Archivi categoria: PNSD

PNSD, un check-up serio e non di parte

 

PNSD

PNSD la domanda purtroppo non ha risposte certe. Non siamo più ai primi sei mesi, ma quasi alla conclusione del triennio.

Il PNSD sta concludendo il suo triennio. Il tempo trascorso permette di individuare i contributi, ma anche le criticità. L’operazione è possibile solo partendo dai dati e numeri. Incontrovertibili, indiscutibili.

Il PNSD, la carenza di dati e numeri

Chi mi segue conosce la mia posizione critica sul PNSD. In sintesi, la prospettiva ridotta ad addestramentoil volontariato degli Animatori Digitali ( pessima definizione di un un ruolo strategico) e la mancanza di dati.
Ormai siamo alla conclusione del primo triennio del PNSD. E’ possibile valutare la sua riuscita, partendo dai dati. L’operazione è riuscita molto bene al Prof  Paolo Maria Ferri attraverso un interessante e chirurgico articolo dal titolo “Scuola, così quella italiana resiste alla rivoluzione digitale
La riflessione conferma uno di miei rilievi: la mancanza di dati.  Il Prof. Ferri si sofferma sulla carenza di informazioni certe sull’attività degli Animatori Digitali e sulla ricaduta didattica delle connessioni.

Qualche stralcio

 Si legge ” Non ci sono, poi, dati o ricerche sull’ attività degli animatori digitali, e il rischio, senza monitoraggio, e che gli animatori digitali, su cui poggia, quasi per intero (insieme ai dirigenti) l’attuazione del PNSD, si demotivino, senza incentivi e controllo, o agiscano in maniera non coordinata ed episodica, senza fare sistema. Ovviamente al netto di alcune virtuose eccezioni
Sull’uso delle connessioni a fini didattici P.M. Ferri scrive: “Ad esempio i circa ottomila plessi che hanno risposto al questionario dell’Osservatorio nazione scuola digitale, dichiarano quasi tutto di avere una connessione “dedicata” per le attività didattiche, ma poi le aule realmente connesse e cablate si attestano intorno al 60%. “

Una considerazione

Condivido la conclusione del Prof. Ferri: “è necessario e improrogabile attivarsi sul fronte del “monitoraggio” e della verifica dei risultati senza un istanza di controllo centrale (preferirei) o regionale l’attuazione del Piano è lasciata alla buona volontà dei singoli dirigenti.  Inoltre il Piano, soprattutto ora, che il quadro politico e istituzionale verrà di nuovo e imprevedibilmente rimescolato dalle elezioni di primavera rischia di essere bloccato almeno per tutto il 2018, come si sa in Italia l’insediamento di un nuovo governo rallenta i processi decisionali. ”
Nella conclusione ci sono tutti i presupposti per una riorganizzazione di tutto il PNSD che a detta del Prof. ha incontrato molte resistenze nei singoli Istituti. Occorre interrogarsi su questi “muri di gomma” alzati dalle scuole e ripartire.  Diversamente l’attuale PNSD sarà presto dimenticato e lasciato su un binario morto, arricchendo la “bacheca istituzionale” di un’altra iniziativa non riuscita. 

Gli smartphone. Tra il Garante e il Ministro c’è la “Culpa in vigilando”

Gli smartphone a scuola

Gli smartphone a scuola


Gli smartphone in classe. Il Ministro sembra abbia deciso. Questo però pone dei problemi di gestione per gli insegnanti. Essi devono tener conto delle indicazioni del garante della Privacy. Come sempre loro dovranno conciliare le posizioni. E dovranno farlo con molta attenzione e professionalità.

Gli smartphone. La dichiarazione del Ministro

Valeria fedeli ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Repubblica“, riguardante gli smartphone a scuola” È uno strumento che facilita l’apprendimento, una straordinaria opportunità che deve essere governata. Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo. Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico” ( ho evidenziato le parti più significative)

