Bullismo, la dichiarazione della Ministra che conferma…

Bullismo

Bullismo, interessante la dichiarazione della Ministra Azzolina che evita di parlare di coding

Bullismo, L. Azzolina conferma quanto ho scritto l’altro giorno.  Ovviamente ci sono dei distinguo, ma sostanzialmente siamo d’accordo. Non è possibile ridurre il digitale al coding!

Bullismo, la dichiarazione di Lucia Azzolina

Bullismo, ieri era la giornata dedicata alla riflessione sul vasto fenomeno del bullismo e della sua declinazione virtuale, definita cyberbullismo.
Sulla sua pagina facebook ha scritto:”Bullismo e cyberbullismo sono piaghe che richiedono una forte azione di contrasto. La scuola fa la propria parte e continuerà a stare in prima linea. Il Parlamento sta varando una nuova legge in materia. Ma serve il sostegno di tutti. Istituzioni, associazioni, esperti, famiglie: dobbiamo essere tutti in campo. Fare squadra. Stare al fianco dei ragazzi che, spesso, sono fragili, soli e hanno bisogno di essere guidati e accompagnati. Devono ad esempio capire che isolare un compagno, aggredirlo verbalmente o anche fisicamente, farlo sentire sbagliato, diverso, umiliarlo non sono semplici bravate. Le loro azioni possono avere conseguenze anche gravi e devono esserne consapevoli.
La risposta è nell’istruzione e nel rilancio dell’Educazione civica, anche in chiave di educazione ai media e social media e a un loro uso corretto, soprattutto nei linguaggi. Questo sarà il nostro lavoro come Ministero. Ne ho parlato oggi a Torino in occasione della Giornata contro il bullismo.

Qualche giorno fa avevo scritto…

Fa piacere ricevere delle conferme su quanto scrivo. L’altro giorno ho pubblicato un articolo che rifletteva sulla necessità di andare oltre l’identificazione del digitale con il coding. Indicavo la competenza informativa come una opzione diversa, rispetto all’imperante attenzione verso il  pensiero computazionale. Ovviamente senza porre un aut-aut tra i due approcci, semmai ipotizzavo la congiunzione “e” da declinare all’interno dell’Educazione civica.
Apprezzabile l’apertura della Ministra all’uso corretto dei linguaggi senza esprimere preferenze. Occorrerà fare attenzione alle prossime dichiarazioni e verificare se il Ministro confermerà la scelta di non sostenere un solo approccio al digitale.
Detto questo confermo il ruolo dell’informazione e della gestione delle personali “briciole di pane” (dati)  nella costruzione dell’identità digitale, che non può essere disgiunta dalla reputazione. Un profilo identitario difficile da ipotizzare oggi che comunque dovrà fare i conti con l’infosfera (A. Toffler, L. Floridi, S. Fedro…). Questo sarà l’ambiente dei prossimi anni caratterizzato dalla graduale invasione del digitale nel reale, il quale risulterà modificato e aumentato. Scrive D. Chieffi in un lavoro uscito in questi giorni: Nell’infosfera “le dinamiche psicologiche, sociali, percettive sono migrate dalle reti fisiche per innervare un contesto nel quale sono inseriti tutti i soggetti, anche quelli esterni alle reti fisiche. L’infosfera è un unicum completamente trasparente in cui reale e virtuale sono collassati” (“La reputazione ai tempi dell’infosfera”, Franco Angeli, 2020)
Ovviamente l’infosfera richiederà un’identità multiforme e variegata basata su più competenze che non possono essere limitate alla  gestione delle informazioni o al pensiero computazionale.