Archivi categoria: Governo

Enrico Letta, dimentica l’operato del suo governo

Enrico Letta

La dichiarazione di E. Letta non fa una piega. Ha un limite: non è autorevole!

Enrico Letta rilascia un’intervista puntando il dito contro la “Buona Scuola” e la scarsa considerazione del governo attuale. Dimentica, però l’operato del suo governo

La dichiarazione di Enrico Letta

L’ex premier Enrico Letta ha rilasciato un’intervista. Ha detto:”Se il presidente del Consiglio nel discorso di insediamento non ha citato la scuola una volta, se la scuola nella scorsa legislatura è stato un casino totale, io sono preoccupato. Oggi la competenza è doppiamente necessaria”

Lo sfondo della dichiarazione di E.Letta

La dichiarazione è l’ultimo esempio di una comunicazione che ha come suo riferimento l’individuo dalla memoria breve, dove le informazioni durano un battito d’ali di farfalla. La  brevità rappresentativa impedisce il loro approfondimento. E questo significa  azzeramento della capacità critica e riflessiva delle persone, e quindi l’impossibilità per l’informazione di diventare conoscenza. Tutto questo definisce “l’uomo in superficie” (V. Andreoli,.

La sudditanza del governo Letta verso la Riforma Gelmini

La premessa era necessaria. E. Letta dimentica infatti, la sudditanza del suo governo (2013-14) verso la Riforma Gelmini (2008-09), il più devastante intervento sulla scuola. L’impegno del suo esecutivo si limitò ad applicare la “tecnica del cacciavite”, finalizzata a migliorarne l’efficacia del provvedimento. La Ministra Carrozza tentò di liberarsi dalla morsa mortale del criterio liberista di “trovare le necessarie coperture”, dichiarando a Radio 24 (maggio 2013) ” O ci sono dei margini per un  reinvestimento nella scuola pubblica oppure devo smettere di fare il Ministro dell’Istruzione”. Risultato: zero! Il governo Letta sostanzialmente sarà ricordato per un esecutivo “tranquillo”. Senza acuti!
Quindi ritengo che E. Letta non abbia l’autorevolezza per “bacchettare” altri sulla scuola.

La scuola dimenticata? Forse, probabilmente…

La scuola dimenticata

La scuola dimenticata? Le prime indiscrezioni sembrano confermare la peggiore delle ipotesi.  Il governo ha smarrito il cambiamento.

La scuola dimenticata, sembra che si sia l’accordo

Al riguardo dei possibili contenuti della Legge di Stabilità 2019, si legge: “priorità molto differenti. Reddito di cittadinanza e legge Fornero per i 5 stelle, FlatTax e sostegno alle imprese per la Lega.
Tuttavia nessun cenno, almeno nella fase preliminare, alle emergenze e ai fondi
6/9/2018 Legge di bilancio 2019, Di Maio e Salvini in accordo solo sulla Scuola: neanche un euro all’istruzione  Di Maio abbozza un riferimento alle infrastrutture, specie a quelle del sud “che sono praticamente inesistenti, ma anche alla manutenzione di quelle esistenti in tutta Italia”, senza alcun riferimento specifico alla questione sicurezza dell’edilizia scolastica.
Gli unici fondi per la scuola, che oltre alle infrastrutture avrebbe bisogno anche di risorse in vista della scadenza contrattuale 2018 per gli insegnanti, sembrerebbero quelli stanziati dal governo precedente e “trovati” da Bussetti. “Abbiamo trovato 7 miliardi che andranno presto ai Comuni e alle Province per la messa a norma – dichiarava ieri il titolare del Miur a RaiNews 24 – Inoltre, da parte di Asi e Cnr ci sarà un lavoro a costo zero per monitorare via satellite le oltre 40 mila strutture scolastiche esistenti”.

Possibile scenario da me anticipato

Il suddetto scenario l’ho anticipato qualche giorno fa.  “Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”.

