Banchi monoposto, slitta la data di consegna finale

Banchi monoposto

Banchi monoposto, si profila un allungamento dei tempi di consegna.

Banchi monoposto, sempre più incerta la data di consegna finale. Intanto gli istituti scolastici devono accontentarsi di quello che hanno con inevitabili conseguenze sugli allievi e l’organizzazione degli spazi.

Banchi monoposto, altro rinvio?

Banchi monoposto, la questione ha attirato l’attenzione di mass-media e del mondo politico. E’ stato un tema divisivo. Da una parte la Ministra rivendicava la scelta per motivi pedagogico-didattici, dall’altra parte l’opposizione ironizzava su quelli a rotelle, dimenticando che questi rappresentano meno del 20% del totale.
La data finale di consegna ha subito diversi aggiornamenti: inizialmente  il commissario Arcuri aveva fissato  ‘l’imballaggio, il trasporto, la consegna, e il montaggio dei prodotti” entro il 31 agosto. La scadenza poi è slittata a ridosso dell’inizio dell’anno scolastico (14 settembre). Anche questa scadenza, però è stata aggiornata alla fine del mese di ottobre.
Ed ora pare che anche questa data ultima sia impossibile da rispettare. La conferma viene dal quotidiano “La Repubblica” (17 settembre): “Quattromila camion in 44 giorni. Ecco cosa servirebbe per rispettare la deadline fissata dal commissario straordinario D. Arcuri per la consegna dei due milioni  e mezzo di banchi monoposto. Poiché ogni tir contiene al massimo 500 banchi, vorrebbe dire essere capaci di far uscire dalle nostre fabbriche qualcosa come 90 autoarticolati al giorno, i quali poi devono raggiungere le città, entrare nei trafficati centri storici, scaricare i colli nelle scuole e, infine, montare i banchi…”

Chi rimpiazzerà le ditte escluse?

Il possibile nuovo slittamento della data ultima di consegna è imputabile anche all’esclusione di ditte non in regola. E questo si traduce in un buco di 400.000 banchi. “Dalla struttura commissariale fanno sapere che le risorse produttive basteranno lo stesso” in quanto le richieste sono superiori ai reali fabbisogni delle scuole. Restano però molte incertezze sui tempi di consegna finale. Il quotidiano azzarda una previsione: entro il 2020 e senza penali!
Quanto peserà tutto questo sui molti alunni costretti a lavorare su banchi vecchi e spesso inadatti alla loro altezza? Quanto condizionerà sulla definitiva operazione delle perimetrazioni che dovranno garantire il distanziamento?
Altri interrogativi si aggiungono ad altri, caratterizzando questo anno con tante domande e poche risposte.