Archivi categoria: Mappe concettuali

Formazione. “Mappe e testo”, una possibile circolarità.

 

Formazione


Esiste un bisogno di formazione  profondo che, nel caso delle Tic, superi il semplice addestramento. Quest’ultimo rimanda all’acquisizione di procedure, sequenze di istruzioni, non supportate da una verticalità formativa, elemento fondativo della presenza della scuola.

Continua a leggere

Mappe concettuali. il silenzio sulle criticità!


Il Web e l’editoria tradizionale propongono mappe concettuali.
Quasi sempre non riesco ad individuare i criteri di organizzazione dei concetti. Molte di queste “mappe concettuali”  presentano dei diagrammi di flusso. Quindi distanti dall’idea di rappresentare le idee e le loro relazioni.
Nel Web  chiedo spiegazioni agli autori di esplicitare le “loro regole” . Bene, il silenzio cala sulla mia richiesta.
le criticità che rilevo sono:
1) la collocazione dei verbi dentro e fuori  le forme geometriche ( rettangoli, ovali… ) ” concettuali”;
2) la presenza di periodi di diversa lunghezza che ovviamente propongono più idee. Questa soluzione non spiega l’alternativa criteriale alla corrispondenza un concetto/ una forma geometrica, quindi la funzione di quest’ultima e il suo compito di sviluppare un testo organizzato per paragrafi;
3) non sono chiari i rapporti logici tra le frasi  dentro le forme concettuali e le parti del discorso collocate esternamente. Queste mappe danno la sensazione di proporre  sostanzialmente un diverso modo di scrivere un testo.
Concludendo, dobbiamo “liberare le mappe concettuali” dal dilettantismo e dall’improvvisazione, esplicitando  il modello di riferimento   che rimanda necessariamente al  costruttivismo! Questi due sfondi sono assenti dalle tante mappe concettuali elaborate dai cosiddetti esperti.
Alcuni miei articoli

Schemi e mappe quanta confusione

La sponda testuale delle mappe

Mappe concettuali e testo…

Mappe concettuali. Manca la profondità

Liberiamo le mappe concettuali

Susanna Tamaro: un buon articolo da “aprire”

In questi giorni S. Tamaro, nota scrittrice, su ” Il Corriere della Sera”ha pubblicato un’ interessante riflessione sull’emergenza educativa. Ben vengano questi interventi, perché fanno riemergere la scuola dai tanti fatti di cronaca di abusi su minori, restituendo all’istituzione il suo profilo naturale: l’educazione! Auspico queste riflessioni, perché riescono a “bucare” le prime pagine dei giornali, diversamente dai tanti tentativi operati da colleghi, che pur scrivendo le stesse cose, non hanno la stessa potenza mediatica delle grandi firme.
Detto questo, e scendendo nel concreto, l’educazione è messa a forte rischio dalla presenza nell’istituzione scolastica di un’organizzazione aberrante e anticostituzionale delle classi pollaio e superpollaio. Queste hanno trasformato le classi da ambienti educativi a  realtà che rispondono solo ad esigenze economiche.
L’educazione è sotto assedio! Il contesto promuove il successo attraverso le vie brevi, contravvenendo al principio pedagogico della fatica, dell’impegno. Spesso dico ai miei alunni che in cima ad una montagna non si arriva in elicottero.
In questo gli insegnanti hanno una loro responsabilità, quando confermano didattiche nozionistiche o del copia incolla dei contenuti sul Web, dimenticando che oggi l’istituzione scolastica deve proporre la “via faticosa” del metodo di studio ( prendere appunti, ricercare criticamente i contenuti nel Web, organizzare le conoscenze in reti concettuali, sviluppare  i concetti attraverso testi strutturati per paragrafi…).
L’educazione è minacciata anche da quegli insegnanti, che dimenticano che alcuni comportamenti, ritenuti forse poco importanti,  ( la pacatezza anche verbale, la “scarsa cura” degli aspetti emotivi o affettivi…) possono condizionare il  futuro del bene più prezioso che ha l’umanità: i propri figli!
Articolo S. Tamaro

Dal testo alla mappa


Il presente lavoro ( La civiltà dei fiumi – Sumeri )  è stato realizzato da una quarta classe primaria ( sono il docente ).
A casa
;
1) hanno letto un testo  e sottolineato le idee ritenute importanti;
2) hanno scritto la lista dei concetti. 
A scuola ( Lim e laboratorio d’informatica )
1) Si sono confrontate le liste dei concetti individuali
2) Il confronto ha prodotto una lista dei concetti della classe
3) Un ulteriore confronto ha eliminato i concetti particolari ( “scrematura” ). Da qui la lista aggiornata dei concetti generali.
4) I concetti hanno rappresentato ” i mattoni” per realizzare la mappa . Ogni coppia ha dato sfogo alla propria creatività!  Il software utilizzato è stato il Cmaps.

La mappa dovrà essere raccontata ( = sviluppata concettualmente )

P.S. Lavoro per le vacanze natalizie . Completare la mappa.