Archivi categoria: Violenza docenti

Violenze sui docenti, attendiamo i dati sul coinvolgimento del Miur

Violenze sui docenti

Violenze sui docenti, annus horribilis. Si chiede ai Miur un report sul numero di volte che il Ministero si è costituito parte civile

Violenze sui docenti, dopo le dichiarazioni del Ministro Bussetti, attendiamo il report sul numero di cause che ha coinvolto anche il Miur. Siamo a conclusione dell’anno scolastico. Quindi in tempi di tanti resoconti, il dato risulta molto utile.

Violenze sui docenti, alcune dichiarazioni del Ministro Bussetti

Violenze sui docenti, 2019 annus horribilis. Quasi ogni giorno la cronaca ha presentato situazioni che hanno coinvolto gli insegnanti. Tuttoscuola lo scorso anno (2017-18)  ne ha contate trentasei. Dell’anno che si sta chiudendo manca il dato, ma la sensazione è che la situazione sia peggiorata.
Il Ministro Bussetti dopo ogni aggressione ha sempre  confermato la volontà del Miur di costituirsi parte civile. Per brevità. riporto due dichiarazioni: ” Gli episodi di violenza vanno condannati duramente e, come ministro, non voglio limitarmi alla vicinanza formale: saremo al fianco di insegnanti, dirigenti, del personale amministrativo e ausiliario”… Sono in contatto con la presidenza del Consiglio affinché, in ogni procedimento attivato con querela, il ministero possa costituirsi parte civile” (19.06.18); “Gli episodi di violenza vanno condannati duramente e, come ministro, non voglio limitarmi alla vicinanza formale: saremo al fianco di insegnanti, dirigenti, del personale amministrativo e ausiliario” (24.01.19)

Ministro Bussetti chiediamo un report 

La fine dell’anno scolastico è costituito da tanti resoconti che certificano il raggiungimento di un risultato, la realizzazione di un progetto…
Quindi non è fuori luogo chiedere al Ministro quante volte il Miur compare come parte civile nelle cause intentate dal docente aggredito. Se il dato  presenterà il rapporto 1:1 (un’aggressione/ una causa con la presenza del Miur) o quanto meno si avvicinerà, allora  contribuirà a far sentire il Ministero vicino, sfatando il luogo comune di una condizione professionale di isolamento e solitudine di fronte alla complessità della realtà, sempre più imbarbarita.
Non si chiede la luna, e neanche un report con  un impegno di spesa. Si vuole  sapere se le tante dichiarazioni sono state seguite dai fatti. Il silenzio sicuramente non aiuterà a migliorare il rapporto tra l’Amministrazione e gli operatori scolastici.

Violenza sui docenti, doppia denuncia dell’insegnante

Violenza docenti

Arrivano buone notizie! la mamma che ha aggredito la professoressa dovrà affrontare un doppio processo: penale e civile

Violenza sui docenti, finalmente si intravvedono le prime reazioni. Una doppia denuncia alla mamma che ha percosso l’insegnante. Ottimo epilogo!

Il fatto

Si legge sul Gazzettino di Padova: “Venerdì 8 giugno, alla fine delle lezioni, una mamma di un alunno delle scuole medie Albinoni di Caselle di Selvazzano ha preso a schiaffi l’insegnante sessantenne di inglese.
La donna lamentava che il figlio avesse preso ingiustamente un brutto voto nella sua materia, così si è scagliata contro la professoressa, che non ha ammorbidito la sua posizione nonostante l’atteggiamento intimidatorio, ribadendo che il ragazzino aveva meritato l’insufficienza. Così la mamma l’ha schiaffeggiata davanti ad altri insegnanti, facendole sanguinare un labbro. Sul posto sono intervenuti i carabinieri.”

Non sono sufficienti le scuse, siamo adulti!

Qualche giorno dopo arrivano le scuse. “Chiede scusa la mamma che ha preso a schiaffi la professoressa d’inglese per un brutto voto al figlio. La donna dalle pagine della Stampa tenta dare una spiegazione a quel gesto violento. “Non so cosa mi sia successo. Ho visto mio figlio piangere per un diritto negato e ho perso la calma. La docente mi ha sfidato con lo sguardo e io ho agito d’istinto. Ho sbagliato”.
Troppo facile! Soluzione dove si è convinti che tutto può essere perdonato. Meglio: si ritiene che siano sufficienti poche parole di scusa  per risolvere ” a tarallucci e vino” l’aggressione. Nel mondo degli adulti esiste la responsabilità! Ogni atto porta a delle conseguenze.

