Archivi categoria: Nativo digitale

Generazione Hikikomori e il rifiuto della vita reale

Generazione Hikikomori

Generazione Hikikomori, la sindrome di “morire al mondo” per rinascere in un mondo virtuale, fatto a propria immagine e somiglianza

Generazione Hikikomori, sempre connessi e quindi progressivamente estranei alla vita reale. Gli scenari e le responsabilità

Nativi digitali, l’equivoco del loro profilo

Spesso i nostri ragazzi sono definiti “Nativi digitali”. La felice definizione è di M. Prensky 1999),  rimanda unicamente a una condizione temporale. Pertanto non si identifica con la competenza digitale che in molti casi è assente. Sono i genitori a cadere nella trappola dell’identificazione. La causa è la loro formazione analogica che li porta ad esaltare il digitale che non comprendono, confondendo lo smanettare o la conoscenza di qualche procedura con la competenza.

I Nativi digitali, qualche dato

Fatta questa premessa, una breve considerazione e qualche dato. Siamo entrati in un contesto dove  tutto il Web in chiaro (indicizzato dai motori di ricerca), il Deep Web e i suoi sviluppi più profondi e oscuri (Dark Web) fanno parte del nostro quotidiano. E’ errato definire questo contesto e di conseguenza i dispositivi come nuovi. Sono il presente! Non il futuro!. Questo ha portato ad una nuova configurazione esistenziale: la vita reale (offline) entra sempre più in relazione con quella virtuale (online). I due piani sono divenuti più sfumati, tanto che lo studioso L.Floridi(2017), definisce la nostra esistenza onlife.
Tutto questo è esponenzialmente presente nei nostri ragazzi. Secondo una ricerca di Telefono Azzurro(Il tempo del Web: Adolescenti e genitori online, 2016)   “Se gli adolescenti fossero piante, la loro linfa vitale sarebbero gli smartphone. Bambini e adolescenti sono abituati ad utilizzare le nuove tecnologie fin da piccoli per giocare, comunicare, tenersi aggiornati, imparare, fare acquisti…Essere online è uno status: quando sono a scuola chattano con amici per organizzare la prossima partita a calcetto o l’uscita del sabato pomeriggio, appena tornano da scuola scrivono ai compagni che hanno salutato soltanto un’ora prima: anche quando non stanno facendo niente, controllano l’ultima notifica su Facebook o scaricano – e inviano – l’ultimo video divertente.”

La deriva della generazione Hikikomori

Questa è generalmente la situazione che rimanda ad un tipo di alfabetizazione, che come scrivevo sopra, sta progressivamente abbattendo il confine tra le due vite (off e online).
Una pericolosa deriva è la sindrome Hikikomori che sta progressivamente coinvolgendo i nostri ragazzi. I sintomi: la propria stanza come ambiente vitale prevalente, la rarefazione di rapporti reali con i pari, l’assenza di dialogo in famiglia, la riduzione delle capacità emotive e ed empatiche…
Spesso sottovalutato o ignorato dai genitori, perché sono assenti comportamenti di rilevanza sociale, rimanda ad una condizione di inadeguatezza rispetto alla complessità della realtà. La soluzione è il ritiro dalla vita reale e la conseguente immersione in un contesto  virtuale e immaginario,  fatto di videogames e giochi di ruolo . Il controllo si realizza nella scelta degli ambienti virtuali, del tempo di permanenza in ognuno di essi, nella scelta degli interlocutori. Si è liberi di postare qualunque cosa, aiutati anche dall’assenza del corpo che nella vita reale può consolidare o tradire le parole. La liquidità è il paradigma di questo contesto, dove l’assenza di futuro è occupato dal “qui e ora”.

La generazione Hikikomori lontana dalla “saggezza digitale”

La decisione di uscire dall’ inferno della complessità reale per entrare in un surrogato di paradiso, è sideralmente lontano dal principio della saggezza digitale (2009), ipotizzata da M. Prensky. Egli ipotizza “l’uso avveduto e critico delle tecnologie” per migliorare la propria esistenza, costituita ancora da una parte offline, anche se ibrida.

La mancanza della parola e la responsabilità dei genitori

La decisione di rifugiarsi nel “paradiso virtuale” è favorito anche dalla mancanza di “discorsi e parole” in famiglia. La frattura intergenerazionale che rimanda a solitudini, a “monadi senza finestre”, favorisce nei ragazzi la ricerca di ambienti dove è in qualche modo ascoltato e considerato. la suddetta condizione apre al fenomeno del cyberbullismo, del grooming (adescamento erotico online), dei siti pedopornografici, che caratterizzano il Dark Web.
E’ necessario che la comunità degli adulti ( genitori, docenti) si “riprenda i propri ragazzi”. anteponendo questa scelta a qualunque altro criterio di tipo economico, sociale o culturale. Difficile, ma non impossibile.

Due pubblicazioni molto utili per capire il “Nativo digitale”

COP_Do-you-speak-facebook_590-0286-4 COP_Adolescenti-navigati_590-0781-4

Segnalo due pubblicazioni molto utili per comprendere i “Nativi digitali”. Il primo presenta “Facebook”, :le sue caratteristiche e la grammatica e sintassi del linguaggio social. Interessante la seconda parte dove sono analizzati  l’ambiente di apprendimento e  la funzione degli insegnanti nei Social. Il lavoro si conclude con un capitolo dedicato al cyberbullismo.
Il secondo lavoro, rivolto soprattutto ai genitori, illustra in modo chiaro il profilo del nativo digitale. Interessante la seconda parte con una serie di indicazioni operative su come essere genitori propositivi di fronte all’invadenza dei Social Network.
l’editore ha messo a disposizione due brevi estratti dei lavori, che svolgono ottimamente il loro compito di stimolare la curiosità del lettore e quindi favorire l’acquisto dei libri. Solo quest’ultimo è anche in versione digitale

Estratto “Do you speak Facebook?”

Estratto “Adolescenti navigati”

“I Nativi digitali” devono imparare…

sanno-usare-il-pc-prima-di-imparare-a-legarsi-le-scarpe-21-640x426
Il link proposto sotto illustra una serie di abilità e competenze informatiche  che i nostri ragazzi devono acquisire per una navigazione critica e responsabile nel Web. Chi lavora con i ragazzi può dire tanto sulla differenza che esiste tra le competenze reali e quelle necessarie per i ” viaggi nel Web”, sfatando così “la favola metropolitana” di un certo innatismo associato all’espressione ” nativi digitali”. Questa falsa rappresentazione è diffusa  tra  molti genitori, che si traduce nel regalo di uno smartphone, nella possibilità di utilizzare WhatsApp, di crearsi un profilo Facebook o Instagram…, convinti che essi sappiano cavarsela anche da soli.
Interessante la prima parte dove si scrive della gestione critica delle informazioni presenti nel Web. Questa ” finestra” mi fa molto piacere, in quanto conferma  la validità della mia proposta formativa ” Le mappe concettuali in rete” in un periodo dove la fanno da padroni la metodologia della classe capovolta, il coding, la robotica, la gestione 3D..

Nessuno nasce imparato nel Web