Ministro Bussetti, l’intervista dimentica la Riforma Gelmini

Il Ministro  Bussetti

Il Ministro Bussetti intende ritoccare “dolcemente” la Riforma di Renzi. Dimentica, però di citare quella più devastante per la scuola: La Riforma Gelmini/Tremonti

Il Ministro Bussetti sta rilasciando diverse interviste. L’ultima al quotidiano “LaVerità” ( 9 luglio 2018)Di tutto si parla, meno che di aula. Anticipo delle comunicazioni alle commissioni-scuola?

Bussetti, l’intervista  al quotidiano “LaVerità”

Ieri il Ministro Bussetti ha rilasciato un’intervista al giornale di M. Belpietro “LaVerità”.
Molte conferme e qualche novità  rispetto ad altre esternazioni. E’ ribadita, innanzi tutto  la volontà di non abrogare “La Buona Scuola”, ma solo di applicare “la tecnica del cacciavite” (Fioroni). In altri termini, si intende riformare la Legge 107/15 con atti amministrativi ( modalità soft), come tentò di fare il Ministro Fioroni ( 2007) con la riforma Moratti. Si legge, infatti, :” Alla scuola non servono ulteriori scossoni, riforme calate dall’alto per il gusto di intestarsi politicamente un cambiamento. Questo vuol dire non smantellare l’esistente senza motivo, né proporre azioni estemporanee. Rafforzeremo e consolideremo ciò che funziona
Seguono, inoltre,  la critica all’alternanza scuola/lavoro (“esperienza formativa snaturata“), la presenza degli smartphone a scuola “La tecnologia può fa bene alla scuola… le scuole sappiano regolarne in modo consapevole e attento le scuole”. 

Interessante la domanda, evasiva la risposta

Interessante la domanda sull’aumento delle certificazioni per le disabilità. La risposta è evasiva. Il Ministro dichiara ” Uno dei primi atti da ministro è stato la convocazione dell’Osservatorio permanente per la disabilità. Vogliamo costruire una scuola aperta a tutti e per tutti
Come non dare ragione a livello di principio teorico, derivante dalla Costituzione ( art. 34).  Quello che mi lascia perplesso è la dimenticanza dell’obbrobrio pedagogico delle classi pollaio. Questa presenza ha attualizzato in modo peggiorativo l’art. 3 comma 2 della Costituzione facendolo diventare “Non è compito della Repubblica  rimuovere gli ostacoli che impediscono…

La realizzazione di una scuola inclusiva, passa per l’abolizione della Riforma Gelmini

Inizio ad avere il sospetto che non si voglia “espellere” dal sistema formativo questo corpo estraneo, contraddicendo il contratto di governo Le ragioni sono due: i costi economici e il profilo politico del Ministro. Nel 2008-2009, infatti,  la Lega che faceva parte del governo Berlusconi, votò e quindi sostenne la riforma Gelmini-Tremonti (L.133/08 e D.M.81/09) che prevedeva un dimagrimento forzoso del sistema scolastico quantificato in 8 miliardi di €. Decisione che si concretizzò anche con l’introduzione delle classi pollaio, la cancellazione delle compresenze… Il Ministro Bussetti, infatti,  ha dichiarato al quotidiano “LaVerità” che ” in questo momento è anche utile e necessario intervenire per affrontare i problemi che la Riforma di Renzi ha generato” Chiedo: perché non citare anche le conseguenze devastanti della Riforma Gelmini?
Mi auguro di essere smentito oggi ascoltando il Ministro che illustrerà le linee programmatiche alle Commissioni-scuola.

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.