Archivi categoria: Nuovo Testo Unico

L’atto di indirizzo confermerà le dichiarazioni del Ministro?

atto di indirizzo

L’atto di indirizzo di comparto  condizionerà le trattative per il rinnovo del contratto-Scuola.  Costituirà l’atto formale delle intenzioni del Ministro Fedeli.

Le dichiarazioni estive del Ministro

Il Ministro V. Fedeli tra giugno e agosto ha rilasciato diverse interviste. Non sempre è stato possibile individuarne “il filo”. Anzi, in alcuni casi sono risultate contradditorie. Ma lasciamo parlare i “fatti”, che in questo caso sono rappresentati dalle parole. Ecco alcune dichiarazioni estive del Ministro (in neretto le parti più significative).
“I docenti devono essere pagati molto di più…sono professionisti, dovrebbero essere i meglio pagati…Ma non bisogna fare demagogia, non è un risultato che si possa raggiungere in poco tempo. Questa però è l’obiettivo a cui si deve tendere”.

Il ruolo delle insegnanti e degli insegnanti, cui spetta il compito centrale e delicato di guidare le nuove generazioni nel domani, è importante e come tale va riconosciuto. Anche economicamente…l’obiettivo è comunque trovare risorse per consentire di ridare dignità al loro ruolo, corrispondendo loro una retribuzione adeguata

Lo Stato è disposto ad investire  “tanti soldi quanti anche la Cgil ha sottoscritto il 30 novembre scorso”. “Considero l’accordo del 30 novembre importante, perche’ ha gia’ stabilito qual e’ la cifra media

pronta a fare la battaglia” per l’aumento degli stipendi. “Se si ritiene importante, quale in effetti è, il ruolo dei docenti e dell’insegnamento – spiega Fedeli – lo devi socialmente riconoscere, anche dal punto di vista retributivo”. 

l’atto di indirizzo di comparto: conferma o smentita?

Premetto non ho mai dato troppa importanza alle dichiarazioni, soprattutto a quelle che precedono ipotetiche decisioni o che rimandano ad un futuro imprecisato. 
Detto questo siamo arrivati alla riapertura del confronto tra le parti sociali e Aran. In questo contesto conteranno meno le parole e più gli atti formali L’Agenzia si muoverà tenendo presente l’Atto di indirizzo generale emanato dal Ministro Madia e da quello di comparto prodotto dal Miur e quindi dal Ministro Fedeli. Questo documento non potrà smentire quello generale che conferma e non poteva essere altrimenti quello che hanno stabilito le leggi di Stabilità 2016 e 17.
Da qui non si comprende l’intenzione del Ministro ” nel dare battaglia” come se avesse margini di manovra extra-bilancio e quindi risorse nuove da mettere sul tavolo.  Queste non sono sicuramente rappresentate dalle risorse già in bilancio e riguardanti il merito e “la carta del docente”. Se l’operazione dovesse tradursi in un atto formale, costituirebbe solo una “partita di giro” e a un depotenziamento della L.107/15. 

Ci stupisca, Ministro!

A breve lo capiremo dall’Atto di indirizzo di comparto. Comprenderemo la natura delle tante dichiarazioni estive. Ci stupisca, Ministro con un atto formale discontinuo! Diversamente avrà perso la battaglia per assumere quel ruolo credibile e autorevole di cui la scuola ha tanto bisogno.

 Alcuni miei  precedenti articoli
Contratto. Atto indirizzo
La ritirata del Ministro

Ministro Fedeli, repetita (non semper) iuvant
Ministro Fedeli, il suo “Mi auguro…

Testo Unico. Depotenziamento della legge? Dal decreto non sembra!


