Archivi categoria: Contratto scuola

Contratto 2019-21, il solito canovaccio

Contratto 2019-21

Contratto 2019-21, la previsione è un esercizio facile, facile. Purtroppo!

Contratto 2019-21, si riaprono i giochi. I soliti giochi.  Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile.

Continua a leggere

Contratto economico 2019-21 una facile previsione

Contratto economico 2019-21

Contratto economico 2019-21. Inizia la sceneggiata, di cui conosciamo la conclusione.

Contratto economico 2019-21, si ripete il solito canovaccio! Si inizia con le dichiarazioni, segue l’indignazione dei sindacati e si concluderà con la firma di questi ultimi. La scena finale è facilmente prevedibile. E’ necessario rivedere il D.Lvo 29/93 e  uscire dalle priorità dei due movimenti di governo.

Continua a leggere

Il ministro Bussetti e la sua dichiarazione contrattuale “leggera”

Il ministro Bussetti

Una dichiarazione sul contratto molto “leggera”. Le prospettive non sono buone!

Il ministro Bussetti ha concesso un’interessante intervista. Sul contratto 2019-21 ha detto poco. Si è limitato a un principio, rimanendo con i piedi per terra sul resto. Consapevolezza del contesto normativo ?

Il ministro Bussetti e il passaggio contrattuale 

Su “Tecnicadellascuola.it” è stata pubblicata un’intervista al Ministro Bussetti. Molto interessante! Chiarisce maggiormente come intenderà muoversi il responsabile del Miur.
In quest’intervento, intendo soffermarmi sul possibile contratto 2019-21.
Si legge”
Capitolo contratto: a fine 2018 sarà già in scadenza. Quando si avvierà la trattativa per il rinnovo? Ritiene che il Governo abbia la possibilità di incrementare gli stipendi di docenti e Ata con cifre più consistenti rispetto ai 40-50 euro netti arrivati dopo nove anni?
Dobbiamo lanciare un messaggio chiaro: gli insegnanti svolgono una professione di grande responsabilità. Questo va loro riconosciuto professionalmente ed economicamente. Il loro stipendio dovrebbe essere all’altezza del ruolo che hanno e dell’impegno richiesto. Non possiamo però far finta, come ho già detto in altre occasioni, di non conoscere la difficile situazione dei conti dello Stato. Incontreremo i sindacati a breve e parleremo anche di questo.”

Risposta “leggera”, ossia nulla si dice del contesto normativo

Indubbiamente la risposta risulta molto generica. Direi “leggera”. Si conferma la funzione strategica del lavoro del docente e quindi la necessita di un riconoscimento economico. Punto. Questa parte ricorda altre dichiarazioni, come quella di V. Fedeli sul raddoppio dello stipendio  ,  S. Giannini (Un contratto che premi i migliori)… Purtroppo anche nella dichiarazione di M. Bussetti domina il Nulla. In altri termini, manca il contesto normativo e l’azione per superarlo. Mi riferisco al D.Lvo  29/93 .  Scrivevo qualche mese fa: con il suddetto decreto  “gli effetti furono immediatamente percepiti . Il rapporto di lavoro fu privatizzato; furono introdotti nel pubblico impiego alcuni criteri, presi dal contesto privato: efficacia, efficienza, economicità; gli scatti biennali furono sostituiti  da quelli settennali; fu introdotto il criterio della “moderazione salariale” e soprattutto  gli aumenti contrattuali furono vincolati al tasso di inflazione programmata e non più a quella reale

Il prossimo contratto 2019-21, la stessa miseria, a meno che…

Quindi non illudiamoci! A quadro normativo invariato avremo la solita “mancetta”. In questo condivido la posizione di S. D’Errico che durante la trattativa del contratto 2016-18 dichiarava:”Per ottenere un contratto degno di questo nome – ha detto il sindacalista di base – occorre un accordo specifico per la scuola e quindi svincolarsi dal pubblico impiego, anziché creare un compartone in ossequio alla Madia: il problema però nasce dal decreto legislativo 29 del 1993, che ha relegato all’angolo tutti quelli che ne fanno parte, Scuola compresa, eliminando per loro il ruolo a favore dell’incarico a tempo indeterminato, gli scatti d’anzianità biennali per lasciare spazio ai gradoni di 6-7 anni e dovendo pure dire addio agli aumenti superiori all’inflazione programmata

Cgil scuola, proseguono i proclami, intanto…

Cgil scuola

Un esempio di distanza tra le parole e i fatti.

Cgil scuola, dopo il sindacato Cisl, fa proclami. Intanto, però ha quasi firmato un contratto indecente e irriguardoso.

Cgil scuola, il suo pronunciamento

Ha dichiarato la Cgil.scuola”Per guadagnare quanto un collega d’Europa un insegnante di infanzia e delle elementari dovrebbe avere – domani – un aumento in busta paga di 455 euro il mese. Un professore delle medie dovrebbe veder crescere lo stipendio di 363 euro, il collega delle superiori di 439 euro. Servirebbero, solo per questo, 6,8 miliardi… Il dato più importante, che discende dai primi due, lo abbiamo visto: il calo degli stipendi dei docenti italiani. E l’impietoso paragone con il resto dell’Europa avanzata. Solo nel 2009, penultimo contratto appena firmato, la retribuzione media del comparto era pari a 30.570 euro lordi. Nei sette anni successivi è scesa (con due piccoli recuperi nel 2011 e nel 2015) fino a toccare il pavimento nel 2016, ultimo anno rilevato: 28.403 euro lordi. Una perdita di 2.167 euro, il 7,1 per cento. Quest’anno, febbraio 2018, è arrivato il rinnovo del contratto della scuola e ha consentito una leggera crescita delle buste paga: 96 euro l’aumento medio per un docente, 84,5 euro per un amministrativo.”. Potrei proseguire, ma mi fermo qui.

Benissimo, ma il sindacato non ha le “carte in regola”

Mi chiedo come si fa ad affermare una significativa discrepanza tra un obiettivo significativo e il magro risultato ottenuto dalla Cgil-scuola? Non era meglio alzarsi dal tavolo e non firmare?  Ci vuole una grande immaginazione per definire la quota-contratto (mi riesce difficile definirlo come un “aumento” o incremento”) una “leggera crescita delle buste paga”. Io la definirei “leggerissima”, se consideriamo gli otto anni di blocco contrattuale. Determinazione ancora aperta ad  una peggiore, se il lordo dovesse risultare di “stato”.
Dimenticavo, il dossier o pronunciamento è finalizzato a vincere le prossime elezioni Rsu. A questo punto tutto ha senso, anche nascondere i fatti.