La posizione del Garante

” L’utilizzo di telefoni cellulari, di apparecchi per la registrazione di suoni e immagini è in genere consentito, ma esclusivamente per fini personali, e sempre nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone coinvolte (siano essi studenti o professori) in particolare della loro immagine e dignità.
Le istituzioni scolastiche hanno, comunque, la possibilità di regolare o di inibire l’utilizzo di registratori, smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici all’interno delle aule o nelle scuole stesse.
Gli studenti e gli altri membri della comunità scolastica, in ogni caso, non possono diffondere o comunicare sistematicamente i dati di altre persone (ad esempio pubblicandoli su Internet) senza averle prima informate adeguatamente e averne ottenuto l’esplicito consenso.
Si deve quindi prestare particolare attenzione prima di caricare immagini e video su blog o social network, oppure di diffonderle attraverso mms o sistemi di messaggistica istantanea. Succede spesso, tra l’altro, che una fotografia inviata a un amico o a un familiare venga poi inoltrata ad altri destinatari, generando involontariamente una comunicazione a catena dei dati personali raccolti.
Tale pratica può dar luogo a gravi violazioni del diritto alla riservatezza delle persone riprese, e fare incorrere in sanzioni disciplinari, pecuniarie e in eventuali reati” ( ” A scuola a prova di Privacy“)

…In mezzo gli insegnanti e la “Culpa in vigilando”

Alcune considerazioni. La suddetta dichiarazione del Ministro “aggiorna” la circolare Fioroni ( 15 marzo 2007), superandola anche nel passaggio dove si prevedevano delle sanzioni disciplinari. E’ un passo avanti? Indubbiamente l’Istituzione scolastica deve fare i conti con il moltiplicarsi dei dispositivi alternativi al Pc Desktop  o al Laptop (Notebook).
I problemi sono due: l’impreparazione tecnologica e formativa dei docenti e la “Culpa in vigilando”.
Per quanto riguarda il primo aspetto l’introduzione degli smartphone porrà dei problemi di gestione educativa del dispositivo. Il moltiplicarsi dei dispositivi (device), infatti, non è stato accompagnato da una formazione profonda dei docenti. In questo caso Il PNSD è l’ultimo esempio di una fiducia miracolistica verso i dispositivi.
Occorre chiedersi: qual è la relazione tra il loro utilizzo e i processi cognitivi? Su quali aspetti formativi occorre puntare? Quale configurazione di persona vogliamo realizzare? A queste domande occorre aggiungere anche il dato preoccupante che tra gli insegnanti ( e non solo) si registra un preoccupante anafabetismo informatico (conoscenza di procedure).
Quest’ultimo apre al secondo elemento di discussione: la relazione il cyberbullismo e la “culpa in vigilando” ( 2048 Codice civile).
La Legge 71/17 ( 18 giugno) ha il grande pregio di aver introdotto nel nostro ordinamento il profilo del cyberbullo, gli impegni dei diversi soggetti coinvolti e le sanzioni.
E’ una buona legge che tiene presente l’art. 2048  e le disposizioni del Garante. “L’armonia giuridica” verrà sicuramente alterata con il moltiplicarsi esponenziale dei rischi, inerenti le foto o i video privati fatti a scuola dagli studenti minorenni e inviati nel Web. Per gli insegnanti distratti le possibilità di incorrere nella “Culpa in vigilando” aumentano in modo significativo ( ricreazione, cambi di presenza, bagni…), tenendo presente anche il profilo duale del nativo digitale che ritiene lecito, normale,  offendere in Rete ( Ricerca dell’università La Sapienza-Roma) in quanto manca la fisicità, che invece caratterizza le relazioni quotidiane.
Concludendo. Altri impegni, nuovi e vecchi rischi caratterizzeranno l’attività del docente. 

 

Il compenso agli Animatori Digitali: una questione irrisolta!

 

compenso agli animatori digitali

compenso agli animatori digitali


La questione del compenso agli Animatori Digitali ritorna, Nell’incontro tenuto a Roma il 26 luglio, il discorso è stato tenuto fuori. Si ragionava di tutto, per nulla del riconoscimento economico. Eppure…

Il lato meno poetico del PNSD

Ogni tanto il PNSD fa vedere un volto meno poetico, dove la passione di molti miei colleghi deve fare i conti con la dura realtà (trentacinque azioni da realizzare nel triennio) e con i messaggi che arrivano dall’Amministrazione. Da diverso tempo, questa è passata dal “ti pago poco, perché lavori poco” al “ti pago poco o nulla e devi lavorare molto” ( leggi mio articolo).
Gli esempi iniziano ad essere diversi e quindi preoccupanti. Purtroppo gli Animatori Digitali mon sfuggono a questa nuova regola, che qualcuno definisce “ottimizzazione delle risorse”. Lo scopo è chiaro: rendere meno cruda la realtà, che invece ci restituisce una sorta di volontariato professionale(e non voglio aggiungere altro), che mi auguro non venga confermato dal nuovo contratto.