Doppia denuncia, una bella notizia!

Ieri è arrivata una bella doppia notizia.
La mamma è stata denunciata anche dalla professoressa. L’atto segue quello d’ufficio dei carabinieri per oltraggio a pubblico ufficiale.
Si legge sul “Mattino” di Padova: “E’ quasi probabile che, oltre l’aspetto penale, la signora che ha tirato la  sberla incorra in una richiesta di danni”.
Conclusione ovvia! Molto bene!  In linea con quanto da me scritto qualche giorno fa.

Violenza sui docenti, “annus horribilis”

Violenza sui docenti

Un “annus horribilis”. Docenti umiliati, offesi e picchiati duramente. Dal Ministro attendiamo provvedimenti urgenti

Violenza sui docenti, l’anno scolastico che si sta concludendo è stato “horribilis”.
L’elenco è lungo! Occorre inasprire le sanzioni!

Violenza sui docenti

Da qualche tempo la scuola chiude male il suo anno. Gli elementi caratterizzanti sono diversi: il contratto economico e quello giuridico, la sicurezza degli edifici e per ultimo la violenza sui docenti
Non è un bel segnale!
Nello specifico, si legge sul quotidiano “Il Fatto Quotidiano” (10 giugno)
La rivista Tuttoscuola ha perciò attivato un contatore che ha raccolto, durante l’anno scolastico, i casi di aggressione ai docenti. “Non sono poche e tendono ad aumentare – spiega la rivista –. E per ogni aggressione di cui si ha conoscenza certa, si stima che ve ne siano almeno altre tre non rese pubbliche. Per non parlare delle violenze verbali, ancora più diffuse come ci confermano diversi dirigenti scolastici”. Dal settembre 2017, si contano 33 violenze fisiche accertate e 81 violenze fisiche stimate. Una media di quattro episodi a settimana.”

Il lungo elenco

Sempre sul quotidiano citato è presente un elenco sintetico. Lo riassumo.
Settembre ‘17. Figlia rimprovera la figlia. La mamma attacca la professoressa.  
Ottobre ‘17.  Un ragazzo lancia un cestino contro il docente
Ottobre ’17
. Ragazzo rimproverato per il possesso dello smartphone, sferra un pugno all’insegnante
Gennaio ’18. Ragazzo rimproverato dal professore, preso a calci e pugni dallo stesso e dai genitori
Gennaio ’18. Ragazzo insulta ( e anche bestemmia. ) il professore perché, a suo dire, gli avrebbe rotto lo smartphone
Febbraio ’18.  Maestra picchiata da una mamma per un consiglio
Febbraio ’18  Studente accoltella la professoressa, dopo l’interrogazione andata male
Febbraio ‘18 Professore legato alla sedia, ripreso e insultato
Febbraio ’18  Picchiato un collaboratore del Dirigente
Aprile ’18  “Inginocchiati e mettimi la sufficienza”
Aprile ’18  Accendini al volto, i ripetenti: “Ti brucio”
Aprile ’18   Un padre sferra un pugno per una punizione subìta dal figlio
Aprile  ’18  “Ti mando all’ospedale e ti sciolgo nell’acido”
Aprile  ’18  Picchia il prof ipovedente. Ricoverato in ospedale emorragia cerebrale
Maggio ’18  “Ha graffiato mio figlio”: picchia  la maestra
 Maggio ’18  Padre prende a schiaffi e pugni professore per una proposta di sospensione per atti di bullismo
Giugno ’18  La madre picchia professoressa per un voto insufficiente preso dal figlio

Provvedimenti urgenti

Occorre correre ai ripari. Far ricorso al “cambio di mentalità” in tempi brevi, è utopistico!
Il nuovo Ministro M. Bussetti, su questo aspetto, può bypassare la fase di ascolto ed emanare un provvedimento che confermi il profilo di pubblico ufficiale del docente.  Questo è stato confermato da una recente sentenza del 2014. In caso di reato commesso da uno o da entrambi i genitori  è necessario inasprire il tempo di detenzione e prevedere anche un risarcimento economico ( pignoramento per uno, due, tre anni dello stipendio o il sequestro e la vendita di beni del genitore delinquente).
In caso di reato commesso dal ragazzo, propongo la bocciatura immediata e inserimento dello stesso in un progetto di pubblica utilità per x mesi ( pulizia muri e…, assistenza agli anziani…). Tutto questo “senza se e senza ma”.