Posted in: Didattica a distanza

Dad, lo studio Indire conferma situazioni con dati difformi

Dad
Dad, uno studio dell’Indire presenta buoni segnali per il futuro del digitale a scuola.

Dad (Didattica a distanza) , tema che ha diviso gli insegnanti e in genere gli operatori della scuola. La polarizzazione ha nascosto lo stress test al quale è stata sottoposta la scuola. Uno studio che presenta la differenziazione del sistema scuola rispetto alle nuove tecnologie. Interessanti i risultati sull’inclusione.

Posted in: Didattica a distanza, Tutti gli articoli

Didattica a distanza, la richiesta di un ritorno. L’ovvia risposta della Ministra

Didattica a distanza
Didattica a distanza, si riprende a guardarla con simpatia. La proposta dei Presidenti di Regione. Il no della Ministra.

Didattica a distanza, molti iniziano a rimpiangerla, nonostante tutti problemi. Tra questi troviamo S. Bonaccini presidente della Conferenza delle Regioni. L’ovvia risposta di L. Azzolina, formalizzata nel silenzio del DPCM di prossima pubblicazione (15 ottobre)

Didattica a distanza, torna lo “spauracchio”

Didattica a distanza, torna ad essere la soluzione. Sicuramente non la migliore, ma la più sicura. A fronte di una riapertura delle scuole carica di insidie, di pericoli e soluzioni organizzative che sembrano fare acqua da molte parti, la Dad sta ricevendo diverse attenzioni, anche importanti. E’ il caso di alcuni Presidenti di Regioni , che a fronte di una difficoltà dei trasporti a mantenere le distanze, iniziano a inviare messaggi di attenzione al Governo. Si legge: “Per far fronte all’emergenza coronavirus Luca Zaia ha chiesto un ritorno alla didattica. Portavoce della proposta Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni. Il dem, come un ambasciatore che non porta pena, mette le mani avanti e considera l’idea “choc” e proveniente da “altri governatori”. Il leghista riconfermato alla guida del Veneto ha infatti chiesto al ministero dell’Istruzione di fare scuola a casa per i ragazzi degli ultimi anni di superiori.”

L’immediata risposta della Ministra Azzolina

Non si è fatta attendere la risposta della Ministra Azzolina che ha chiuso ogni tipo di confronto sulla proposta, aggiungendo che  “i ragazzi sono felici a scuola e ci devono rimanere”.
Fondamentale per la Ministra la didattica in presenza “perché garantisce formazione ma anche socialità, che altrimenti i giovani andrebbero a cercare altrove“. La Ministra conclude con un dato
i numeri e le analisi dell’Istituto Superiore di Sanità ci confermano che i contagi non avvengono dentro le scuole. L’attenzione deve essere invece orientata fuori, alle attività extrascolastiche, come ribadiamo da tempo”

Non poteva essere diversamente

La Ministra ha subito intuito la trappola: cedere alla Dad, limitatamente alle scuole superiori, significa creare un  precedente che potrebbe facilitare a breve altre richieste allargate alla scuola secondaria di primo  e alle primarie.
In questo modo si metterebbe in crisi l’intero piano del governo per il rientro in presenza elaborato nei mesi estivi con gravi ripercussioni anche per l’economia.
La conferma proviene dal  ministro per i rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, intervistato a Sky Tg 24: “Le scuole devono andare avanti. Ci sono stati investimenti, c’è il distanziamento. Ci sono alcune restrizioni, ma che vanno sempre incontro alla necessità di non prevedere un nuovo lockdown, che sarebbe molto pericoloso per l’economia” “Le scuole devono andare avanti. Ci sono stati investimenti, c’è il distanziamento. Ci sono alcune restrizioni, ma che vanno sempre incontro alla necessità di non prevedere un nuovo lockdown, che sarebbe molto pericoloso per l’economia
Concludendo. La posizione della Ministra L. Azzolina, sostenuta anche da G. Conte e da F. Boccia (Ministro per i rapporti con le Regioni) è stata confermata anche dal DPCM di prossima pubblicazione (15 ottobre), dove non c’è traccia di un ritorno a breve della Dad.

 

 

 

 

 

Posted in: Didattica a distanza

Didattica a distanza, tante critiche ma nessuna proposta valida

La didattica a distanza
La didattica a distanza sta ricevendo molte critiche. Gli oppositori, però…

La didattica a distanza  è entrata violentemente nel sistema scolastico. Molte sono le critiche. Non poteva essere diversamente, considerato lo strappo imposto dall’emergenza sanitaria. Gli oppositori, però non riescono a proporre alternative valide ed efficaci.