Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Caro ragazzo, benvenuto nel mondo degli adulti!

Caro ragazzo
Ogni scelta comporta delle conseguenze! Chi comprende questo è un adulto!

Caro ragazzo, benvenuto nel mondo della responsabilità Questa comporta l’assunzione delle conseguenze di scelte. Un brutto risveglio, per il ragazzo.

L’intervista del ragazzo

Il ragazzo che ha bullizzato il professore ha raccontato alle “Iene” la sua “bravata”.
“La gente mi riconosce come se neanche avessi ucciso una persona e ho subito delle minacce, via Instagram. Anche da gente di quarant’anni, da adulti…Ho fatto una ca****a, una ca****a grossa. Ho fatto delle cose che se ci penso ora non le farei, ho capito i miei errori. (…) Ho anche provato a chiedere scusa al professore e non mi ha nemmeno voluto parlare… I miei genitori sono preoccupati e non mi lasciano uscire, io penso che hanno anche ragione…Tornassi indietro non mi passerebbe nemmeno per l’anticamera del cervello di farlo perché mi son sentito male. Molti hanno scritto che ho una famiglia di m***a e quando ho visto anche i miei genitori a pezzi… Quando provavo a chiedergli scusa, sentivo il cuore piangere. E’ brutto vedere i tuoi genitori che hanno fatto tutto per te vederli così distrutti per una tua ca****a”, ha confidato il ragazzo. Che nega di essere un bullo, decisamente e ripetendolo: “No, io non sono un bullo. Non sono un bullo!“.

La vita come un “videogame”

Le dichiarazioni “fotografano” una tipologia di ragazzo (fortunatamente ne esistono tanti  di “altra pasta”).  Vive in una ” bolla sapone”,  in un grande “videogioco” che può terminare anche con un “game over”.  Nulla di irrimediabile! Se si sperimenta l’esito negativo, è sufficiente “tornare indetro” e ripartire da uno dei salvataggi. Tutto si sistema, tutto torna al suo posto! Le scelte, non comportano conseguenze durature e dolorose.  Possono essere annullate con un riavvolgimento della storia.
Questa mancanza di contatto con la durezza della vita, è spesso favorita dagli interventi diseducativi dei genitori, finalizzati a edulcorare la realtà, a spianare le difficoltà,  a favorire cambi di impegno quando questo comporta fatica, studio…

Caro ragazzo, benvenuto nel mondo delle responsabilità

Questa scelta diseducativa prima o poi è “messa fuori gioco” dalla vita. Quasi sempre questo comporta un brutto risveglio. E’ il caso del ragazzo! In questo momento si rende conto che la sua scelta ha comportato delle conseguenze. Per se stesso, i suoi genitori. Il contesto si è rivelato crudele, spietato. L’esito è la solitudine.
Superficiale la risposta, riposta in un “mi dispiace”. L’espressione nasconde l’illusione che sia sufficiente a rimettere a posto la situazione, facendola ripartire dal punto precedente al “fattaccio”. Civilmente non è così! E non può essere così! Suo malgrado sta diventando, forse, un esempio per tanti “bulli” e “bulletti”, formati a ritenersi ” non imputabili”. Di questo ne sono responsabili anche applicazioni e social media che garantiscono “anonimato” nella navigazione. condizione percepita come uno “stato di invisibilità”. Grande balla!