Posted in: Recensioni, Tutti gli articoli

Casati: contro il colonialismo digitale

 9788858107317

Il lavoro di R. Casati ha molti scuri e qualche chiaro.
L’A. mette in risalto tutti i limiti del tablet o iPad quando si legge un libro. La loro natura distraente, dovuta alle tante applicazioni, non facilita la replicazione delle condizioni per “processare” ( analisi, sintesi… ) i concetti proposti. L’A. dimentica però di presentare la solitudine del lettore prodotta dalla lettura di un e-book ( il lavoro di Casati rientra in questa tipologia ) su un reader ( Kindle, Kobo…). Da alcuni anni leggo molti e-book ( filosofia, saggi…) su un reader e sinceramente devo dire che riesco a replicare la stessa condizione di solitudine del lettore, riuscendo dopo la lettura a realizzare uno schema o una mappa concettuale dalla lettura dell’indice. A questo vantaggio aggiungo quelli oggettivi: azzeramento del peso, dello spazio e costi contenuti. Pertanto sono in disaccordo con l’A. quando afferma che tutti i  dispositivi elettronici ” rubano” la lettura autentica. Da qui discende la tesi di Casati che la scuola non deve adeguarsi al turbo-movimento della società tecnologica, ma abbracciare la sua lentezza per favorire gli approfondimenti e la processualità, attraverso la lettura cartacea e tutto quello che caratterizza il “profilo storico” dell’istituzione scolastica . Su questo sono in parte d’accordo, in quanto  lo stesso obiettivo può essere conseguito  con l’apporto  dei diversi dispositivi elettronici. Questi ovviamente devono essere collocati  all’interno di un progetto di formazione che implementi la pedagogia 2.0. In alte parole, i dispositivi digitali ( device come direbbero molti ) devono uscire dalla logica della pura strumentalità per divenire oggetti educativi, ristabilendo la loro natura di mezzi e non di fini.
Interessante, l’approccio all’uso di Wikipedia che può essere un esempio di adozione intelligente della tecnologia.
Ne consiglio la lettura, perché lo ritengo utile per l’elaborazione di una pedagogia 2.0 la quale a “latere” non esclude l’uso dei mezzi classici, relativizzandoli però all’interno di uno scenario mutato.