Bes e superdotati, il Miur “armiamoci e partite”. Molto semplice!

Bes e superdotati

Bes e superdotati, nulla di nuovo dalla nota del Miur. la presenza delle classi pollaio rende tutto difficile.

Bes e superdotati, il Miur ha pubblicato una nota che conferma un principio costituzionale e arcinoto agli insegnanti. Purtroppo le classi pollaio rappresentano un impedimento alla realizzazione di una scuola inclusiva.

Bes e superdotati, la nota del Miur

Bes e superdotati, molti pensano che tra le due realtà non ci sia alcun collegamento. Il convincimento è supportato anche dalla prassi didattica, incentrata sull’elaborazione del Pdp per alunni e studenti che non rientrano nella Legge 102/92 e nello specifico nell’art. 3 comma 1 o 3.
Non è così! La diversità è la specificità di ogni persona. Lo affermava R. Gay negli anni ’70, quando scriveva che la diversità non è un tratto eccezionale appartenente ad alcune persone, ma ordinario di ogni individuo.
Pertanto non stupisce la nota del Miur del  03.04.2019, prot. n°. 562. Molte conferme di aspetti già conosciuti e messi in atto. Interessante, invece il seguente passaggio che presenta un aspetto poco praticato:”In base alle segnalazioni ricevute dalle scuole e alle comunicazioni scientifiche dei settori accademici di riferimento, emerge come fra la popolazione scolastica siano presenti bambini ad alto potenziale intellettivo, definiti Gifted children in ambito internazionale. A seguito dell’emanazione della Direttiva 27.12.2012, molte istituzioni scolastiche hanno considerato tali alunni e studenti nell’ambito dei Bisogni Educativi Speciali. Tale prassi, assolutamente corretta, attua la prospettiva della personalizzazione degli insegnamenti, la valorizzazione degli stili di apprendimento individuali e il principio di responsabilità educativa.
Anche in questo caso la strategia da assumere è rimessa alla decisione dei Consigli di Classe o Team Docenti della primaria che, in presenza di eventuali situazioni di criticità con conseguenti manifestazioni di disagio, possono adottare metodologie didattiche specifiche in un’ottica inclusiva, sia a livello individuale sia di classe, valutando l’eventuale convenienza di un percorso di personalizzazione formalizzato in un PDP.”

Il rischio che rimanga tutto sulla carta

Chi non può essere d’accordo? Purtroppo le classi pollaio rappresentano un impedimento alla realizzazione di una scuola realmente inclusiva di tutti e di ognuno. L’aberrazione pedagogica pone la scuola fuori dalla Costituzione, in quanto costringe il docente a ridurre all’osso la personalizzazione, a beneficio di una uniformità che coinvolge le strategie e i contenuti. Scriveva D. Milani “Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali“.
Il compito del Miur è quello di confermare il quadro normativo vigente, utilizzando frasi ad effetto. La gestione della complessità resta agli insegnanti.  In altri termini: “armiamoci e partite

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.