Posted in: Contratto scuola, Tutti gli articoli

Bonus merito, “la vittoria mutilata” dei sindacati!

Bonus merito
Bonus merito depotenziato, la rettifica del Miur chiarisce e sancisce la “vittoria mutilata” dei sindacati.

Bonus merito, venerdì 9 febbraio i sindacati hanno annunciato ai quattro venti di aver depotenziato la L.107/15, dimezzando il bonus a vantaggio del tabellare (stipendio). Il Miur smentisce. Vittoria mutilata?

Bonus merito depotenziato, le dichiarazioni trionfalistiche dei sindacati

E’ caduto un pezzo della 107, con una parte del bonus merito che andrà a confluire nello stipendio.” ( tecnicadellascuola.it)”
“Abbiamo inoltre destinato – proseguono i sindacati firmatari – per le retribuzioni tabellari quota parte dei 200 milioni finalizzati al bonus docenti e messi invece direttamente in busta paga.” ( orizzontescuola.it)

Il Miur e di altro avviso

Di diverso avviso è il Miur sul bonus merito.
Si legge sul sito istituzionale ( in grassetto la parte più significativa)
“Nessun dimezzamento della valorizzazione del merito delle e degli insegnanti e ad assegnare il cosiddetto bonus per i docenti previsto dalla legge 107 del 2015, che ha riformato il sistema di istruzione, saranno sempre i dirigenti scolastici. Cosa cambia, dunque, con il rinnovo del contratto siglato il 9 febbraio mattina? Poiché l’articolo 40 del decreto legislativo 165 del 2001 fa rientrare tra le materie di contrattazione anche la valutazione delle prestazioni ai fini della corresponsione dei premi, il testo siglato venerdì scorso, che, va ricordato, è il primo rinnovo che arriva dopo l’approvazione della legge 107, prevede che le scuole contrattino i criteri generali per la determinazione dei compensi previsti dal cosiddetto bonus dei docenti. Quindi non i criteri valutativi, ma i criteri per la determinazione del suo ammontare: ad esempio, il dirigente scolastico e la parte sindacale potranno convenire, in sede di trattativa, di prevedere un valore economico minimo o massimo per il premio individuale. Quelli inseriti nel rinnovo contrattuale sono dei principi di trasparenza che mirano a rafforzare e non a indebolire l’istituto del bonus che, anzi, entra a regime. Resta ferma, poi, la procedura prevista dalle legge 107 del 2015 per la determinazione dei criteri per la valutazione (è previsto un apposito comitato per la valutazione) che non sono soggetti a contrattazione, nonché la competenza del dirigente per l’individuazione dei docenti meritevoli.”

“Vittoria mutilata”?

Quindi nessuna spallata alla 107/15! Nessun dimezzamento! La parte destinata al tabellare corrisponde al 35%% (2018) e nei prossimi anni si assesterà sul 20%. Scrive il Miur: “L’importo disponibile per il bonus passa da 200 milioni annui a 160 milioni a regime (130 milioni solo nel 2018), pari all’80% di quanto riconosciuto sino ad oggi.
Cosa dire? I sindacati hanno ottenuto poco e non hanno depotenziato i meccanismi di attribuzione del bonus merito. Per questo occorreva un atto legislativo!
A mio parere il sindacato ha ottenuto poco o nulla.
Non poteva essere diversamente. Il governo non poteva sconfessare la L.107/15, fiore all’occhiello del renzismo!
Interessante il sottile dietrofront della Segretaria Generale della Cisl-scuola (Intervista a UnoMattina, che da una parte tenta di nascondere il criterio confermato della Legge 107/15 con l’espressione “contrattazione”, dall’altra utilizzando l’espressione  della  “Determinazione dei compensi” senza spiegarne il significato.  Dichiara M. Gizzi:”Non abbiamo chiesto di abolire il Bonus – chiarisce la Gissi – Abbiamo voluto ridare VALORE alla contrattazione. Saranno le rappresentanze dei lavoratori a stabilire i criteri generali per la determinazione dei compensi previsti per il bonus dei docenti. Maggiore trasparenza. Un grande risultato per i lavoratori”
Concludo, era necessario firmare un contratto irrispettoso e poco dignitoso per i docenti, per ottenere solo una contrattazione di secondo livello ridotta  alla “determinazione dei compensi”, senza toccare le modalità di attribuzione? Declinata l’espressione si riferisce alla possibilità che  “il dirigente scolastico e la parte sindacale potranno convenire, in sede di trattativa, di prevedere un valore economico minimo o massimo per il premio individuale.”