Archivi categoria: Culpa in vigilando

Legislazione, sentenze, commenti

Culpa in vigilando, un caso dove conta la coerenza…

Culpa in vigilando

Una vicenda chiusa con una sentenza che conferma il criterio della coerenza.

Culpa in vigilando, un caso che descrive comportamenti non coerenti con quanto previsto dai regolamenti interni di un Istituto. In questo caso l’Amministrazione scolastica in primis  è chiamata a risarcire la vittima.

Continua a leggere

Culpa in vigilando, quando l’evento ha una causa fortuita

Culpa in vigilando

Culpa in vigilando, la dinamica di gioco può provocare un incidente. In questo caso non esiste alcuna responsabilità per il docente

Culpa in vigilando, un’interessante sentenza che assolve l’insegnante, perché l’evento ha avuto una causa fortuita. Sentenza significativa che aiuta a comprendere quali circostanze possono scagionare il docente.

Culpa in vigilando, la vicenda

Culpa in vigilando, non sempre il docente è responsabile. I genitori ci provano con la complicità di avvocati, che ovviamente fanno il loro mestiere.
La vicenda. Uno studente si infortuna in palestra, durante una partita di pallamano. Durante una fase di gioco il ragazzo scivola e cadendo  urta  la panchina di legno, dove sedevano i giocatori di riserva, riportando lesioni alla bocca. Da qui la richiesta di risarcimento dei genitori .

La causa fortuita assolve il docente

In questi casi il genitore deve solo dimostrare che il figlio era presente a scuola. L’onere della prova finalizzata a discolpare spetta in primis all’Amministrazione , la quale può in un secondo momento rivalersi sul docente, ma solo nei casi di dolo o colpa grave (Legge 312/80 art.61).
L’art. 2048 comma 3 ribadisce il criterio dell’onere della prova, circoscrivendolo al docente “le persone indicate nei commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non aver potuto impedire il fatto“.
Detto questo, i giudici hanno assolto  il docente in quanto l’evento ha avuto una causa fortuita, derivante unicamente dalla normale dinamica di gioco. Si legge nella sentenza: “la partita rientrava nella normale attività didattica della scuola;… non vi era stata alcuna azione scorretta o comunque fallosa di altri giocatori;… la partita si è svolta interamente sotto il controllo diretto dell’insegnante;… il campo di gioco era perfettamente libero ed idoneo alla partita;… l’insegnante aveva preventivamente istruito i giocatori”.
Sulla presenza della panchina, causa del danno i giudici saggiamente scrivono: “essendo notorio che i campi da gioco siano fiancheggiati da una o più panchine per consentire ai giocatori di riserva di stare seduti, sicché la presenza della stesse costituisce ordinario completamento del campo da gioco, e non certamente in sé una insidia.
Da qui il riconoscimento che l’incidente ha avuto una causa fortuita, decretando quindi l’assenza di  ogni responsabilità da parte del docente.

 

I viaggi d’istruzione e le strutture alberghiere. L’importanza di un controllo preventivo

I viaggi d'istruzione

I viaggi d’istruzione. Aumenta esponenzialmente la culpa in vigilando, riguardando anche il controllo della struttura alberghiera.

Viaggi d’istruzione. Maggio-giugno è il  periodo migliore per organizzarli. Una sentenza che ha fatto molto discutere conferma la necessità del controllo della struttura alberghiera. Azione da attuare sempre. Anche in presenza di ragazzi quasi maggiorenni.

La vicenda di una ragazza quasi maggiorenne

Viaggi d’istruzione. La culpa in vigilando aumenta esponenzialmente, riguardando non solo i comportamenti degli studenti, ma anche il controllo preventivo della struttura alberghiera che deve possedere i requisiti di sicurezza. Sempre, anche in presenza di studenti prossimi alla maggiore età.
Il riferimento è una sentenza della Corte di Cassazione  (n°1769) del lontano 2012 che è intervenuta sul caso di una sedicenne (quindi minorenne), precipitata da una terrazza di un albergo e rimasta paralizzata. Dagli accertamenti  era emerso che la studentessa, dopo essersi ritirata nella sua stanza  apriva la finestra, ne scavalcava il parapetto, per appartarsi con un suo compagno presso il solaio  e consumare sostanze allucinogene. Rimasta sola, probabilmente per scarsa lucidità, cadeva nel vuoto.

Le prime due sentenze “sensate”

La ragazza divenuta maggiorenne attivava un procedimento civile basato su queste criticità:
a) la violazione dell’obbligo di vigilanza da parte dei docenti
accompagnatori;
b) la non conformità dei locali dell’albergo ai regolamenti edilizi e di
sicurezza.
In sintesi i primi due gradi di giudizio (Trieste, 2005-2009) respingevano l’istanza della ricorrente in quanto ““non può ritenersi che l’obbligo di sorveglianza possa/debba spingersi fino a una penetrante perquisizione personale di tutti gli alunni sedicenni partecipanti alla gita (e in ogni momento di questa) in modo da poter rilevare l’eventuale possesso di sostanze stupefacenti e provvedere al loro immediato sequestro; né può richiedersi al sorvegliante  responsabile l’obbligo di vigilare anche sulla continuità del sonno degli allievi che, maggiori di anni sedici, dichiarino di volersi ritirare nella propria stanza per riposare”. A questo gli ermellini aggiunsero che l’altezza non a norma del parapetto (quindici centimetri più basso) non poteva essere la causa  della caduta, imputabile solo alla volontà della ragazza di scavalcarlo.

