Posted in: Informatica, Nativo digitale, Pedagogia, PNSD, Tutti gli articoli

Breve profilo del nativo digitale

profilo
Propongo sinteticamente il profilo dei nostri ragazzi, definiti spesso come “nativi digitali”. Condizione che spesso è connotata da passività,  comportamenti compulsivi e  riduzione del  giovane soggetto alle logiche del mercato.
1)Assunzione di identità diverse e spesso contradditorie. La decisione dipende dalla tipologia dell’ambiente virtuale frequentato;
2) esaltazione e trasfigurazione del corpo, attraverso il diffuso atteggiamento di pubblicare o “postare” foto, spesso fotoritoccate o alterate con  adeguati software;
3) condivisione di informazioni personali nei social network che insieme all’elemento precedente diventano la condizione per l’entrata nel tunnel del cyberbullismo;
4) alterazione del rapporto amicale che diventa in molti casi, opportunismo, usa e getta,  “liquido” scriverebbe  il sociologo Baumann;
5) esaltazione del  comportamento multitasking che condiziona pesantemente l’attenzione e l’impegno scolastico;
6) proiezione esistenziale nel virtuale, che si contrappone al reale fino  al suo rifiuto.
Questo significa tornare all’uso esclusivo della penna o del calamaio? Certamente no!!!  E’ necessario che noi adulti e insegnanti prendiamo coscienza di questo cambiamento cognitivo, emotivo, relazionale dei nostri ragazzi, individuando percorsi che immettano in questo profilo efficaci anticorpi costituiti anche da percorsi formativi adeguati al nuovo profilo. Ecco il senso della proposta della mia conferenza