Archivi categoria: Foto minori nel Web

Pubblicazione foto e video minori, le condizioni e i limiti

Pubblicazione foto e video minori

Pubblicazione foto e video minori, non si agire liberamente! Il discorso vale per la scuola e la famiglia.

Pubblicazione foto e video minori, questo è il periodo di attuazione  di  molte iniziative (visite d’istruzione, campi scuola…) che si prestano alla certificazione fotografica e video. Quali le condizioni e i limiti per la pubblicazione? Quali le responsabilità dei genitori e di terzi?

Pubblicazione foto e video minori, questo è il periodo di molte iniziative

Questo è il periodo (tarda primavera) dei campi scuola e delle visite d’istruzione. Sono iniziative che spesso necessitano di una slide show ( galleria immagini) o di un video per il valore aggiunto che l’immagine ha rispetto al cartaceo.
Le scuole , però sono soggette a dei vincoli. Il primo deriva dalla minore età dei suoi utenti (quasi tutti). Il secondo risiede nella  natura pubblica dell’istituzione formativa, che impone una maggiore attenzione sul trattamento dei dati personali dei minori, come le foto o i video che li ritraggono.

Le istituzioni scolastiche si trovano davanti a un bivio

Le istituzioni scolastiche si trovano davanti a due possibilità: cedere alla paura, quindi non pubblicare nulla o al più farlo con soluzioni dubbie. E’ di questi giorni la notizia di un divieto alla foto di classe, imposto da una preside per un inesistente riferimento alla normativa europea.
Il problema di questo approccio risiede nella prospettiva. Mi spiego. Il filosofo L.Floridi ha ipotizzato un’assimilazione progressiva del reale operato dal virtuale (Infolife). Nei prossimi anni le istituzioni dovranno essere capaci di gestire questo nuovo scenario. Senza paura, ma con  responsabilità, conoscendo le soluzioni tecnico-informatiche e nello stesso tempo muovendosi all’interno della normativa vigente.
Qualche esempio. I dati sensibili e personali, trattati dalle Istituzioni scolastiche,  dovranno essere conservati e protetti in spazi virtuali protetti (Cloud). Sarà necessario, soprattutto negli istituti superiori avere dei proxy con regole chiare e condivise di navigazione nel Web. Per contrastare il cyberbullismo nei comprensivi, sarà indispensabile  stabilire con i genitori un patto di responsabilità, dove quest’ultimi si impegnano a gestire a distanza lo smartphone del figlio (parental control). Infine dovranno essere in grado di gestire  cartelle e file crittografati contenenti dati personali e sensibili inviati tramite le email, account Google, Microsoft…

Il Garante della Privacy ha detto si alla pubblicazione

Queste sono solo alcune delle situazioni Molte altre, oggi non sono ipotizzabili.
Sicuramente oggi la pubblicazione delle foto o dei video è un problema molto sentito. Come comportarsi?
Ripeto quanto scritto più volte (Repetita iuvant), aggiungendo nuovi elementi.
Partiamo da quello che ha scritto il Garante per la privacy (“A scuola a prova di privacy”, 2016): ” Le istituzioni scolastiche pubbliche possono trattare solamente i dati personali necessari al perseguimento di specifiche finalità istituzionali oppure quelli espressamente previsti dalla normativa di settore. Per tali trattamenti, non sono tenute a chiedere il consenso degli studenti ” o dei genitori, in caso di minori con età inferiore ai quattordici anni.
Qualche settimana fa, scrivevoIndubbiamente l’istruzione e la formazione dell’uomo e del cittadino costituiscono il fondamento e il coronamento dell’istruzione pubblica. Tutto questo si declina in attività, progetti e altro che in molti casi in una logica di trasparenza e di rendicontazione richiedono la pubblicazione video e fotografico  del progetto realizzato

Le regole di una pubblicazione prudente 

Quindi quale trattamento devono avere questi dati personali? Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di documentare le attività formative previste nel Ptof ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo ‘si perde’  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere ila suddetta prospettiva risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività, un progetto previsti nel Ptof e non ‘il bel visetto’ dell’alunno/studente in primo piano.”

Le responsabilità dei genitori o di terze persone 

E’ necessario essere molto chiari con i genitori, comunicando che il prodotto multimediale è a uso personale  domestico. L’eventuale divulgazione su canali, chat, gruppi privati e diversi da quelli non collegati istituzionalmente con la scuola, richiede preventivamente il consenso scritto da parte di entrambi i genitori degli altri bambini ripresi nelle foto (Garante Privacy, Nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati personali, decreto attuativo 101/18 e sentenze tribunali di Mantova e Rieti). Pertanto, La divulgazione del materiale fotografico e video effettuato dal genitore o da altro adulto. senza consenso esplicito e quindi scritto da parte di chi ha la responsabilità genitoriale del bambino ripreso, costituisce un uso illecito del dato personale del minore.
Tutto questo riguarda anche le riprese video o gli scatti fotografici effettuati dai singoli genitori durante i saggi di teatro, musica, motoria…, le manifestazioni e le attività organizzate all’interno dell’Istituto.

