Archivi categoria: Scuola

La scuola deve tornare costituzionale

La scuola deve tornare costituzionale

La scuola è in profonda crisi d’identità. Occorre tornare alla Costituzione!

La scuola è senza identità e quindi tirata per la giacchetta a destra e sinistra.  Parafrasando L. Pirandello è “Una, nessuna, centomila”. E se tornassimo alla Costituzione?

La scuola è in crisi d’identità

La scuola è in profonda crisi. Non ha un’identità e quindi è difficile comprenderne il ruolo. Molti genitori la intendono come un parcheggio, snaturandone la sua funzione formativa. I massmedia, gli inesperti di aula, i tuttologi le chiedono di supplire alla deriva educativa della famiglia, attraverso progetti di contrasto alla droga, al cyberbullismo, alla formazione civica…
La politica invece se ne ricorda solo prima delle elezioni, per poi abbandonarla alla deriva, sperando nella storica abnegazione (gratuita) dei docenti.

La scuola dependance del mercato

Salendo di livello, la scuola è percepita dal mondo della produzione come una propria dependance. In questo contesto la scuola perde la sua autonomia, divenendo subalterna al mercato.
Due esempi, ripresi anche dall’ultimo libro di E.G. della Loggia (L’aula vuota, Marsilio, 2019). Nel gennaio del 2018 Mauro Gola (presidente della Confindustria di Cuneo) pubblica una lettera rivolta ai genitori. Si legge: ”
Cari genitori,
tanti di voi, si trovano in questi giorni ad affrontare una difficile decisione: la scelta della scuola superiore per il proprio figlio.
Una scelta dalla quale dipenderà gran parte del suo futuro lavorativo, ma che spesso viene fatta dando più importanza ad aspetti emotivi e ideali, piuttosto che all’esame obiettivo della realtà…
Riteniamo che la cosa più giusta da fare sia capire quali sono le figure che le nostre aziende hanno intenzione di assumere nei prossimi anni e intraprendere un percorso di studi che sbocchi in quel tipo di professionalità.”
Nel libro citato si legge che “poco tempo prima anche Mario Moretti Polegato, a capo dell’importante gruppo Geox, aveva trovato modo di dire la sua su cio che la scuola deve insegnare: << l’etica aziendale, la creatività, l’inglese, e come trasformare un’idea in un’impresa>>”

La scuola deve tornare alla Costituzione

Quanto descritto sopra, rimanda in modo univoco all’immagine che sotto il cielo regna la confusione, il caos. E questo sicuramente non favorisce il compito della scuola, la quale vive la situazione pirandelliana di essere stata nel passato “Una” (funzione di promozione individuale e sociale definita e riconosciuta), mentre oggi è “Nessuna e centomila” (funzione non chiara, perché oggetto di tante richieste).
C’è rimedio a questo?
A mio parere occorre tornare alla Costituzione e nello specifico all’art. 2 . In altri termini è necessario che la scuola torni nell’alveo della nostra Carta fondamentale, puntando  alla formazione dell’uomo e del cittadino.Punto.
Le due realtà non sono separabili, richiamando il personalismo di J. Maritain. A differenza dell’individuo, la persona fonda il suo esser-ci sui diritti civili, ritenuti inviolabili e irrinunciabili. Solo la loro realizzazione consente  all’individuo di  divenire pienamente persona, fondata sulla libertà ( Maritain). E questa inizia dalla testa. Per riprendere il titolo di un lavoro di E. Morin occorre puntare a “una testa ben fatta“, caratterizzata da capacità profonda di comprendere messaggi e testi anche articolati, di argomentare oralmente o per iscritto le proprie tesi in modo rigoroso lasciando ad altri il “si dice” (M. Heidegger) delle opinioni… Ovviamente l’elenco è molto più lungo e rimanda alla cultura classica, considerata  inutile per il finanzcapitalismo (L. Gallino), fortemente condizionato dal pensiero scientifico (o ritenuto tale).
La prospettiva richiede un cambio di rotta radicale. Ne sono consapevole. L’alternativa è la morte dell’uomo, come progetto (esser-ci), ridotto a oggetto utilizzabile  dalla potenza della tecnica (M. Heidegger).

