Archivi categoria: Tutti gli articoli

Chiusura delle scuole, la decisione costituzionale del governo

Chiusura delle scuole

Chiusura delle scuole, il governo ha fatto bene! Un provvedimento difficile, ma inevitabile. L’alternativa era…

Chiusura delle scuole, molti evidenziano quello che si è perso, dimenticando che la nostra Costituzione mette al primo posto il diritto alla salute e alla sicurezza. Quindi il governo ha fatto bene ad adottare il provvedimento di chiusura.

Continua a leggere

Linee guida, il testo definitivo (pdf)

Linee guida

Linee guida, finalmente abbiamo il testo definitivo. Da leggere e approfondire

Linee guida, dopo tante interviste, dichiarazioni abbiamo il testo definitivo (Decreto 39/20)
E’ bene leggerlo e approfondirlo personalmente. Le sintesi sono ok, ma la loro natura rischia di non mettere in risalto i particolari che possono fare la differenza.
La lettura diviene obbligatoria per tutti i soggetti scolastici e non impegnati a elaborare il piano di riapertura a settembre.
Sicuramente sarà il testo più letto e discusso tra molti operatori scolastici.
Interessante la scelta di allegare il documento della Commissione Bianchi e l’aggiornamento delle raccomandazioni del Cts.

Rientro a scuola, il cerino rimarrà in mano alle scuole!

Rientro a scuola

Rientro a scuola, alla fine il “cerino rimarrà in mano alle scuole”

Rientro a scuola, dall’Amministrazione centrale alle Regioni e per finire agli Enti locali… “Il cerino rimarrà in mano alle singole scuole”. Scenario molto probabile.

Continua a leggere

Rientro a scuola, l’ipotesi pulizia della cattedra affidata ai docenti.

Rientro a scuola

Rientro a scuola, l’ultima ipotesi di pulizia della cattedra da parte del docente, rappresenta un pessimo segnale.

Rientro a scuola, le ipotesi si rincorrono e si annullano a  vicenda. L’ultima risponde al processo di marginalizzazione in atto già diverso tempo. Se sarà presentata, costituirà…

Rientro a scuola, ipotesi pulizia ai docenti

Il rientro a scuola sta annegando in un mare di ipotesi.  Molte  hanno avuto vita breve (la contemporaneità tra didattica in presenza e online). Hanno risposto al meccanismo: “la divulghiamo, verifichiamo le reazioni, poi valutiamo se mantenerla”.  Quindi l’accantonamento equivale a una bocciatura della piazza. Altre, invece resistono, perché hanno base medica (distanziamento sociale, frequente lavaggio delle mani…).
L’ultima in ordine di tempo è la seguente: “Il tema della sanificazione è primario è primario: le regioni chiedono di valutare la possibilità che ogni docente provveda a pulire e disinfettare e disinfettare la cattedra e alti oggetti ad uso promiscuo, ad esempio il cancellino, prima di consegnare la classe al docente successivo” (Il Messaggero 12.06.20)

Qualche considerazione

Se la proposta diverrà una direttiva, allora si confermerà il progressivo demansionamento della funzione docente. Se il profilo del docente fosse valorizzato e socialmente apprezzato non solo a parole, la proposta potrebbe non disturbare. Purtroppo non è così!  Da diverso tempo gli insegnanti fanno  tante ore a titolo gratuito o con retribuzione inadeguata e  assumono funzioni estranee al loro profilo. A tutto questo si aggiungerebbe  quella della pulizia.
Pessimo segnale se gli insegnanti subiranno passivamente questa mansione aggiuntiva, ma estranea al loro profilo giuridico. Quello che preoccupa è il dopo: cosa potrebbe essere richiesto ulteriormente? Lavorare gratis per risanare l’enorme debito pubblico prodotto in questi ultimi mesi?