Archivi categoria: Riforma della scuola

Zingaretti e la scuola, tanti annunci, ma poca sostanza

Zingaretti e la scuola

Zingaretti e la scuola, si rimane sul vago. Nulla si dice sugli strumenti per migliorare l’istruzione.

Zingaretti e, la scuola, un rapporto basato sugli annunci. Nulla di concreto, almeno per ora. Il libro del segretario apre alla scuola, ma senza approfondire o indicare soluzioni.

Zingaretti e la scuola, tante parole…

Zingaretti e la scuola un rapporto basato sui proclami. A maggio il nuovo segretario del Pd ha pubblicato Piazza Grande (Feltrinelli, 2019). Un’occasione sprecata, perché il lavoro è un condensato di belle intenzioni, di voglia di tornare ai valori etici della tradizione marxista (interessante il ritorno al Noi contrapposto al dominante Io), senza però chiudersi a riccio. N. Zingaretti propone un partito aperto alla società, senza però cadere negli eccessi renziani che ne hanno decretato il crollo il 4 marzo 2018.
Il limite del lavoro risiede nella genericità degli intenti. Raramente si scende sul concreto. Si resta prigionieri della retorica, senza indicare (salvo rare eccezioni) le soluzioni.
A questa impostazione non sfugge la scuola. Ad essa sono dedicate al netto due pagine, titolate “La scuola e il sapere al centro dell’agenda politica“. Stride, innanzitutto, la frattura tra l’espressione centro è il numero delle pagine. Detto questo si rimane sul generico. Non si approfondisce nulla. Si enunciano principi, ma non si presentano le soluzioni. L’unico riferimento concreto è alla L.107/15 che ha prodotto una frattura con il mondo della scuola. Nulla si dice se si intende abolirla, emendarla… Non parliamo poi della Riforma Gelmini, che tanti danni ha provocato.

“Piazza Grande” il passaggio-sintesi

Riporto la parte che esprime la sintesi del segretario: ” La scuola deve tornare a essere uno straordinario presidio sociale, la principale arma contro le disuguaglianze, capace di offrire ai bambini e ai ragazzi una possibilità non solo di crescita, ma di riscatto, in un tempo in cui le eredità famigliari e geografiche segnano ancora i destini delle persone.
Il Partito Democratico deve impegnarsi per una scuola che sappia affrontare le sfide sociali e democratiche, che riesca trasformare la diversità in risorsa, la marginalità in inclusione, che educhi alla sostenibilità e all’innovazione, che riporti il sistema formativo ad avere nell’opinione pubblica il ruolo che gli spetta” (pag. 101)
Si prosegue rimanendo nella genericità degli intenti, ripetendo più volte l’espressione inclusività, parola-spot oggi molto efficace. Nicola Zingaretti pensa in questo modo di riconquistare il mondo della scuola? Pia illusione!

 

M. Salvini, annuncia una riforma della scuola. A quale punto del contratto pensa?

 

Matteo Salvini

Matteo Salvini annuncia l’ennesima riforma della scuola. Non è chiaro a quale punto del contratto pensa.

M. Salvini, il nuovo astro nascente della politica, ipotizza una nuova riforma della scuola. Rimane il dubbio a quale  punto del contratto di governo, pensa il leader leghista.  I timori sono tanti. Non dovremo però attendere molto.

M. Salvini, la sua riforma

M. Salvini, annuncia la sua riforma della scuola. Personalmente diffido degli annunci. Soprattutto se questi sono privi di contenuti. Infatti ha dichiarato” bisogna accelerare sull’attuazione del contratto di governo, chiedo di accelerare sulle cose: taglio delle tasse, riforma della scuola e della giustizia, autonomia.”
Innanzitutto non mi piace questo approccio trasbordante, eccessivo rispetto ai compiti istituzionali assegnati all’esponente leghista. Matteo Salvini, dimentica spesso  di essere solo il Ministro dell’Interno. A seconda dei casi, assume le vesti di Ministro della giustizia, dell’economia, dell’istruzione… Egli ha giurato come responsabile dell’ordine pubblico. Punto.
Detto questo quale riforma ha in testa M. Salvini.
Sicuramente M. Salvini intende realizzare l’autonomia differenziata. Ha ragione quando afferma che “bisogna accellerare sull’attuazione del contratto di governo” . Infatti si legge al punto 20 del suddetto documento: “sotto il profilo del regionalismo, l’impegno sarà quello di porre come questione prioritaria nell’agenda di Governo l’attribuzione, per tutte le Regioni che motivatamente lo richiedano, di maggiore autonomia in attuazione dell’art. 116, terzo comma, della Costituzione, portando anche a rapida conclusione le trattative tra Governo e Regioni attualmente aperte. Il riconoscimento delle ulteriori competenze dovrà essere accompagnato dal trasferimento delle risorse necessarie per un autonomo esercizio delle stesse. “

