Cgil scuola, proseguono i proclami, intanto…

Cgil scuola

Un esempio di distanza tra le parole e i fatti.

Cgil scuola, dopo il sindacato Cisl, fa proclami. Intanto, però ha quasi firmato un contratto indecente e irriguardoso.

Cgil scuola, il suo pronunciamento

Ha dichiarato la Cgil.scuola”Per guadagnare quanto un collega d’Europa un insegnante di infanzia e delle elementari dovrebbe avere – domani – un aumento in busta paga di 455 euro il mese. Un professore delle medie dovrebbe veder crescere lo stipendio di 363 euro, il collega delle superiori di 439 euro. Servirebbero, solo per questo, 6,8 miliardi… Il dato più importante, che discende dai primi due, lo abbiamo visto: il calo degli stipendi dei docenti italiani. E l’impietoso paragone con il resto dell’Europa avanzata. Solo nel 2009, penultimo contratto appena firmato, la retribuzione media del comparto era pari a 30.570 euro lordi. Nei sette anni successivi è scesa (con due piccoli recuperi nel 2011 e nel 2015) fino a toccare il pavimento nel 2016, ultimo anno rilevato: 28.403 euro lordi. Una perdita di 2.167 euro, il 7,1 per cento. Quest’anno, febbraio 2018, è arrivato il rinnovo del contratto della scuola e ha consentito una leggera crescita delle buste paga: 96 euro l’aumento medio per un docente, 84,5 euro per un amministrativo.”. Potrei proseguire, ma mi fermo qui.

Benissimo, ma il sindacato non ha le “carte in regola”

Mi chiedo come si fa ad affermare una significativa discrepanza tra un obiettivo significativo e il magro risultato ottenuto dalla Cgil-scuola? Non era meglio alzarsi dal tavolo e non firmare?  Ci vuole una grande immaginazione per definire la quota-contratto (mi riesce difficile definirlo come un “aumento” o incremento”) una “leggera crescita delle buste paga”. Io la definirei “leggerissima”, se consideriamo gli otto anni di blocco contrattuale. Determinazione ancora aperta ad  una peggiore, se il lordo dovesse risultare di “stato”.
Dimenticavo, il dossier o pronunciamento è finalizzato a vincere le prossime elezioni Rsu. A questo punto tutto ha senso, anche nascondere i fatti.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Contratto scuola e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.