Archivi categoria: Legge 107/05

On. Malpezzi

On. Malpezzi, dimentica le promesse elettorali di Bersani

 

L’On Malpezzi, insiste nell’errore. L’insuccesso della “BuonaScuola” e nel mancato coinvolgimento dei docenti. In altri termini, la comunicazione non è stata efficace. Errore culturale ed espressione di una mancanza di autocritica.

L’intervista di Malpezzi

L’antefatto. Pasquale Almirante ha scritto ” In altri termini il Pd ha fatto proprio, mascherandolo con gli ambiti territoriali, un provvedimento della destra; provvedimento che Malpezzi, di sinistra, rimpiange senza tenere in conto che era già all’epoca inviso alla stragrande maggioranza dei suoi ex colleghi di scuola, contrastato dai suoi ex “compagni” di partito e odiata dal sindacato.”
Le parole del redattore di tecnicadellascuola.it , ch possono essere estese a tutta la riforma, confermano quanto da me scritto in alcuni articoli (ad esempio: “Governo Renzi… “).
L’on. Malpezzi risponde all’articolo di P. Almirante, ripetendo il medesimo spartito, fatto  proprio anche da M. Renzi (probabilmente l’ordine è inverso). Non abbiamo coinvolto gli insegnanti, che devono essere guidati, parafrasando Lenin,  da un’avanguardia illuminata. E il solito errore della sinistra, sintetizzata nella sua presunta superiorità intellettuale. Profilo ben analizzato dal sociologo L. Ricolfi in “Perché siamo antipatici…

L’on. Malpezzi dimentica…

Intendo integrare le fondate riflessioni di P. Almirante con la seguente osservazione: L’on Malpezzi dimentica le promesse elettorali  di P. Bersani (2013), tradite poi dal Governo Letta e Renzi.
Si prometteva ” i fiori all’occhiello , i gioielli della scuola italiana del tempo pieno a 40 ore e del modulo a 30 ore ( scuola primaria ) saranno rimessi in vetrina” In questo programma non c’é traccia della “Buona Scuola”, un aggiornamento del progetto Aprea (FI) e suggerita da un’associazione professionale (Treelle).
Il risultato? Gli insegnanti che votavano Pd si sono sentiti traditi e quindi lo hanno abbandonato!

Nuovo Miur, attendiamo i fatti, ma…

 

Nuovo Miur

Tanti auguri, con qualche speranza e molti dubbi!

 

Nuovo Miur, dopo Marco Bussetti ( Ministro), abbiamo Fioramonti e Giuliano ( sottosegretari). Attendiamo i fatti, ma le nomine non ci tranquillizzano.

Dubbi sull’abolizione della Legge 107/15

Dichiarava il nuovo Ministro Bussetti (Insegnante, Dirigente Scolastico e Dirigente dell’Usr Lombardia)   ” è un’ottima legge che ha permesso di cominciare a ragionare con un sistema integrato tra mondo del lavoro e scuola“. Noto il percorso professionale di A. Giuliano  (Dirigente Scolastico) che lo ha visto collaboratore del Ministro Giannini fino al 2016. A questo si aggiunge il suo sostegno alla “Buona Scuola”, certificata dalle seguenti dichiarazioni : “Difendo la legge con forza” e “La Buona Scuola non va abolita, ma migliorata“. Questi due tecnici sono affiancati dall’economista L. Fioravanti (un altro tecnico). Al momento è difficile cogliere la relazione tra il suo CV e il ruolo assunto all’interno del Miur.
Detto questo, preoccupa la posizione ambigua dei primi due   sulla “Buona Scuola” che in campagna elettorale l’on. L. Di Maio aveva dichiarato di voler abolire “senza se e senza ma”

E gli insegnanti? 

A questo occorre aggiungere la totale assenza di un docente nella cabina di regia. Eppure esisteva una candidata:  Bianca Laura Granato! E’ stata confermata, purtroppo, la regola che gli insegnanti sono ritenuti inadeguati a gestire la complessa macchina  organizzativa del Miur ( v. articolo)
Dopo queste prime decisioni che costituiscono dei “fatti”, attendiamo le prossime mosse. Sicuramente si poteva fare altro. E questo preoccupa!

Marco Bussetti, nuovo Ministro dell’Istruzione

Marco Bussetti

Marco Bussetti, esprimerà una discontinuità oppure confermerà le politiche degli ultimi anni?

Marco Bussetti, è il nuovo Ministro dell’Istruzione. Luci e ombre del nuovo riferimento per la scuola.

Marco Bussetti, nuovo Ministro dell’Istruzione

Finalmente avremo un nuovo Ministro dell’Istruzione. Non un insegnante! Era molto difficile! Certo una qualche speranza l’avevo nutrita in Bianca Laura Granato .
Dunque sarà Marco Bussetti. Responsabile dell’USR della Lombardia.

Un tecnico “impuro”

Quindi un tecnico! Fortunatamente non puro. Dal suo CV infatti si legge che ha ricoperto l’incarico di Dirigente Scolastico ( pag. 1)  fino al 2011, quindi una funzione vicina all’aula. Purtroppo, lo ripeto: non dentro l’aula. Il resto è un elenco di incarichi tecnici e politici di un certo peso. Sicuramente sarà sideralmente lontano dalle competenze di Valeria Fedeli. Non era molto difficile!