Notizie dal fronte

Nella mia navigazione nel Web ho incontrato questo “filo”. Traspare tanta amarezza e scoraggiamento per un lavoro fatto, ma non retribuito. Per rispetto verso i colleghi, faccio un copia e incolla di questi interventi, omettendo l’ambiente e i nomnativi.
Sono al terzo anno di volontariato, così è.”
Non esiste alcun ipotetico compenso. Non è previsto alcun pagamento. A meno che non si contratti in sede di contrattazione integrativa.”
Finché qualcuno é disponibile a lavorare gratis… Perché dovrebbero pagarlo? Ritengo che lavorare gratis non sia professionale e soprattutto dignitoso. Per non pagarci si sono inventati… Fa curriculum…. E ci fanno fessi e contenti.”
Finirò il percorso di formazione AD e poi…che lo faccia qualcun’altro il missionario
” Qualche spicciolo del bonus merito … forse …
Ogni commento è inutile!

PNSD: le premesse per un probabile fallimento

PNSD

Premessa

Qualche giorno fa G. Marconato ha pubblicato un articolo sul PNSD. Interessante, profondo e soprattutto non allineato, rispetto a tanti interventi, anche di colleghi che si definiscono esperti di informatica ( definizione appropriata, considerata la sua natura procedurale).

I limiti del PNSD

In estrema sintesi G. Marconato mette in risalto i limiti del PNSD. Questo esprime la fiducia nel digitale che inerzialmente dovrebbe risolvere i problemi della scuola. Siamo di fronte al nuovo dio, prodotto dalla mente degli esperti del Miur, i quali spesso dimostrano un irriflesso compiacimento verso tutto ciò che è innovativo. in altri termini, essi dimostrano di essere prigionieri in una gabbia dorata, totalmente proiettati in avanti, dimenticando come scrive G.Marconato  che “il futuro è fatto di tante dimensioni, di tante problematiche che meritano attenzione da parte della scuola” , le quali sfuggono alle potenzialità di cambiamento del nuovo. Quest’ultimo spesso si identifica con un sapere e saper fare di basso livello, guardandosi bene dal volgere lo sguardo verso il piano alto della prospettiva, della verticalità educativa. Le azioni del PNSD sono fortemente condizionati da questa visione orizzontale, limitata e asfittica. La stessa loro definizione (azione) rimanda a dei compiti, a un comportamentismo declinato nella postmodernità, impotente dopo aver decretato la ” morte di Dio” e delle grandi narrazioni di elaborare una verticalità di senso sulle macerie del Nulla (ho parafrasato F. Nietzsche). Quindi, in questa “notte del mondo” cosa rimane se non la tecnica, connaturata con la vita ontica, non autentica che riduce tutta la realtà ad enti ( M. Heidegger)?     

Alcuni esempi

Il primo esempio di questo scivolamento addestrativo e quindi di adeguamento ad un “profilo minimale di persona” è il coding, pratica osannata e idolatrata da molti sostenitori del PNSD, Sono un curioso! Questa inclinazione mi porta a leggere e analizzare molti lavori di coding. Bene, dietro i tanti prodotti, che rimandano ovviamente a procedure e sequenze,  manca l’idea, il piano alto dell’educazione. Il palcoscenico è occupato dal software e dai suoi algoritmi. L’alunno, lo studente sono dei semplici  esecutori di istruzioni che portano a un obiettivo.  Scrive G. Marconato ”  Siamo sempre al “cosa posso fare con questo?” e ancora lontani dal “cosa mi serve?”, ancora lontani da una visione educativa e pedagogica e da un’esigenza didattica che è alla ricerca di una modalità di essere soddisfatta.”
Il secondo esempio di questo scivolamento è l’identificazione del saper fare con il saper essere ( competenza). Qualche AD presenta capacità, facendole passare per competenze.

Conclusione

Quindi se questi sono gli scenari è auspicabile che la scuola, quella che guarda al piano alto, marginalizzi l’intruso, proponendo invece un nuovo Piano che rimetta al centro la domanda ” dove voglio arrivare?” o come scrive G. Marconato “cosa mi serve” che  “implica che si abbiano obiettivi di sviluppo e di apprendimento da conseguire, che si abbia una visione educativa della propria azione (qual è il ruolo della scuola, perché insegno, chi è la persona con cui mi relaziono, cosa ritengo importante insegnare), che si abbia una strategia didattica attraverso cui rendere operativa quella visione, che si sia in grado di scegliere tra più opzioni e si sappia argomentare quella scelta.”