La Cassazione ribalta tutto

In terzo grado la Corte di cassazione ribaltò quasi tutto, sconfessando in parte i primi due giudizi. Pur confermando che la vigilanza, pur richiesta, non deve essere continua e prolungata  e quindi violare la sfera della privacy, i giudici ribadirono, però  che i docenti “per dimostrare la carenza di colpa non deve però ritenersi sufficiente quanto appena indicato; proprio perché il rischio che, lasciati in balia di se stessi, i minori possano compiere atti incontrollati e potenzialmente autolesivi, all’istituzione è imposto un obbligo di  diligenza per così dire preventivo, consistente, quanto alla gita scolastica, nella scelta di vettori e di strutture alberghiere che non possano, né al momento della loro scelta, né al momento della loro concreta fruizione, presentare rischi o pericoli per l’incolumità degli alunni.”

Le conseguenti responsabilità per i docenti 

Quest’ultimo passaggio rimanda a due responsabilità. Una “a monte”, l’altra “a valle”, che possono essere declinate rispettivamente nella responsabilità in eligendo e di dovuto controllo. La prima rimanda alla scelta di una struttura alberghiera idonea a garantire la sicurezza degli studenti, che deve essere supportata dalla certificazione inviata dai responsabili dell’albergo.
La seconda, invece è espletata in loco, verificando la corrispondenza tra la documentazione e la realtà.
Ne consegue che per i docenti-accompagnatori corre l’obbligo:
1) di ispezionare all’arrivo le stanze, individuando e valutando le diverse criticità (=pericolosità);
2) di ricercare eventualmente soluzioni alternative. Soluzione difficile da praticare in loco. Inoltre, con quali risorse economiche? Dei docenti? Impensabile e in ogni caso esposta alla contestazione dei genitori non interpellati;
3) di terminare  prematuramente il viaggio. Soluzione drastica, ma più praticabile rispetto a quella precedente.
L’alternativa al punto 2 e 3 è costituita dal “consiglio del buon padre di famiglia“, che avverte gli studenti dei rischi presenti nella struttura. La presente soluzione salva l’iniziativa, ma non riduce i rischi per i docenti.

 

 

Infortuni alunni e culpa in vigilando, le ultime sentenze

Infortuni alunni e culpa in vigilando

Infortuni alunni e culpa in vigilando. Le ultime sentenze confermano tutto

Infortuni alunni e culpa in vigilando, le ultime sentenze confermano ruoli e responsabilità all’interno dell’edificio scolastico e nelle sue pertinenze. Un ottimo contributo da leggere e tenere in evidenza.

Infortuni alunni, le conferme dalle ultime sentenze

Infortuni alunni e culpa in vigilando, il portale giuridico La legge per tutti ha pubblicato un’ interessante sintesi delle ultime sentenze, riguardanti gli infortuni degli alunni/studenti. Inevitabilmente i casi richiamano l’eventuale Culpa in vigilando (art. 2048 codice civile). I pronunciamenti confermano quanto già si sapeva. L’orientamento giurisprudenziale si applica ovviamente anche ai casi di bullismo e cyberbullismo.

Gli elementi ricorrenti

1) La responsabilità del docente, innanzitutto  persiste per tutto il  tempo in cui il minore è  affidato. E questo significa che ogni attività, svolta anche fuori dall’edificio scolastico, e qualunque incarico previsto dal Regolamento, sono implicitamente richiamati dall’art. 2048 comma 2);
2) l’onere della prova, inoltre spetta all’Istituto scolastico e nello specifico al docente (art. 2048 comma 3). Può coinvolgere anche il Dirigente Scolastico ( Culpa in organizzando ) se egli non può dimostrare di aver “preso adeguati provvedimenti contro l’aggressore, nonostante le ripetute segnalazioni ricevute“(Tribunale Roma Sez. XIII, con provvedimento del 04/04/2018). Quest’ultimo passaggio coinvolge i Dirigenti scolastici soprattutto nei casi bullismo;
3) gli insegnanti, infine sono esonerati da ogni responsabilità se possono dimostrare l’imprevedibilità dell’evento. “L’istituto potrà risultare esente da responsabilità, solamente provando che l’evento dannoso è derivato da una causa non imputabile alla scuola o ad un suo docente, essendo riconducibile ad un evento casuale non evitabile ed imprevedibile.” (Tribunale Genova Sez. II con Sent del 14/03/2018).