Sono abituato a leggere i documenti, prima di formulare valutazioni. Ho superato la fase delle luci del palcoscenico, oggi chiamata “annuncite”, dove la realtà, grazie alla sua particolare cromaticità, nasconde o altera i fatti.
E’ il caso del Testo Unico (Madia). I sindacati, in particolare la Cgil-scuola, nella giornata del 19 maggio, aveva dichiarato la “sua vittoria”, affermando che la filosofia del Decreto Brunetta ( Decreto Legislativo 165/2001 ) era stata superata a favore della contrattazione.
Bene, ho fatto una sinossi ( vedi sotto ) tra il “Decreto Brunetta” e il suo aggiornamento nel testo unico. Le integrazioni sono proposte nello schema del decreto (ricordo che ancora non il testo non è ancora stato pubblicato sulla G.U.)

Art 2 comma 2 Decreto Brunetta Testo unico (Madia) art 1
I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate da successivi contratti o accordi collettivi e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili, solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge.

 

I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell’impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano o che abbiano introdotto discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate nelle materie affidate alla contrattazione collettiva ai sensi dell’articolo 40 comma 1, e nel rispetto dei principi stabiliti dal presente decreto da successivi contratti o accordi collettivi nazionali e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili.

Una breve riflessione
A mio parere risulta incomprensibile  la conferma del carattere “imperativo  delle disposizioni del decreto “Brunetta” con la la parte eliminata ” solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge.” Mi sembra un’operazione finalizzata a ridurre la natura “tranciante” del Decreto legislativo 165/2001. In altri termini: rendere meno amaro lo sciroppo!
L’impressione è confermata dall’inserimento della parte “possono essere derogate nelle materie…”
Concludendo, se la mia lettura è corretta (gradirei conferme o smentite) le parti sociali sono  rimaste con un  “pugno di mosche in mano”. Ecco spiegato il silenzio che regna nei loro siti! Se le cose fossero andate diversamente, avrebbero utilizzato tutte le fanfare per “spargere ai quattro venti” la loro vittoria!
Ed ora questi sindacati si preparano alla firma del più irrispettoso contratto pubblico dal 1990. Sono curioso quali argomenti porteranno per giustificare questa ulteriore offesa alla dignità dei lavoratori.

 

Legge o contratto? Si decide il futuro del sindacato!


Discorso tecnico! Sono consapevole che può interessare solo chi ama l’analisi “del capello”.
Mi riferisco alla “querelle”: legge o contratto? In altri termini, il nuovo T.U. -non ancora pubblicato- ha di fatto “perimetrato” il decreto l.vo 150/09 ( “Decreto Brunetta”) oppure tutto è rimasto invariato a favore della legge come riferimento primario? Al momento non conosciamo i contenuti del nuovo T.U.. E questo nonostante l’iniziale dichiarazione della Cgil-scuola che attraverso il suo Segretario generale S. Camusso ” Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli”. A onor del vero i toni trionfalistici del primo momento con il passar dei giorni e in assenza della pubblicizzazione del T.U. si sono trasformati in cautela e poi in giudizio negativo.
Ora la sensazione di aver ottenuto “aria”, quindi il Nulla – inquietante se lo consideriamo anche  in rapporto al “fantastico contratto” di 85 € lordi medi nel triennio-   è confermato dall’ultima querelle tra il sindacato e il governo, riguardante il Piano triennale di formazione. All’indomani dell’apertura della Piattaforma S.O.F.I.A, le parti sociali hanno ribadito la prevalenza del contratto e che quindi non possono essere esserci obblighi extracontrattuali ( ad esempio ore da effettuare ogni anno ). Da qui l’invito del sindacato alla controparte di attenersi al contratto. L’Amministrazione ascolterà l’invito?
Mi auguro che  questa sia l’ultima questione, prima della pubblicazione del T.U. che scriverà la parola “fine” all’intera  questione.
Il sindacato sta giocando una partita delicata e strategica che aggiornerà il suo  tasso di credibilità e autorevolezza , dopo i diversi tentativi di Renzi, di delegittimarlo, bypassarlo ( operazione disintermediazione ). Infatti, se il T.U. confermerà la filosofia del Decreto L.vo 150/09, mi chiedo quali spazi di manovra e di contrattazione potrà ancora esibire?
Se questo quadro dovesse essere confermato, saranno a perderci tutti i lavoratori, i quali sciolti dai legami forti saranno facilmente ricattabili con più doveri, meno diritti e paghe indecenti.

