Archivi categoria: Opinioni

La scuola non è solo didattica. Spesos la politica e i sindacati ne determinano la fisionomia

Riapertura delle scuole, anticipare o posticipare? Comunque la scuola si presenta…

Riapertura delle scuole

Riapertura delle scuole. A maggio? A settembre? A ottobre? Confermata la marginalità della formazione.

Riapertura delle scuole c’è chi ha fretta e chi propone una scadenza lunga La contrapposizione è solo fittizia, perché ad entrambe le parti interessa poco la scuola  e…

Continua a leggere

Commissione di esperti, si ripete il copione che esclude gli insegnanti

Commissione di esperti

La Ministra Azzolina ha nominato il gruppo di lavoro. Pieno di esperti. Di tutto, ma non di aula scolastica.

Commissione di esperti, nominata dalla Ministra Azzolina. La solita scelta che esclude gli insegnanti. Rientra nei canoni della comunicazione post-moderna. Gli insegnanti non sono interessanti.

Commissione di esperti, si ripete lo stesso spartito

Commissione di esperti, anche la scuola ha il suo gruppo illuminato, la sua avanguardia con il compito di dare una forma post-emergenza sanitaria al sistema formativo . Certo se leggiamo i componenti e le loro competenze professionali rimaniamo basiti.
Della scuola in trincea con la didattica a distanza c’è solo una piccolissima traccia, rappresentata dalla  Prof.ssa Carimali Lorella, proposta però con il titolo di Dott.ssa. Siamo alle solite!  Quando il gioco si fa duro, allora il palcoscenico è occupato da personalità con titoli accademici e competenze interessanti, ma stonate  con   a scuola dell’aula inzeppata di studenti, della relazione quotidiana con i ragazzi e i genitori, delle tante incombenze e responsabilità quotidiane…
Eppure Lucia Azzolina è ancora una professoressa di scuola secondaria, pur avendo vinto il concorso per Dirigente scolastica. E’ una persona che ha vissuto tra l’altro la pessima esperienza delle classi pollaio.
Pessimo scivolone! La sua decisione rappresenta una sorta di continuità con i Ministri precedenti. Gelmini, Giannini, Fedeli, Bussetti rappresentano alcuni esempi di un approccio finalizzato a escludere gli insegnanti.
E’ sempre lo stesso copione: gli insegnanti non sono in grado di qualificare un gruppo di lavoro ministeriale; non risultano interessanti dal punto di vista massmediologico.
Una situazione simile la sperimento personalmente, quando mi dichiaro maestro di scuola primaria, anche in contesti universitari o di gruppo di lavoro territoriale. Inizialmente sono guardato con un senso di superiorità, che fortunatamente poi grazie anche alle mie competenze professionali riesco a modificare in meglio.
Un giorno riusciremo ad essere considerati come dei professionisti della formazione? A parole ci definiscono “eroi”, “avanguardia della democrazia”…. Peccato poi che le decisioni portino a pensare ad altro.

Prolungamento chiusura delle scuole , la conferma e le “briciole di pane”

Prolungamento chiusura scuole

Prolungamento chiusura delel scuole dopo il 3 aprile. Non è più un’ipotesi. La quasi certa conferma proviene da G. Conte

Prolungamento chiusura delle scuole, probabile. Anzi, direi certa. La conferma proviene dal Presidente G. Conte. Nei giorni precedenti alcune “briciole di pane” avevano anticipato il prolungamento.

Prolungamento chiusura delle scuole, la dichiarazione del Presidente G. Conte

Prolungamento chiusura delle scuole oltre il 3 aprile. Nel comune sentire questa non  mai stata un’ipotesi, ma quasi una certezza. . Oggettivamente la situazione spinge per un prolungamento oltre il 3 aprile.
Adesso  abbiamo un’autorevole e quasi certa conferma da parte del Presidente G. Conte. Si legge sul “Corriere della Sera
Abbiamo evitato il collasso del sistema, le misure restrittive stanno funzionando, ed è ovvio che quando raggiungeremo un picco e il contagio comincerà a decrescere, almeno in percentuale, speriamo fra qualche giorno, non potremo tornare subito alla vita di prima. Al momento non è ragionevole dire di più, ma è chiaro che i provvedimenti che abbiamo preso, sia quello che ha chiuso molto delle attività aziendali e individuali del Paese, sia quello che riguarda la scuola, non potranno che essere prorogati alla scadenza”.

 Le “briciole di pane” dei giorni scorsi hanno anticipato…

La dichiarazione del Presidente G. Conte non mi sorprende. Nei giorni passati sono state rilasciate delle”briciole di pane”.
Non si giustifica la corposa nota ministeriale  del 17.03.20 dedicata alla didattica a distanza, in relazione a una possibile riapertura delle scuole per il 4 o 6 aprile.
Non è comprensibile la decisione di assumere 1000 assistenti tecnici con contratto al 30 giugno 2020 ( Decreto legge 17.03.20 n.18 art. 120 comma 4), facendo riferimento a una scadenza così vicina, come quella del 3 aprile. Sicuramente molte pratiche relative alla Didattica a distanza saranno abbandonate, quindi perché assumere personale non utile?
Rimane il dubbio sulla data di scadenza dell’ulteriore prolungamento. A giorni lo sapremo.