Dalle bozze si comprende meglio

L’obiettivo e meno lontano e più definito di quanto si pensi. E’ sufficiente leggere le bozze d’intesa con la regione Lombardia, Veneto dove emerge che le regioni avranno maggiori competenze nella gestione dei Dirigenti scolastici, dei docenti e personale Ata (varrà però per i nuovi assunti dopo l’approvazione del dispositivo), nella formulazione dell’offerta formativa, nella valutazione e nei progetti alternanza scuola/lavoro

M. Salvini, ma il contratto per la scuola dice altro

Il punto 20 non parla direttamente di scuola. Infatti riguarda ” Riforme istituzionali, autonomia e democrazia diretta”
Di scuola e solo di essa si parla al punto 22. Qui lo scenario cambia. Si parla di abolizione di classi pollaio e di superamento della L. 107/15. Le tematiche, però, sono più vicine alla sensibilità grillina. Infatti nel programma elettorale della Lega si ipotizzano piccoli ritocchi all’impianto della Buona scuola che riguardano la chiamata diretta e l’alternanza scuola/lavoro. In altri termini, si proseguirà nella strategia del cacciavite, già attuata in parte dal Ministro leghista M. Bussetti,  volta a  ottimizzare la riforma, ma non ad abolirla.
E l’abolizione delle classi pollaio? Potrà rimanere ferma nel binario morto per essere velocemente dimenticata. Strategia applicata in questi mesi dal Ministro Bussetti.
Non dovremo attendere molto per capire se la scuola verrà ascoltata sui temi a lei vicini o dovrà subire l’ennesima violenza!

 

 

Luigi Di Maio, l’abbandono del riformismo per pochi spiccioli

Luigi Di Maio

Pessima l’involuzione di Luigi Di Maio. Si abbandona l’idea progettuale di investire per la scuola per un piatto di lenticchie

Luigi Di Maio e l’abbandono del riformismo. Pessima involuzione! La scuola vive di futuro! Le risorse per la scuola  sono sempre finalizzate a un disegno alto . Diversamente servono, quando ci sono, a sedurre, distrarre dai veri problemi che stanno strangolando il sistema formativo, grazie alle riforme degli ultimi venti anni.

Luigi Di Maio, una dichiarazione sconfortante

Ha dichiarato Luigi Di Maio: “Oggi dobbiamo fare molto di più sia per gli studenti sia per gli insegnanti. Prima di riformare la scuola, bisogna finanziarla e dobbiamo investire molte più risorse sia con il nuovo Def sia con la legge di Bilancio per garantire continuità didattica per gli studenti che vuol dire meno precariato per gli insegnanti e un’edilizia scolastica che sia all’altezza
Dichiarazione fumosa! Coerente con la  comunicazione postmoderna, caratterizzata dal virus dell’annuncite che nasconde il Nulla (incertezza sulle risorse e sulla tempistica). Come affermato da V. Pascuzzi, la dichiarazione dell’esponente del M5s conferma lo stile generico del programma di governo, riguardante la scuola.

Indietro non si torna, ma neanche avanti

Qui però vorrei riflettere sulla ritirata del Movimento dalla prospettiva del futuro, che giustificava e dava senso alla sua iniziale azione politica. In altri termini, è confermata la tendenza a considerare irriformabili le aberrazioni pedagogiche volute dalla destra (Riforma Moratti e Gelmini) e quelle  del centrosinistra ( Legge 59/97 e Legge 105/15). La prospettiva delle suddette riforme è l’ingabbiamento del sistema scolastico in una logica aziendale, caratterizzata dall’ottimizzazione, dall’efficacia, dall’efficienza… Da questo abbraccio mortale, la scuola ha perso il futuro, consolidando la pedagogia che il presente è immodificabile. Il dio denaro potrà al limite risolvere qualche problema secondario.
Si preferisce mettere in atto la strategia di sedurre la scuola, sventolando il fazzoletto delle risorse finanziarie, svincolate da ogni progettualità alta. Se queste ci saranno, sicuramente non risolveranno nulla, considerata la stagnazione economica. Serviranno a finanziare e mantenere vitali  le riforme che non necessitano di risorse significative, consolidando di fatto il quadretto descritto sopra.
Probabilmente il cambio di strategia deriva dalla percezione che si sta perdendo definitivamente la scuola. La disconnessione dal mondo della scuola è iniziata, affidando il Miur a un leghista. Si sta ripetendo, comunque la medesima situazione vissuta da M. Renzi.
E a noi cosa resta dopo l’ennesima delusione? Sicuramente non il ritorno tra le braccia mortali  di Berlusconi o del renzismo. Quindi è meglio non rispondere!