L’attenzione alla scuola richiede altre condizioni

Ovviamente mi auguro che lo scenario ipotizzato non si traduca in realtà.  Le attuali condizioni non ci fanno sperare in un “#cambioverso”. Queste sono: le scarse risorse e le priorità che in tempi di “vacche magre” non favoriscono l’attenzione verso i beni immateriali come l’istruzione, che può essere colta come scelta strategica, solo valorizzando la prospettiva “oltre la punta del naso”

La legge di stabilità 2019, il banco di prova del governo

La legge di stabilità 2019

La legge di stabilità 2019 rivelerà le reali intenzioni di questo governo sulla scuola.

La legge di stabilità 2019, rappresenterà il banco di prova del governo per la scuola. Dal mega-provvedimento capiremo quanto si intende realizzare #ilcambioverso per la scuola.

Un inizio “deboluccio”

Finora il Ministro Bussetti è stato poco produttivo. In altri termini, poco è cambiato per la scuola! L’unico provvedimento significativo ha riguardato l’abolizione della chiamata diretta, con qualche ambiguità. Libero Tassella ha rilevato, infatti, la permanenza della titolarità di ambito e la durata triennale. Aggiungo, il provvedimento  è a costo zero. Quindi semplice da firmare.
Il resto sono chiacchiere, interviste.

Gli unici documenti importanti

In mezzo a questo “fiume di parole” emergono due interventi importanti fatti davanti alle commissioni scuola del Senato e della Camera dei deputati. Mi riferisco alle le linee programmatiche (11 luglio 2018) e all’audizione del 1° agosto.
Dal primo emerge l’intenzione di non abrogare “La Buona Scuola”, ma solo di applicare “la tecnica del cacciavite” (Fioroni). Ha dichiarato il Ministro: “come ha anche assicurato il Presidente del Consiglio, reputo che i nodi emersi in questi anni di applicazione vadano affrontati e sciolti completamente, in modo condiviso: quello che propongo è un riallineamento complessivo che ottimizzi un impianto normativo ormai operativo da qualche anno.”
Interessante la parte sulla scuola inclusiva. Molto formale, ma di scarsa sostanza. Non si dice nulla sull’abolizione delle classi pollaio.

Un’audizione inquietante, ma non tanto

La dimenticanza è stata superata dall’audizione del 1° agosto. Lascia perplessi! Non tanto, però, se pensiamo che il Ministro Bussetti è rappresentante di un movimento che nel 2008-2009 faceva parte del Governo Berlusconi IV. Quindi firmatario dei provvedimenti che hanno dato vita alla Riforma Gelmini (prelievo forzoso di 8 miliardi, abolizione delle compresenze del tempo pieno e formalizzazione delle classi pollaio…). Ha dichiarato il Ministro ” la media classi/alunni, a livello nazionale, è di 21,1 alunni per classe. In qualche caso  si sono verificate situazioni per le quali, vuoi per iscrizioni avvenute anche dopo i termini previsti, vuoi per taluni indirizzi di studio particolarmente specializzanti, e al solo fine di accontentare il più possibile le famiglie e gli alunni, potrebbe essersi verificato il caso della costituzione di singole classi numerose”
Da questa dichiarazione emerge l’approccio ragionieristico e l’intenzione di giustificare la presenza delle classi pollaio, come una conseguenza di un venir incontro alle esigenze delle famiglie. Sconcertante.

La legge di stabilità, conferma o superamento del profilo attuale?

Se il buongiorno, si vede dal mattino, allora siamo messi male! Anzi malissimo!
La prossima legge di Stabilità 2019 ci dirà molte cose. Capiremo meglio il “peso” della scuola. In altri termini, saranno svelate le reali intenzioni di questo governo sulla scuola. Le speranze sono poche! Direi ridotte al lumicino. Del resto il Ministro Bussetti ha parlato di “obiettivi realmente perseguibili”. Ora l’abolizione delle classi pollaio comportano un costo. Medesimo discorso  vale per qualunque altro elemento della Riforma Gelmini, voluta per sottrarre risorse finanziarie alla scuola. Se poi pensiamo che le poche risorse disponibili saranno destinate per la Flat tax, il reddito di cittadinanza, la riformulazione della Riforma Fornero, allora non ci resta che rassegnarci. Resta la domanda: ” Dopo questo governo su chi o cosa possiamo affidare le nostre speranze di cambiamento della scuola?