Archivi categoria: Pedagogia

Accoltellamento docente, non è la scuola che ha fallito!

Accoltellamento docente

E’ sempre responsabile l’insegnante, la scuola? Non sono d’accordo

Accoltellamento docente, si è tanto parlato in questi giorni del “fattaccio”. Sto con la collega! Ha vissuto un’esperienza devastante. Quindi totale rispetto! Non condivido, invece, l’affermazione che l’evento è l’effetto di un suo fallimento. Ha fallito e stanno fallendo una serie di soggetti. Non solo la scuola.

Le conseguenze si, non la responsabilità

In questi giorni si è tanto parlato dell’accoltellamento della docente. Troppo? Non saprei!
Massimo rispetto per la collega che ha vissuto un’esperienza così traumatica. Non solo fisicamente! Sicuramente la ferita dentro le rimarrà per sempre!
Non condivido, però,  la sua dichiarazione ” Non faccia del male a quel ragazzo,  madonna mia non ce l’ho fatta a cambiarlo.Ho cercato di spingerlo a fare meglio, ma non ce l’ho fatta”. Emerge la convinzione che la responsabilità è dell’insegnante e in genere della scuola. In questo modo si conferma la tesi portata avanti da molti:  tutto dipende dalla scuola. Demotivati? Colpa della scuola ! Vittime dei social? Colpa della scuola!   Ragazzi maleducati? Colpa della scuola! …
Potrei continuare, ma mi fermo qui! Siamo di fronte di una  banalizzanione, ad una semplificazione del problema. E’ il classico meccanismo di “scaricare” le responsabilità sul soggetto più debole. In questo caso la scuola! Troppo facile! Personalmente non mi sento responsabile del fallimento dei nostri ragazzi. In alcuni casi, posso accettare la compartecipazione con altri soggetti presenti nel vissuto dei ragazzi, ma non mi ritengo il capro espiatorio dei loro fallimenti.

Teoria ecologica dei sistemi (Bronfenbrenner)

L’educazione è un processo complesso, mai unidirezionale. Non esiste solo il ragazzo e un’unica agenzia formativa. La formazione è il risultato dell’interazione tra il soggetto ( nel nostro caso lo studente) e la multidimensionalità dell’ambiente. Ogni dimensione è costituita da diversi soggetti sociali, scenari culturali, economici, sistemi di valori… che “dicono la loro” sulla formazione, in una relazione sistemica. multidirezionale e  biunivoca.
L’immagine rende meglio di ogni spiegazione.

Ecco spiegato il motivo per cui è l’intera società che fallisce di fronte a questi ragazzi.
Scrive la Prof.ssa I. Milani, autrice di un interessante testo “I figli sono il prodotto soprattutto del modello ricevuto in famiglia, e di una società che li vuole soprattutto consumatori. Ma se io porto mio figlio tutte le domeniche ai centri commerciali, gli faccio bere un finto mojito, lo lascio solo nel ristorante, libero di comportarsi male e di sporcare, allora che adulto diventerà? I responsabili dell’educazione, in primis i genitori, dovrebbero interrogarsi. Questo libro vuole spingere a una riflessione collettiva. Anche perché,a  parziale scusante delle mamme e dei papà, c’è proprio il condizionamento della realtà in cui vivono, che è sicuramente diseducativa“.

 

 

 

 

 

 

Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola


Gli smartphone in classe. Il Ministro sembra abbia deciso. Questo però pone dei problemi di gestione per gli insegnanti. Essi devono tener conto delle indicazioni del garante della Privacy. Come sempre loro dovranno conciliare le posizioni. E dovranno farlo con molta attenzione e professionalità.

Gli smartphone. La dichiarazione del Ministro

Valeria fedeli ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Repubblica“, riguardante gli smartphone a scuola” È uno strumento che facilita l’apprendimento, una straordinaria opportunità che deve essere governata. Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo. Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico” ( ho evidenziato le parti più significative)

La posizione del Garante

” L’utilizzo di telefoni cellulari, di apparecchi per la registrazione di suoni e immagini è in genere consentito, ma esclusivamente per fini personali, e sempre nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone coinvolte (siano essi studenti o professori) in particolare della loro immagine e dignità.
Le istituzioni scolastiche hanno, comunque, la possibilità di regolare o di inibire l’utilizzo di registratori, smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici all’interno delle aule o nelle scuole stesse.
Gli studenti e gli altri membri della comunità scolastica, in ogni caso, non possono diffondere o comunicare sistematicamente i dati di altre persone (ad esempio pubblicandoli su Internet) senza averle prima informate adeguatamente e averne ottenuto l’esplicito consenso.
Si deve quindi prestare particolare attenzione prima di caricare immagini e video su blog o social network, oppure di diffonderle attraverso mms o sistemi di messaggistica istantanea. Succede spesso, tra l’altro, che una fotografia inviata a un amico o a un familiare venga poi inoltrata ad altri destinatari, generando involontariamente una comunicazione a catena dei dati personali raccolti.
Tale pratica può dar luogo a gravi violazioni del diritto alla riservatezza delle persone riprese, e fare incorrere in sanzioni disciplinari, pecuniarie e in eventuali reati” ( ” A scuola a prova di Privacy“)

