Archivi categoria: Esperienze

Le mie attività, e tutto quello che ni hanno permesso di arrivare fini a qui

Alternative all’insegnamento a 60-65anni

Alternative all'insegnamento

Esistono alternative all’insegnamento. Basta impegnarsi! Governo e sindacati!

Alternative all’insegnamento da inserire nel nuovo contratto giuridico ci sono. Alcune sono già una realtà. Rappresentano delle valide alternative all’insegnamento. Soprattutto per chi sta uscendo dalla scuola per raggiunti limiti di età.

Contratto giuridico

Il prossimo contratto riguarderà la parte giuridica e quella economica. Quest’ultima sembra già definita dalle leggi di stabilità 2016-2018 con l’indecente e irriguardoso aumento di 85 € lordi nel triennio.
Invece il contratto giuridico che renderà coerente il nostro profilo con il Decreto Brunetta e altro ancora, offre ancora delle opportunità di confronto. 

L’insegnamento è un lavoro usurante

Si legge in un articolo  presente sul sito di Orizzontescuola.it: “Gli studi scientifici a disposizione (l’ultimo pubblicato nel 2016 ad opera della Università La Sapienza di Roma) dimostrano che l’alta usura psicofisica dei docenti è analoga in tutti i livelli d’insegnamento e prescinde pure dalla differenza dei generi maschile e femminile.”
Per chi entra tutti i giorni in aula, conosce benissimo la tensione che affianca la propria azione didattica. Questa è sempre “contagiata” da altri aspetti indiretti, ma ugualmente importanti: la cura della relazione costituita spesso da comunicazioni non verbali e che risultano in molti casi decisiva e propedeutica a un apprendimento significativo; la presenza di aspetti giuridici con risvolti civili e penali ( allergie, consegna in uscita  dell’alunno a persone autorizzate…). A questi aggiungiamo il livello acustico che gli alunni tengono sempre oltre la soglia di accettabilità. E per finire (per essere sintetici)  le classi pollaio e superpollaio che amplificano tutti i suddetti problemi, aggiungendone di nuovi.
Tutto questo grava sull’insegnante e in particolare sulla sua sfera psico-nervosa, che oggettivamente è più debole con l’avanzare dell’età anagrafica e con l’aumento degli anni di servizio.

 

Le alternative all’insegnamento già esistono

Da qui la necessità di differenziare la funzione docente, superando l’idea storicamente codificata che la professione dell’insegnante si identifica solo con il lavoro diretto  con i ragazzi.
Le alternative all’insegnamento già esistono. Penso all’Animatore digitale, al Referente Cyberbullismo, al tecnico di laboratorio informatico, al responsabile dei progetti Pon, al responsabile della biblioteca con funzioni anche di promotore all’educazione alla lettura, al tutor dei neo-assunti, al formatore…
Queste mansioni sono svolte “a latere” dell’insegnamento, spesso tra gli spezzoni o buchi-orario. Con l’aggravante di essere  gratis o quasi, concretizzando il nuovo mantra del liberismo economico che si nasconde dietro l’espressione tecnica dell’ottimizzazione. La strategia comunicativa ha il solo scopo di nascondere la realtà: il massimo dei risultati con costi contenuti o azzerati.

Sindacato, batti un colpo se sei presente

Chi può contrattualizzare questi profili con distacco dall’insegnamento ? Chi può dare dignità economica a queste funzioni, facendole entrare a pieno titolo nella funzione docente? Il sindacato. Quello che preoccupa è la percezione che esso stia andando  alla contrattazione in modo dimesso. E questa condizione non è ottimale per conseguire i suddetti obiettivi. Questi sono “indigesti” alla controparte, la quale punta all’ottimizzazione delle risorse umane, tra le più vecchie in Europa  , evitando nuovi costi economici.
Nonostante questo mi rivolgo al sindacato: batti un colpo se ci sei!

 

 

 

 

Formazione. Proposte corsi e Curriculum Vitae

formazione

Formazione. Per il nuovo anno scolastico, propongo i miei corsi.

Corsi

Le tematiche puntano alla alfabetizzazione informatica di base, con una particolare attenzione alla sicurezza.
Ritengo importante la proposta formativa ” Schemi, mappe concettuali e testo“, finalizzato all’acquisizione di un metodo di studio, che molti declinano nell’ “imparare ad imparare”.
Infine, propongo un percorso formativo finalizzato all’acquisizione di una competenza audio-video.

 

I corsi sono rivolti a Istituti scolastici ed Enti di formazione

Curriculum Vitae

A supporto dei corsi presento il mio CV.  (aggiornato a giugno 2017)
Queste sono le ultime attività svolte:
1)Intervento Convegno AID ( Associazione Italiana Dislessia. “La Didattica multimediale”      7 ottobre 2016)
2)Ideatore e formatore progetto “Ecdl per la primaria” (quinta- I.C. “Carlo Levi- )
3)Promotore e ideatore  del progetto Pon “Cittadinanza digitale e pensiero computazionale” 
4)Referente cyberbullismo dell’Istituto di servizio ( I.C. Levi)
5)Collaboratore con il 3° Municipio-Roma tematica “Cyberbullismo
6)Formatore Corso di informatica di base e livello avanzato (Liceo Scientifico Newton-Roma)
7)Autore articoli  su siti online ( ScuolaInforma, Fuoriregistro, Professione Insegnante, Regolarità e  trasparenza nella scuola, OggiScuola, Tecnicadellascuola, Retescuole) (
8) Corso aggiornamento presso I.C. “Donati” – Roma ( Soc. Apolab ) “Mappe in rete”

Info e richieste inviare messaggio in Scrivi

 

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Continua a leggere

Dispositivi “aperti” under 12. Il parere della Polizia

ridotta insicurezza

La situazione

Da diverso tempo mi soffermo sulla superficialità dei genitori, quando decidono di consegnare ai propri figli dispositivi “aperti” al Web e dintorni (smartphone, tablet…), ponendoli in una situazione di ridotta insicurezza.
Continua a leggere