Tanti auguri e speriamo bene

Cosa dire? Per ora solo tanti auguri, sperando che riesca nella difficile impresa di abolire   la L.107/15 e parte della Riforma Gelmini ( Classi pollaio).
Solo i milanesi possono darci qualche notizia sulle sue decisioni riguardanti i suddetti aspetti. In altri termini: è stato un fedele e rispettoso funzionario che ha applicato le citate leggi, oppure è riuscito a muoversi , individuando tra le righe spazi di manovra originali?
A breve i fatti emetteranno il verdetto, iniziando dall’indirizzo programmatico!

Ministro dell’istruzione, la biografia anticiperà…

Ministro dell'istruzione

Dalla biografia del Ministro capiremo molto

Ministro dell’istruzione, al cambio di governo inizia il gioco di individuare possibili candidati al dicastero di Viale Trastevere. Anche questa volta si ripete lo scenario. Sono stati fatti diversi nomi. La loro biografia è sconfortante.

Ministro dell’istruzione, inizia il giochino

In attesa del nuovo governo, lontano dai fari mediatici, è iniziato il “giochino” per individuare il possibile responsabile del Miur. E questo nonostante che il M5S, che ha vinto le elezioni come movimento, abbia già candidato S. Giuliano. Questo significa che il possibile governo sarà di coalizione. Quindi è impensabile che la forza politica governativa  diversa dal M5S accetti la lista del Movimento senza “batter ciglio”.

I candidati, l’importanza della loro biografia professionale

P. Gomez ha recentemente pubblicato un instant-book “Il vecchio che avanza“, sul quale mi sono soffermato . Riporto qui la parte della premessa che ci interessa. Scrive il direttore del Fattoquotidiano.it “Guardate invece alle persone, alla loro storia, a quello che hanno detto prima e fatto poi. E a qualche numero indispensabile.”
Adotterò questo criterio per valutare i candidati fin qui proposti. La loro biografia racconta molto. Anticipa i loro rapporti con i nodi che caratterizzano la scuola. Come scrive P. Gomez, non fidiamoci di quello che evenualmente diranno. Le parole serviranno unicamente a confonderci.

I Candidati, M. S. Gelmini e S. Giuliano, uguali sono

Quindi passiamo ai fatti. Alcuni nomi sono stati analizzati da me, in alcuni articoli. Pertanto farò riferimento, spesso a queste riflessioni.
Ecco i nomi.
M. Stella Gelmini. Pessima scelta! Con lei la scuola ha subìto una cura dimagrante di 8 miliardi €. E’ stata artefice di un significativo depotenziamento dei processi di inclusione con l’azzeramento delle compresenze e l’introduzione delle classi pollaio.
S.Giuliano. Un preside. E’ il candidato al Miur individuato dal M5S. La sua biografia  professionale però è ambigua. Ha collaborato con il Ministro Giannini fino al 2016. Sostenitore della legge 107/15. Stranamente poi nominato in pectore ha dichiarato prima “La Buona scuola non va abolita ma superata e migliorata” per poi dire “È un provvedimento disastroso, che ha distrutto la vita di migliaia di insegnanti”.
Se queste sono le premesse condivido la riflessione di Alfonso Indelicato – AESPI  che sostiene che tra la Gelmini e S. Giuliano non si sono differenze.

Gli altri candidati , pochissime luci, molte ombre

M. Pittoni. Candidato al Miur della Lega. Fautore della regionalizzazione dei concorsi. Non è chiara la sua posizione sulla L.107/15
V. Aprea. “Madre della L. 107/15”. Alcune idee riprese da Renzi sono state copiate dal Disegno di legge del 2008 ( merito, chiamata diretta…) che porta il nome della Dirigente Scolastica  ed elemento di punta di FI in Lombardia.
D. Santanché, Mara Carfagna. Personalità incompetenti. A onor del vero la prima candidatura è risultata un “pesce d’aprile” (fortunatamente) , la seconda invece è una “voce” ripresa dal Fatto Quotidiano  

Candidato ideale

Cosa accomuna tutti questi personaggi?
Una certa ambiguità sui due tsunami che hanno investito la scuola: la riforma Gelmini ( che nessuna cita) e la “Buona scuola”.
Il mio candidato ideale è un insegnante che vive ogni giorno “l’aula” con tutti i suoi problemi. Sono convinto che il rinnovamento debba partire da questo spazio che deve diventare nuovamente “ambiente educativo di apprendimento”. Tutto il resto viene dopo.
Da qui il mio sostegno ad una candidatura “modello M. Laura Granato” ( si era fatto il suo nome come candidata del M5S), con una biografia di netta opposizione alle suddette aberrazioni degli ultimi anni.
La credibilità del nuovo Premier si giocherà sul nome che deve rimandare ad una biografia coerente. Diversamente “il cambioverso” annunciato risulterà, come in passato, un bello slogan da utilizzare in campagna elettorale. Punto. Dopo però cosa resterà alla scuola, come alternativa?