 mensilità nei nuovi contratti che si andranno a negoziare per il 2019-2021.Gli aumenti a regime saranno del +3,72% e la previsione di spesa complessiva, stanziata dal governo, sarà di 6 miliardi di euro.”

La triste verità per l’aumento di stipendi

Il sindacato ANIEF conferma il metodo-Fioramonti. L’ex-Ministro stabilì in due miliardi al netto dei contratti la linea di galleggiamento per la scuola. Stesso approccio ripete il sindacato autonomo, stabilendo la cifra per aumenti europei, sempre promessi dai politici:  “il Governo oltre a tagliare il cuneo fiscale, con il cosiddetto bonus Renzi da 80 euro netti esteso anche a lavoratori che guadagnano oltre i 35 mila euro, deve valorizzare il ruolo professionale del docente: noi continuiamo a chiedere aumenti medi netti di 240 euro al mese: non è una cifra a caso, ma quella che servirebbe a superare finalmente l’inflazione e ad avvicinarsi alle retribuzioni di chi svolge la stessa professione, anche con impegni orari minori, in altri Paesi moderni. Vediamo gli altri sindacati cosa faranno, anche se in passato dopo un lungo blocco contrattuale hanno firmato per poco meno”
Quindi rimanendo dentro i rapporti numerici la differenza rispetto agli finti aumenti contrattuali è 140€ che tradotto in percentuale significa che manca il 140% per stipendi realmente europei. Obiettivo realizzabile solo uscendo dalla gabbia del D.Lvo 29/93 che i sindacati evitano di proporre.
Comunque la cifra ci permetterà di pesare le proposte, formulando una valutazione oggettiva rispetto allo standard europeo. Sicuramente siamo sotto la linea di galleggiamento, la stessa soglia che caratterizza il sistema-scuola. Con questi numeri non si va da nessuna parte!