…In mezzo gli insegnanti e la “Culpa in vigilando”

Alcune considerazioni. La suddetta dichiarazione del Ministro “aggiorna” la circolare Fioroni ( 15 marzo 2007), superandola anche nel passaggio dove si prevedevano delle sanzioni disciplinari. E’ un passo avanti? Indubbiamente l’Istituzione scolastica deve fare i conti con il moltiplicarsi dei dispositivi alternativi al Pc Desktop  o al Laptop (Notebook).
I problemi sono due: l’impreparazione tecnologica e formativa dei docenti e la “Culpa in vigilando”.
Per quanto riguarda il primo aspetto l’introduzione degli smartphone porrà dei problemi di gestione educativa del dispositivo. Il moltiplicarsi dei dispositivi (device), infatti, non è stato accompagnato da una formazione profonda dei docenti. In questo caso Il PNSD è l’ultimo esempio di una fiducia miracolistica verso i dispositivi.
Occorre chiedersi: qual è la relazione tra il loro utilizzo e i processi cognitivi? Su quali aspetti formativi occorre puntare? Quale configurazione di persona vogliamo realizzare? A queste domande occorre aggiungere anche il dato preoccupante che tra gli insegnanti ( e non solo) si registra un preoccupante anafabetismo informatico (conoscenza di procedure).
Quest’ultimo apre al secondo elemento di discussione: la relazione il cyberbullismo e la “culpa in vigilando” ( 2048 Codice civile).
La Legge 71/17 ( 18 giugno) ha il grande pregio di aver introdotto nel nostro ordinamento il profilo del cyberbullo, gli impegni dei diversi soggetti coinvolti e le sanzioni.
E’ una buona legge che tiene presente l’art. 2048  e le disposizioni del Garante. “L’armonia giuridica” verrà sicuramente alterata con il moltiplicarsi esponenziale dei rischi, inerenti le foto o i video privati fatti a scuola dagli studenti minorenni e inviati nel Web. Per gli insegnanti distratti le possibilità di incorrere nella “Culpa in vigilando” aumentano in modo significativo ( ricreazione, cambi di presenza, bagni…), tenendo presente anche il profilo duale del nativo digitale che ritiene lecito, normale,  offendere in Rete ( Ricerca dell’università La Sapienza-Roma) in quanto manca la fisicità, che invece caratterizza le relazioni quotidiane.
Concludendo. Altri impegni, nuovi e vecchi rischi caratterizzeranno l’attività del docente. 

 

“I nostri figli non ci appartengono” ( Gibran)

176886_208631282496268_131967240162673_808471_6337846_o

Spesso mi capita di incontrare genitori apprensivi, che per motivi diversi ritengono i propri figli come una “proprietà privata”, sottraendoli quindi alla vita, alla loro vita, ma che è anche la nostra vita. Questa è fatta   di esperienze positive.e negative. Nella prima categoria inserisco l’amicizia, l”amore, gli incontri occasionali carichi di elementi di crescita,  l’opportunità di conquistare  traguardi sempre più impegnativi , grazie alla convinzione che la vita è fatta sempre di ripartenze, di rinascite continue nella logica di quell’immenso brano musicale che ha cambiato per sempre  la mia vita: “Cervo a primavera” ( Riccardo Cocciante ). Tra queste  esperienze aggiungo la possibilità di  non accettare la realtà come un dato immodificabile ( Cartesio…Kant), ma quasi sempre costruita da noi ( Fichte, Hegel, Marx, Gramsci, Giolitti… );  la  felicità conquistata con le proprie forze, cosciente che “la possibilità di realizzare la pienezza dell’essere, sarà impossibile” (“l’essere per la morte” di M. Heidegger).
Nello stesso tempo penso al lato oscuro o grigio della vita, fatto da frustrazioni, dall’esperienza del limite, costituito dal  dolore personale e quello delle persone care, e dal ” naufragio dell’esistenza” ( M. Heidegger – K. Jasper ) rappresentato dalla morte.  Quest’ultime esperienze ( dolore e morte ) sono quasi sempre messe al margine, nascoste, edulcorate  soprattutto agli occhi dei bambini. Difficilmente ho incontrato questi ” piccoli uomini” ad un  o al cimitero.  Eppure anche questa è la vita!  Privandoli di queste esperienze, come decidono alcuni genitori-chioccia, si rischia di non prepararli alla vita, ” al senso della terra” ( F. Nietzsche ). La vita divenuta “liquida” ( Z. Bauman ) ,  richiede ragazzi che sappiano “aggredirla”, con l’iniziativa, l’intraprendenza, la creatività, supportate sempre da adeguate competenze, capacità di riconfigurarsi in rapporto ai contesti divenuti mobili…
Tutto questo auguro ai nostri figli, sapendo, però che la loro vita sarà diversa dalla nostra, dalla mia. Del resto essa non appartiene a nessuno se non a se stessa nella sue infinite facce, da sperimentare fino in fondo. Questa vita  che è soprattutto sogno e se ne fosse priva, probabilmente non potrebbe essere vissuta!
Concludo questa mia riflessione “postando” la riflessione di Gibran

I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perché la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.