Archivi categoria: Ecdl

Esperienze, materiale, pubblicazioni

La ricerca delle informazioni nel Web. Una semplice capacità

ricerca delle informazioni nel Web
Video interessante, ma…

Nel mio navigare nel Web ho trovato questo interessante video, che illustra la modalità di ricerca delle informazioni nel Web. Sicuramente la risorsa potrà essere utile per chi intende affrontare uno dei contenuti dell’esame Ecdl o Eipass, relativo alla gestione di Internet e della posta elettronica. Indubbiamente la procedura risulta efficace e accettabile se le informazioni riguardano contenuti strettamente scolastici. Il discorso cambia per eventi o fatti recenti. Ma andiamo con ordine.

Capacità, non competenza

Non condivido la definizione di competenza digitale data alla procedura. A mio parere per il raggiungimento del livello complesso occorre che la ricerca sia seguita dall’analisi e dalla valutazione delle informazioni. Quest’ultime necessitano di passaggi operativi e cognitivi circa la validità e la credibilità delle informazioni.
Il Web ha rivoluzionato il mondo dell’informazione, facendo perdere l’esclusività ai mass-media tradizionali (televisione, radio, giornali) . E’ vero che il mezzo televisivo risulta ancora il canale privilegiato di informazione ( 97,5%), ma nel contempo risulta in ascesa l’utilizzo del media sociale Facebook (35,5). Questo è quanto si legge nel rapporto Censis-Ucsi sulla comunicazione ( 2016). E’ cambiata anche la relazione tra le persone coinvolte. Alla tradizionale verticalità e unidirezionalità della comunicazione  è subentrata quella postmoderna caratterizzata da verticalità, circolarità in un contesto di continua destrutturazione e ristrutturazione del’informazione.

 

Il Web grande opportunità, ma…

Ora tutti noi conosciamo che nel Web non è tutto oro quello che luccica. Sono aumentate esponenzialmente le ” bufale” ( fake news ) che richiedono una certa dose di riflessione ( Si legga un mio recente intervento ) che deve passare necessariamente attraverso un verifica del fatto ( fact checking ). Il Web è sempre più affollato di troll che alimentano ed espandono la loro presenza nelle comunità virtuali puntando sulla provocazione, sull’offesa, piuttosto che sull’argomentazione. Di fronte ad essi occorre conoscere e mettere in pratica una serie di risposte che ignorino il loro registro comunicativo.
Altro fenomeno in rapida ascesa è il clickbaiting. Pratica che attraverso una particolare confezione del contenuto induce il visitatore ad indirizzarsi verso determinati siti Web.
Questa sintetica panoramica necessita quindi di una serie di conoscenze, capacità, riflessione, e di valutazione dei fatti che oggettivamente vanno ben oltre la semplice capacità di ricerca di informazione.

Recensione. Certificazione informatica Aica :”Web editing”.


Esiste molto materiale finalizzato alla preparazione della certificazione Ecdl.
Purtoppo, risulta quasi assente o non aggiornato quello relativo alle altre certificazioni Aica.
L’Editore Manna che ha pubblicato l’ottimo contributo “La Nuova Ecdl Full Standard”, rincara la dose, “esplorando” le certificazioni informatiche relative al Web editing.
Il tentativo è ben riuscito! L’esposizione dei diversi contenuti  (termini e concetti del Web, principi del linguaggio HTML, utilizzo di un applicativo come Adobe Dreamweaver…) risulta chiaro, sostenuto dall’evidenziazione dei concetti-chiave e corredato da immagini che riescono   a rendere più semplici alcuni passaggi procedurali. Il colore poi fa la sua parte, dando vivacità a tutto il lavoro.
Al termine di ogni modulo sono proposti dei test di verifica. A questi l’Editore ne aggiunge   altri disponibili nel Web. Anche quest’ultimo materiale risulta chiaro, assolvendo al compito di riempire un vuoto che purtroppo caratterizza le certificazioni più impegnative del pacchetto Aica.
Unica pecca è il riferimento prevalente a Adobe Dreamweaver, applicativo di authoring, purtroppo disponibile solo in modalità shareware (30 giorni).

