Posted in: Contratto scuola, Opinioni, Tutti gli articoli

Contratto: banco di prova per i sindacati!

banco di prova

Dopo otto anni la situazione è complessa

A fine mese riprenderanno gli incontri per la definizione del nuovo contratto di lavoro che rappresenta un banco di prova per i sindacati. Indubbiamente la situazione è molto complessa. Molti sono gli elementi che rendono titanica l’impresa dei sindacati nel portare a casa un buon contatto.

Gli elementi da dipanare

Li elenco sinteticamente.
1) I sei mesi di non copertura del contratto. In altri termini, dalla sentenza della Corte Costituzionale (24 giugno 2015 ) a dicembre 2015 nessuna norma prevede una copertura economica del periodo. Si legga a tal proposito il mio intervento di qualche giorno fa. Non è corretto ignorare questi mesi, dopo la delusione della non retroattività sancita dalla suddetta sentenza.
2) Per molti docenti, che attualmente sono al limite dei 1.500€ mensili, esiste la concreta possibilità che l’aumento minimo li metta nella condizione di perdere gli 80€ mensili.
3) Il governo offre un piatto di lenticchie. Traduco: 85€. Attualmente però sono circa 50€. proposta irricevibile, irriguardosa. Per due motivi. Dopo otto anni non è possibile far passare questa “elemosina” per aumento o adeguamento. Ho difficoltà a definirla anche elemosina! A questo aggiungo che considerati quanto i docenti hanno dato per il risanamento della spesa pubblica (per la Corte Costituzionale questo elemento ha giustificato il blocco dei contratti). la proposta del governo è assolutamente da rigettare.
4) Con la firma del contratto economico si perde la vacanza contrattuale. Da qui la situazione  paradossale: da creditori, si diventa  debitori (mi riferisco ovviamente agli attuali beneficiari degli 80€).
5) La legge Brunetta,  i cui effetti non sono stati annullati nel nuovo T.U., condizionerà non poco la parte giuridica del contratto.

E i sindacati

Tutti questi elementi restituiscono una situazione molto complessa, difficile. Richiederà tutta la capacità e competenza sindacale per uscirne bene. Al momento le dichiarazioni esprimono soddisfazione per l’apertura della trattattiva. Ci mancherebbe!
Chiedo: sono consapevoli che non potranno firmare un “contrattino”, irricevibile dal punto di vista economico e punitivo da quello giuridico? Sanno che dovranno impegnarsi, e non poco, per strappare un contratto decente? In alternativa alla proclamazione di uno “scioperetto”(=puntura di spillo, assolutamente innocuo, sono disposti ad alzarsi dal tavolo della trattativa e non firmare il contratto?  Mi auguro che abbiano questo coraggio! La situazione è da “far tremare i polsi”!