Archivi categoria: Autonomia differenziata

Autonomia differenziata, addio definitivo alla scuola della Costituzione?

Autonomia differenziata

L’Autonomia differenziata per la scuola, se approvata, porterà a dei cambiamenti, ma comporterà anche dei rischi, riguardanti la dimenticanza della Costituzione.

Autonomia differenziata per le scuole, l’eventuale riforma porterà a riconsiderare tutto il sistema formativo. Tra i tanti risvolti è la definitiva affermazione del modello aziendalistico, iniziato nel lontano 1997 con la Legge 59 riguardante l’autonomia scolastica.

Autonomia differenziata, molti i cambiamenti e il rischio di dimenticare la Costituzione

Autonomia differenziata per la scuola, inevitabilmente porterà a dei cambiamenti. Apparentemente tutti diversi. In realtà trovano la loro sintesi e quindi il loro significato nella dipendenza dalle Regioni. Lo scenario, tuttavia non è nuovo. La legge Casati del 1859 stabiliva, infatti che le scuole elementari dipendessero dai comuni e quindi dalla loro capacità finanziaria.
Tornando all’oggi, si percepirà maggiormente il potere politico locale, favorendo la frantumazione del sistema d’istruzione.
Questa nuova configurazione si avvertirà maggiormente  nel tradimento e nella dimenticanza definitiva della Costituzione che prescrive   la formazione dell’uomo  e del cittadino all’insegna della democrazia. In altri termini il processo di aziendalizzazione iniziato nel lontano 1997 con la legge sull’autonomia scolastica si concluderà e vedrà la totale dipendenza delle scuole al sistema produttivo. Saranno messe in soffitta, quindi le discipline classiche che contribuiscono alla formazione del pensiero, ed esaltate quelle che servono al finanzcapitalismo (L. Gallino).

Autonomia differenziata, un esempio viene dal Veneto

E’ di questi giorni l’iniziativa dell’Assessore alla scuola e al lavoro Elena Donazzan (Veneto). Si legge nel comunicato stampa (16.07.2019): “Nei primi quindici giorni di settembre, prima che l’anno scolastico entri a pieno regime, i docenti del Veneto sono invitati a visitare e a vivere alcune giornate in azienda, confrontandosi con imprenditori e tecnici su innovazione, proposte educative e formative e sulle esperienze di alternanza scuola-lavoro... Sono certa che questo nuovo strumento di alternanza, che rinforza il modello veneto dell’educazione, potrà diventare il modo per superare le reciproche diffidenze e portare quella giusta contaminazione tra esperienze e storie diverse, quella della scuola e quella dell’impresa
Se qualcuno ha ancora dei dubbi sul futuro di una scuola regionalizzata e quindi aziendalizzata, l’iniziativa li dissolve. In questo modello di scuola la grande assente è la Costituzione. E non è cosa di poco conto.

 

Marco Bussetti sempre più Ministro leghista

Marco Bussetti

Marco Bussetti sempre più Ministro leghista dell’istruzione.

Marco Bussetti Ministro dell’istruzione persegue la sua riforma. Meglio quella della sua parte politica. Senza problemi dimentica altri aspetti del contratto di governo che riguardano il mostro della Riforma Gelmini.

Marco Bussetti e il suo sostegno al progetto leghista

Marco Bussetti si sta dimostrando sempre più un Ministro di parte. Sostiene e amplifica quelle parti del contratto di governo più vicine al sentire leghista. La regionalizzazione ne è l’ultimo esempio. Da subito il Ministro ha espresso il suo appoggio alla cosiddetta autonomia differenziata, limitata per ora a tre regioni (Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna). Ha dichiarato al quotidiano La Stampa : L’autonomia può essere un’opportunità. se ci sono territori che pensano di poter utilizzare meglio le risorse nazionali, e di poter aggiungere risorse proprie per migliorare il settore dell’Istruzione, perchè impedirlo”
Pur con maggiore freddezza, traspare il medesimo appoggio nella dichiarazione riportata dal portale ScuolaInformaIl tavolo sull’autonomia non è saltato, assolutamente – ha assicurato il ministro Bussetti. ‘Alcune Regioni chiedevano, proprio per dare le stesse possibilità a tutti in tutti i territori, anche in quelli disagiate, di riqualificare al meglio la propria istruzione e legare alla scuola i propri docenti. Di qui – spiega Bussetti all’Ansa – la possibilità eventuale di incentivi per i docenti che svolgono il loro lavoro in zone disagiate, per incentivare la permanenza; lo spirito è questo, poi discuteremo i dettagli, non c’è alcuna volontà di differenziare gli stipendi”

Marco Bussetti sempre più Ministro della Lega

Ha ragione il leader di Sinistra Italiana Nicola Frantoianni quando dichiara che il Ministro Bussetti ha gettato la maschera. In realtà, come da me più volte scritto, il Ministro Bussetti raramente ha nascosto il suo orientamento politico. Si leggano gli articoli  ” Ministro Bussetti nel suo elenco manca…il Ministro strizza l’occhio alla Lega” , “Il Ministro ha dimenticato la regionalizzazione“.
In sintesi, Il ministro Bussetti sta perseguendo gli obiettivi della sua parte politica, ignorando il mostro della Riforma Gelmini  (2008-09) votata anche dalla Lega di U. Bossi.