Archivi categoria: Bullismo

Polizia di Stato, operativa l’applicazione contro il bullismo e…

 

Polizia di stato

YouPol, un’applicazione utile di contrasto al bullismo e spaccio di droga.

Polizia di Stato, dopo una prima fase di sperimentazione che ha riguardato alcune città, l’applicazione YouPol è operativa su tutto il territorio nazionale.
Si può scaricare da  Google Play
Permette di interagire con la Polizia di Stato, inviando segnalazioni sui casi di bullismo  e di spaccio di droga.
Foto e testo inviati sono geolocalizzati, permettendo di individuare il luogo dove si verificano gli eventi.
Da quando è partita l’iniziativa l’installazione dell’applicazione ha raggiunto i 118.000 clic. Le segnalazioni per casi di bullismo sono state 1.152, mentre per uso di sostanze stupefacenti 2.132.
Qui di seguito il tutorial
E’ disponibile anche un tutorial per non udenti

Anziano bullizzato, un sincero grazie alla magistratura!

Anziano bullizzato

Anziano bullizzato . Un giudizio severo della magistratura sulle famiglie di due bulli-maggiorenni!

Anziano bullizzato, un primo pronunciamento che conferma l’art. 30 della Costituzione. I primi responsabili educativi senza se e senza ma sono i genitori. Nel bene e nel male!

Anziano bullizzato, la magistratura ha iniziato a pronunciarsi

Anziano bullizzato. Grande prova di maturità pedagogica della magistratura. Ovviamente il suo contesto rimane la giurisprudenza che in questo caso si intreccia con la dimensione pedagogica. Nulla di nuovo, se pensiamo all’art. 30 della nostra Costituzione che recita: “E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio“.
In tal senso va letta il pronunciamento che ha negato la scarcerazione ai due ragazzi maggiorenni: riguardante i due ragazzi maggiorenni : i genitori “hanno dato prova di incapacità a controllare ed educare i due giovani“.
Giudizio severo che contrasta con la dichiarazione d un avvocato che definiva perbene le famiglie. Primo severissimo pronunciamento – siamo purtroppo ancora agli inizi-  che separa le responsabilità, attribuendo alla famiglia il ruolo fondamentale nel processo educativo. Compito che non si conclude con il raggiungimento della maggiore età. Coerentemente con il nuovo profilo di “responsabilità genitoriale”.