Archivi categoria: Ministro bussetti

Il Ministro Bussetti dalla circolare alla lettera d’auguri con gaffe

Il Ministro Bussetti

Alla fine la preannunciata circolare   del Ministro Bussetti sui compiti diventa una lettera d’auguri con gaffe

Il Ministro Bussetti aveva annunciato una circolare sui compiti per le vacanze natalizie.
Alla fine il Ministro ha ripiegato per una ” lettera di auguri” con un’altra gaffe! L’ultima che certifica lo strisciante declassamento della scuola in atto da diverso tempo.

Continua a leggere

Il Ministro Bussetti la sua idea di scuola e non solo

Il Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti ama semplificare. Conferma una sua difficoltà a comprendere la realtà.

Ogni giorno il Ministro Bussetti aggiunge un tassello che conferma la sua idea di scuola e non solo. Tutto è semplificato,  poco aderente alla realtà e alla complessità dell’aula, intesa idealmente come “ambiente educativo di apprendimento”.

Continua a leggere

Ministro Bussetti, i motivi di un’attenzione alle increspature

Ministro Bussetti

Le dichiarazioni del Ministro rispondono ad una precisa strategia comunicativa. Ci aiuta N. Chomsky

Il Ministro Bussetti sta dando molta importanza a dettagli secondari, se non terziari del sistema scolastico. Dietro c’è una ragione. Chomsky ci aiuta a comprendere la strategia comunicativa del Ministro.

Il Ministro Bussetti, persona d’altri tempi?

Il Ministro Bussetti ha attribuito un certo valore alla presenza degli armadietti, dei grembiuli “fino alle medie” e per finire al volontariato degli insegnanti. Un bel quadretto d’altri tempi. Molto vicino al profilo da “libro Cuore“.

La strategia comunicativa del Ministro apparentemente incomprensibile

Sono sempre stato convinto che, eccetto pochi casi, le dichiarazioni o le interviste di un Ministro rispondono ad una determinata strategia. Dietro il responsabile di un dicastero ci sono persone  esperte in comunicazione. L’apparente estemporaneità e semplificazione, che in questo caso rimandano agli armadietti e ai grembiuli, assolvono un compito. L’attenzione alle “increspature del mare” servono a distrarre dai problemi reali non risolvibili per mancanza di fondi, a parlare al bambino che è in noi e alla nostra sfera emotiva.

N. Chomsky, riesce ad “osservare la foresta e non l’albero”

In sintesi ho tenuto presente N. Chomsky. Egli ha elaborato un decalogo della comunicazione post-moderna che gli studiosi applicano soprattutto in politica. Il riferimento è un soggetto liquido, direi liquefatto, costituito da “un fascio di sensazioni” (D. Hume).

Le tre regole di N.Chomsky, seguite dal Ministro Bussetti

Ora tre regole della manipolazione mediatica possono essere applicate alle dichiarazioni del Ministro Bussetti.Scrive N. Chomsky:”
1-La strategia della distrazione
Consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti attraverso un fiume di informazioni irrilevanti.
“Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza. Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali
5- Rivolgersi al pubblico come ai bambini
“Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno”
6- Usare l’aspetto emotivo molto più della riflessione
Sfruttare l’emozione è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale e, infine, il senso critico dell’individuo.