 

 

Scuola, tutti promossi o quasi. Il trionfo della scuola facile

Scuola

Scuola, tutti promossi. E’ il trionfo della scuola facile, che non prepara alla vita.

Scuola, dati preoccupanti sulla preparazione effettiva dei nostri ragazzi (Rapporto Istat- SDGS, 2019). E’ il trionfo di un modello di scuola , dove tutto è facile e gli insegnanti sono impauriti, assediati e screditati.

Scuola, la conferma di un disastro dall’Istat

Scuola, istituzione sempre più in crisi. Dimenticata dalla politica, dopo le elezioni. Isolata, emarginata e nello stesso tempo fatta oggetto di richieste da ultima spiaggia, finalizzate a deresponsabilizzare le famiglie e la società ( contrasto alla droga, al cryberbullismo, la nuova educazione civica…). Ridotta a funzione di custodia e sorveglianza verso i minori e, nello stesso tempo, accusata di dispensare facilmente promozioni formali, dove la grande assente è la formazione.
Quest’ultimo aspetto è stato certificato dal rapporto Istat (SDGS,2019).
Si legge a pag.81  la seguente tabella:

Dati autorevoli e aggiornati (Invalsi) che tradotti rimandano all’incapacità di molti ragazzi a gestire testi  complessi e a risolvere situazioni problematiche moderne come quelle relative alle previsioni, partendo dai dati numerici, dalle percentuali… La situazione non migliora nella scuola di secondo grado.

Il trionfo della scuola facile e di una valutazione…

Difficile individuare le cause di  questa débâcle. Sicuramente certifica un modello di scuola facile, dove i percorsi sono  semplificati per via anche dell’aumento delle certificati Dsa (3,2% nel 2017-18 rispetto al 2,9 dell’anno precedente) e i docenti sono costretti a comprendere, giustificare  sempre il ragazzo, e quindi non posti nella condizione  di valutarlo soprattutto dal punto di vista formativo.
Valutazione che spesso si presenta formalmente ambigua o non veritiera, perché la descrizione della situazione reale può favorire ricorsi amministrativi, interventi di psicologi  con le conseguenze di “passare un’estate” poco rilassante. In alcuni casi la stagione estiva può trasformarsi in un vero inferno, quando l’utente-genitore o lo studente stesso usa la violenza fisica verso il docente.
In questa favola, dove la fine delle lezioni e le promozioni facili somigliano al vissero tutti felici e contenti, si dimentica che fuori da questa bolla, esiste un contesto che non fa sconti e non sempre giustifica e comprende. Continuare con il modello della scuola facile, significa non preparare i nostri ragazzi ad affrontare la complessità dell’esistenza o come scriveva F. Nietzsche “vivere il senso della terra” dove non ci sono paracaduti, ombrelli protettivi, ma solo la persona.

Elezioni europee, scuola dimenticata! Meglio così!

Elezioni europee, la scuola dimenticata

Elezioni europee, la scuola è dimenticata. Meglio così che essere presi in giro

Elezioni europee, la scuola è assente! Non se ne parla! Qualcuno lo vede come un segnale negativo. Sono di parere opposto.

Elezioni europee, la scuola la grande dimenticata

Elezioni europee. Tra una settimana ca. si eleggerà il nuovo Parlamento europeo. Il palcoscenico è occupato dai temi che contano: economia, migranti… Tutto meno che di scuola! Tutto previsto! Nel contesto postmoderno governato dal finanzcapitalismo (L. Gallino), che in ambito europeo significa moneta unica, cambio fisso, parametri di Maastricht, la scuola apparirebbe un corpo estraneo. In un contesto dove si parla di presente, la  scuola storicamente rivolta al futuro risulterebbe priva di significato.