 

 

Foto minori nel Web, una sentenza conferma la pubblicazione prudente

Foto minori nel Web

Foto minori nel Web. La pubblicazione nei siti scolastici e nei social media è possibile. Una nuova conferma da una sentenza

Foto minori nel Web, la questione crea contrapposizioni negli Istituti scolastici. Spesso vince la paura, che in prospettiva non è sicuramente la linea vincente. Eppure il Garante per la Privacy (2016) ed ora anche una sentenza (2007/19) sostengono la pubblicazione prudente di foto e video nei siti e pagine social.

Foto minori nel Web, una buona notizia dal “Sole24 ore

Foto minori nel Web. La pubblicazione  divide, contrappone docenti e Dirigenti scolastici. In molti casi vince la paura. Nell’immediato questa paga, perché paradossalmente tranquillizza. In prospettiva però, gli Istituti non possono essere governati dalla paura, considerata la progressiva e irreversibile esposizione nel Web di attività, progetti….
Ai fini di una gestione critica e responsabile dei dati personali (= foto e video) da parte delle scuole e  fondata su riferimenti autorevoli, viene in soccorso una recente sentenza, riportata dal  quotidiano “Scuola24“, associato al “Il Sole 24 Ore” . Si legge ” Solo la liberatoria firmata dai genitori salva il docente di un liceo classico romano sanzionato per aver realizzato un calendario con gli studenti nell’ambito di un progetto promosso dalla scuola, che però aveva irrogato al prof la censura per aver raccolto i dati degli alunni minori di propria iniziativa. In questo caso il tribunale ha accolto il ricorso del docente che aveva appunto fatto sottoscrivere la liberatoria ai genitori insieme all’informativa privacy (Tribunale di Roma, sentenza del 28 febbraio 2019 n. 2007).

Foto minori nel Web, una nuova conferma

La sentenza non è rivoluzionaria! In altri termini, non apre un nuovo scenario.
Il pronunciamento, pur presentato sinteticamente, conferma, infatti, l’orientamento del Garante della Privacy (2016) sulla liceità della pubblicazione di immagini e video nei siti scolastici di studenti, che certificano un progetto previsto nel Ptof. Non poteva essere diversamente. Si legge nel documento ” Le istituzioni scolastiche pubbliche possono trattare solamente i dati personali necessari al perseguimento di specifiche finalità istituzionali oppure quelli espressamente previsti dalla normativa di settore. Per tali trattamenti, non sono tenute a chiedere il consenso degli studenti ” o dei genitori, in caso di minori con età inferiore ai quattordici anni.
Indubbiamente l’istruzione e la formazione dell’uomo e del cittadino costituiscono il fondamento e il coronamento dell’istruzione pubblica. Tutto questo si declina in attività, progetti e altro che in molti casi in una logica di trasparenza e di rendicontazione richiedono la pubblicazione video e fotografico  del progetto realizzato.
Situazione leggermente diversa, che però non cambia il quadro d’insieme, per la pubblicazione di foto e video nei social media. In questo caso occorre il consenso esplicito del genitore o del minore ultraquattordicenne. Indicazione ripresa dal GDPR (25 maggio 2018 ) e dal decreto applicativo 101/08.

Chi non può far meno della liberatoria…

Tra la presa di posizione del Garante della Privacy (2016) e le scuole esiste, però una incoerenza, dovuta soprattutto alla cautela  entro la quale si muovono gli Istituti scolastici. Questi ultimi richiedono quasi sempre la liberatoria per foto o video pubblicati sui siti istituzionali.
Allora quali  caratteristiche devono avere queste richieste? Scrivevo quasi un anno fa: “Per quanto riguarda la chiarezza, devono essere espliciti il fine esclusivo di “documentare le attività formative” ( criterio della legittimità e proporzionalità), gli ambienti dove si intende pubblicare le foto (sito, social, piattaforma di condivisione…), il grado di privacy applicato o personalizzato… 
A questo occorre aggiungere la tipologia dei video o delle foto, definiti necessariamente  da secondi piani  dove il singolo ‘si perde’  nel piccolo o grande gruppo. A mio parere il suddetto materiale risulta coerente con il criterio della proporzionalità con il fine cioè documentare esclusivamente un’attività o un progetto e non ‘il bel visetto’ dell’alunno/studente in primo piano.”