 

Testo unico e contratto. La strana comunicazione di un sindacato


Purtroppo una parte sindacale sta perdendo punti dal punto di vista della comunicazione.
Si sta identificando sempre più con un tipo di comunicazione dove al centro non ci sono i fatti, bensì dei flash finalizzati alla sfera emozionale. Oggi questa particolare forma di comunicazione, si chiama “post-verità”. Neologismo che nasconde il NULLA, l’assenza, l’addomesticamento dei fatti o della relativa documentazione.
Mi riferisco al testo Unico. Si legge dal sito della Cgil-scuola :” …ad una prima lettura dei testi in nostro possesso, in diverse materie sono stati eliminati i riferimenti “agli esclusivi” limiti di legge restituendo al contratto collettivo nazionale di lavoro parte del ruolo che gli era stato tolto. Anche la contrattazione integrativa potrà giovarsi del superamento di alcuni vincoli previsti dal d.lgs 150 che sarebbero entrati in vigore al  rinnovo dei CCNL“. Chiedo: perché rimanere sul generico e non fare qualche esempio di contenuti tolti al riferimento primario della legge? Perché non pubblicare gli stralci del nuovo T.U. – pare in possesso solo della Cgil-scuola e non degli altri sindacati che opportunatamente tacciono sui loro siti – ai quali ci si riferisce?
Proseguo. Si legge subito dopo nella nota CGIl-scuola, evidenziando un cambio di tono ” Tuttavia sul comparto “Istruzione e Ricerca” si doveva e si poteva fare di più, proprio nell’ottica di una piena valorizzazione dell’autonomia di cui godono le istituzioni pubbliche della conoscenza.”… ” In questo quadro confermiamo il nostro giudizio negativo sulla normativa delle sanzioni disciplinari e sul permanere dell’ideologia che ispirava la legge Brunetta. L’attuale impianto normativo si conferma, quindi, inaccettabile.”
Personalmente ho capito poco! Questo mix di moderata soddisfazione non supportata dalla documentazione e di giudizio negativo non aiuta alla chiarezza, confermando la sensazione che il sindacato abbia iniziato l’operazione ritiro-consenso dopo l’inopportuna dichiarazione a caldo, basata solo sulla nota del governo. Il segretario Camusso infatti dichiarava il 19 maggio : “Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli, superamento del precariato, tutela e qualificazione del lavoro pubblico”. E ancora” Eliminato l’ultimo ostacolo al rinnovo dei contratti; abrogate le fasce Brunetta e le sue disposizioni punitive; restituito spazio alla contrattazione nazionale e di posto di lavoro; previsto un piano di assunzioni straordinarie per migliaia di precari .”
Altro esempio è il contratto economico. Si legge sempre nella nota ( titolo ) ” Ed ora il contratto“. La dichiarazione sembra indicare una firma che migliorerà significativamente la nostra esistenza!  Altro addomesticamento dei fatti!  Infatti questi  indicano un  irrispetoso  aumento lordo in tre anni di 85€ ( a regime saranno 50-60€ )  Certo, aspettiamo da diversi mesi questo “strabiliante”, “storico” contratto economico, regalando , tra l’altro, all’Amministrazione i sei mesi del 2015, seguenti la sentenza della Massima Corte e che sanzionava l’incostituzionalità del prolungamento del blocco contrattuale ( 24 giugno 2015 ).
Sono pronto a rivedere il mio giudizio, ma solo dopo aver letto il nuovo testo unico e il contenuto del contratto economico. E sinceramente quanto lo vorrei!