Meglio dimenticata che  presa in giro

La dimenticanza della scuola non è una brutta notizia. Meglio essere dimenticati che ubriacati di promesse irrealizzabili!
Prendendo in considerazione le ultime due legislature, è possibile affermare che le promesse avevano solo una finalità elettorale. In altri termini, conquistare la fiducia degli operatori scolastici e poi abbandonarli.
Nel 2013 Bersani aveva promessonessun nuovo taglio, allungamento del tempo scuola, modulo a 30 ore con le compresenze“. Poi è avvenuto il cambio di segreteria con Matteo Renzi. Da qui l’impegno a senso unico per l’approvazione della legge 107/15 che si dimenticava di abolire gli obbrobri della Riforma Gelmini. Anzi peggiorava la situazione, introducendo una forma peggiorativa delle classi pollaio ( legge di stabilità art. 1 comma 333).
Nel 2018 Il governo giallo-verde ha sottoscritto un contratto di governo, ponendo l’abolizione delle classi pollaio, come una priorità. Bene allo stato attuale, la suddetta aberrazione pedagogica condizionerà il prossimo anno scolastico 2019-20, nell’indifferenza del Ministro leghista M. Bussetti. Ha scritto R. Palermo : “…per la scuola, non sia tempo di vacche grasse è ormai dimostrato: il ddl Azzolina sulla eliminazione delle “classi pollaio” è fermo da mesi…
Se questi sono i risultati, allora è meglio tacere ed essere dimenticati. Ignorateci! Meglio così che essere presi in giro!

 

Preparazione e bocciatura, sotto il cielo regna la confusione

Preparazione e bocciatura

Preparazione e bocciatura. Da una parte si chiede alla scuola di formare, dall’altra di non bocciare quando questa non viene conseguita.

Bocciatura e preparazione, la scuola è il luogo delle contraddizioni. Da una parte si chiede impegno a formare la persona, dall’altra non si vogliono le bocciature. Questa contraddizione certifica ulteriormente la crisi del sistema scolastico

Preparazione e bocciatura, messaggi contraddittori

Preparazione e bocciatura sono esperienze che non dovrebbero essere presentate in modo antitetico, contrapposto. Eppure… E’ l’effetto della comunicazione che si è monadizzata. In altri termini, spesso si  propongono contenuti o si presentano situazioni senza nessun rapporto con il quadro d’insieme. Ogni aspetto assume un valore in sé. Esercizio troppo semplice, perché si evita in questo modo di relazionarsi con la complessità costituita da una serie di relazioni che danno senso e valore ai singoli aspetti.

Rapporto-Istat  SDGS 2019

Detto questo, si legge Rapporto SDGS 2019
Le competenze alfabetiche, numeriche e per la lingua inglese sono molto basse per alcuni gruppi di studenti. In Italia, la quota di ragazzi iscritti al terzo anno delle scuole secondarie di primo grado che non raggiungono la sufficienza è del 34,4% per le competenze alfabetiche, del 40,1% per la matematica. Una percentuale più elevata di ragazze si situa sotto la sufficienza nelle competenze matematiche (41,7% contro
38,5%) mentre per la lettura la situazione si inverte, 38,3% dei ragazzi contro 30,4% delle ragazze.
Fuori dalla prosa statistica: è un disastro!

Eppure la scuola non è l’unica responsabile

Facile additare la scuola come l unico soggetto responsabile di questa Caporetto.
L’insuccesso, come il successo (questo vale quasi sempre per altri aspetti ) sono il prodotto di una sistema di variabili. La decontestualizzazione non aiuta a comprendere e quindi a porvi rimedio.
Difficile non pensare all’interventismo di alcuni genitori di fronte alla bocciatura del proprio figlio. Risultato: lo studente viene ammesso alla classe successiva nonostante che la sua preparazione sia inadeguata.
E’ il caso riportato da Scuola24, “Secondo la pronuncia del Consiglio di Stato, infatti, non si può bocciare in prima media perché, nel passaggio dalle elementari alle medie, per decretare un giudizio sull’allievo 
occorre prendere in considerazione un periodo più ampio. Non basterebbe, in pratica, un solo anno di frequenza delle medie per rallentare la carriera scolastica di un ragazzino,
nonostante le numerose insufficienze riportate”

La scuola bacchettata due volte

Da qui non è difficile capire che la scuola sale sul banco degli imputati due volte. la prima per scarso rendimento, la seconda perché adempie a un suo dovere: fermare uno studente per un’inadeguata preparazione.
La crisi della scuola risiede anche in quest’ambiguità. La contraddizione sui fini, paralizza e danneggia tutto il sistema-scuola, che si fonda sulle persone.