Posted in: Esperienze, Opinioni, Tutti gli articoli

“Bambini abbassate la voce”

12295349_196470937354458_5310111371780169633_n
Da docente ho sempre pensato che il nostro lavoro non è assolutamente compreso dagli “opinionisti della domenica”,  dai presunti valutatori ed esperti. Con assoluta superficialità questi ci presentano come soggetti privilegiati ( tre mesi di vacanza in estate, quindici giorni a Natale…) a basso tasso di complessità ( i contenuti da insegnare, richiedono solo un ripasso preventivo ) e altre amenità.
Qualche anno fa, ricordo che venne a scuola un’esperta a parlarci di educazione alimentare. A noi insegnanti ci fece “una lectio magistralis” sugli alimenti da mangiare e altro ancora. Bene, dopo qualche settimana toccò ai bambini. Esattamente una quinta. Si sa, per chi “vive ogni giorno l’aula” che è impossibile chiedere agli alunni di fare assoluto silenzio. Eppure, nonostante un leggero brusio, ” l’esperta” chiese loro di fare silenzio, perché non riusciva a concentrarsi su quello che doveva riferire ( lezione noiosa ).
Da questo episodio traggo alcune considerazioni: spesso gli esperti  dimostrano la loro inconsistenza  a gestire  una classe costituita da “storie”. Ognuno di queste rimanda a un soggetto che ha diritto alla piena formazione interessante e motivata.  Situazione che diviene più complessa, oggi  per via della presenza di Bes, Dsa e diversamente abili, sui quali ogni esperto dice la sua, scrivendo su riviste specializzate o peggio ancora presentandosi come Autore di guide didattiche. Sempre però, fuori dall’aula, in un ambiente privo di rumori e delle dinamiche relazionali, Tra le tante banalità e ovvietà pedagogiche, dimenticano intenzionalmente il fattore numero ( 25 – 30 alunni ) che fa dire al filosofo “greco”  U. Galimberti che ormai  nelle aule è scomparsa la formazione, sostituita dal mero assistenzialismo.
E qui chiudo, linkano un intervento che condivido completamente
Se volete valutarci, venite in classe