L’utilità della certificazione Ecdl, nonostante…

Chi mi frequenta sa che sono impegnato da diverso tempo sul fronte delle acquisizione delle fondamentali conoscenze e abilità di base digitali.
Ogni tanto leggo interventi sulla inutilità della certificazione Ecdl. Alcuni puntano sulla mancata “immortalità” della certificazione che bisogna rinnovare con un esame upgrade ogni cinque anni – questo lo dico io, non loro che si fermano alla scadenza, dimostrando di non conoscere i nuovi percorsi Aica. Altri, come gli Animatori Digitali dichiarano di non voler “mettere la faccia” – l’espressione è mia – proponendo la  prima alfabetizzazione informatica. Ricordo che un amministratore di una pagina Fb  dedicata agli Animatori Digitali – sono stato bannato, perché postavo  cose “fuori dal coro”-  , mi rispondeva: ” E si ora metto a proporre corsi di prima alfabetizzazione…”. Da qui ho compreso la riluttanza a proporre corsi certificati. Poco dignitosi per il loro profilo!   Altri come i formatori del PNSD dichiarano che la certificazione ecdl è superata, inutile. Mi piacerebbe conoscere quali titoli riconosciuti in loro possesso li  autorizza a fare queste dichiarazioni.
Ben vengano questi rilievi perché servono al sottoscritto per riflettere su questa personale scelta, che coesiste con altre più complesse come la ricerca attiva nel web, l’ipertestualizzazione,  la lotta il cyberbullismo al grooming,…
Ho scelto di impegnarmi con bambini, ragazzi e adulti nella prima alfabetizzazione perché la cittadinanza digitale ( V. PNSD ) si basa sull’acquisizione delle conoscenze e abilità di base. Ora la cittadinanza digitale è una declinazione di quella più ampia che fa riferimento all’affermazione dei diritti civili – manifestare la propria opinione, la propria religione… )   e sociali ( salute, istruzione…) . E oggi essi richiedono l’uso consapevole dei software di base ( a licenza o free ) la capacità di navigare nel Web per ricercare informazioni o altro materiale e gestire le webmail. Purtroppo il 57% dei professori, si esprime con un lessico inappropriato – “appiccico” il testo, ” spingo” il mouse, “batto” sulla tastiera…-  non sanno usare correttamente i software di base e navigare nel Web.  Non parliamo poi di sicurezza e di uso degli strumenti collaborativi . Quindi sono esclusi da una piena cittadinanza! Per loro l’incapacità di utilizzare a livello base gli strumenti informatici ( Digital Literacy ) si traduce nella minore possibilità far valere i loro diritti.
Stessa situazione si trovano i cosiddetti “nativi digitali”. Utilizzo minimo e pessimo dell’editor di testo – mancato adeguamento dell’impaginazione, scarso utilizzo della formattazione, dei rientri…- , inadeguata conoscenza del foglio di calcolo – scarsa conoscenza della sintassi per l’inserimento delle funzioni aritmetiche e logiche –  e degli strumenti di presentazione – le diapositive contengono tanto testo. Questo offline.
La situazione diventa drammatica quando sono online! E lo sono spesso h 24! Secondo una recente ricerca dell’Aica il 42% degli studenti universitari non disattiva il wifi quando non serve, esponendoli quindi a intrusioni o furti d’identità ( ingegneria sociale ) ; il 40% non protegge l’accesso al proprio smarthphone con gli inevitabili rischi di essere coinvolti nei fenomeni dell’outing, denigration ( declinazioni del cyberbullismo ) e del grooming ( adescamento sessuale online ); il 50% non controlla le autorizzazioni richieste per l’installazione di un’applicazione…
A queste situazioni il rimedio si chiama alfabetizzazione informatica ( Ecdl o Eipass ).
Il valore aggiunto delle relative certificazioni è far conoscere il lessico informatico “digitare”, “premere”, “cursore”, “input”, “output”, “Dati”, “informazioni”-, acquisire abilità multiprocedurali –  ad esempio si può attivare il copia/incolla dalla barra multifunzione, con il tasto destro o con i tasti di combinazione rapida…-  e le competenze di organizzazione e di ordinamento – ad esempio impostare tutto per cartelle, sottocartelle, file… Tutto questo spesso “ritorna”, utilizzando applicazioni complesse, conferendo all’insegnante o relatore un’autorevolezza che sicuramente non può avere una persona che presenta il suo Desktop caotico e “affollato”, di  file e cartelle.
Ovviamente da questo discorso non è esclusa la parte online. La certificazione di acquisizione di competenze digitali ( non informatiche ), abilita alla navigazione, inserendo ad esempio criteri più mirati per ricercare informazioni e all’individuazione delle “balle virtuali” ( fake news ) . Navigazione che assume, anche caratteristiche collaborative,  di utilizzo del cloud e sicura.
Certamente tutto “questo “tesoro” ( conoscenze, abilità, competenze), deve essere aggiornato periodicamente. L’Aica propone un esame di aggiornamento ogni cinque anni. E’ impensabile oggi certificare ” a vita” conoscenze, abilità e competenze dinamiche, come quelle digitali.
Tutto questo, ovviamente non serve, se la persona non ha la passione: il valore aggiunto che lo porta a non “sentirti arrivato”, a ripartire ogni volta che raggiungi un obiettivo. Personalmente sto sostenendo gli esami per la certificazione “IT Administrator Fundamentals”. La prossima sarà ”  Informatica giuridica” ( qui tutte le certificazioni). Senza escludere il periodico upgrade della certificazione ecdl.
Concludo. Le abilità di base digitali, come quelle del “leggere, scrivere, far di conto” devono essere insegnate fin da piccoli, in modo da favorire l’avvio di una formazione “corretta” che deve durare tutta la vita.

 

Ecdl primaria (Word ). Esperimento riuscito!


L’esperimento è riuscito! I nove giovani alunni della quinta primaria dell’I.C. “Carlo Levi” ( plesso Serrapetrona ) hanno dimostrato impegno, partecipazione e soprattutto tanto entusiasmo!
Gli argomenti che costituiscono il modulo Word della “Nuova Ecdl” non erano semplici e quindi potevano dimostrarsi noiosi o troppo distanti dal vissuto dei ragazzi.
E invece, sono riuscito a tenere sempre il coinvolgimento su livelli molto alti. Questo è stato confermato anche dai genitori e dall’insegnante di classe.
Giovedì scorso ( 4 maggio ) il corso si è concluso con una prova di verifica ( v. immagini  sotto ) che ha riguardato quasi tutti gli argomenti del modulo. Bene la media di successo è stata molto alta ( 90%).
Ho seguito questi criteri per l’attribuzione del punteggio sulle diverse capacità ( v. fondo seconda immagine). Richiesta ( =capacità ) completata 1 punto. Ad ogni errore all’interno della singola richiesta è stato sottratto 0,25 di punto.
Arrivederci al prossimo anno! Quest’anno si sono allenati. A settembre giocheranno la partita vera, sostenendo gli esami della Nuova Ecdl presso un Test Center.