Chiusura delle scuole, la decisione costituzionale del governo

Chiusura delle scuole

Chiusura delle scuole, il governo ha fatto bene! Un provvedimento difficile, ma inevitabile. L’alternativa era…

Chiusura delle scuole, molti evidenziano quello che si è perso, dimenticando che la nostra Costituzione mette al primo posto il diritto alla salute e alla sicurezza. Quindi il governo ha fatto bene ad adottare il provvedimento di chiusura.

Chiusura delle scuole, si evidenziano una serie di problemi,

Chiusura delle scuole, non era mai accaduto nella storia repubblica. Un provvedimento confermato più volte nel periodo marzo-giugno, ha bloccato il classico scenario fisico  di trasmissione del sapere. Non poteva essere altrimenti con un contagio esponenzialmente in crescita fino a fine marzo.
La decisione, ovviamente ha messo in crisi le famiglie, soprattutto le donne che hanno dovuto gestire una situazione non facile. Hanno dovuto continuare a fare le mamme dei più piccoli e nello stesso tempo assumere anche il ruolo di insegnanti.
La chiusura forzata delle attività ha inciso negativamente sul Pil. Il divieto di uscire ha lasciato le sue tracce psicologiche…
Per tornare alla scuola, molti già da aprile  che registrava contagi in decrescita, ma sempre superiori ai tremila giornalieri, chiedevano la riapertura (Renzi, Salvini…. Il motivo: permettere ai genitori di tornare a lavorare e quindi riavviare il motore produttivo del Paese.

L’ultima sottile critica proviene…

Quasi tutte le critiche i colpevolizzavano la scuola e gli insegnanti della insensatezza della chiusura.
Ultimo rilievo in ordine di tempo è stato espresso da A. Gavosto della Fondazione Agnelli. Si legge: ” Due aspetti qualificano la perdita di capitale umano causata dal venir meno della scuola in presenza. Il primo luogo, se – com’è avvenuto – vengono meno relazioni sociali dentro e fuori la scuola, alcune competenze socio-emotive possono soffrirne: perseveranza, autostima, coscienziosità, autocontrollo, apertura all’esterno, tolleranza, capacità di collaborare. Poi c’è la perdita di conoscenze e competenze di base. Le ricerche internazionali ci dicono che l’assenza da scuola durante le vacanze estive (e quelle in Italia sono fra le più lunghe) porta a una caduta di quanto si è appreso fino a quel momento. Quest’anno si è aggiunto il dramma della pandemia, con un forte declino degli apprendimenti per le 14 settimane di chiusura delle scuole, solo in parte compensato dalla didattica a distanza.
I primi studi relativi a Stati Uniti e Inghilterra stimano una learning loss complessiva intorno al 35% per la capacità di lettura e del 50% per matematica. Sarà difficile conoscere il dato italiano, perché le rilevazioni Invalsi sono state cancellate. Ma – ne siamo certi – anche nel nostro Paese la perdita sarà importante e lo sarà ancora di più per le ragazze e i ragazzi che provengono da contesti familiari con minori risorse economiche e culturali. In ogni caso, tutti gli studenti oggi nel sistema d’istruzione rischiano un impatto negativo e permanente, in termini di minori redditi e opportunità di lavoro.
Purtroppo, la gravità di questo rischio non è stata messa a fuoco in Italia. Né, tanto meno, il governo dà segnali di volere agire con energia per porvi rimedio.
Ho messo in evidenza cosa conta per il mondo produttivo: la riduzione delle possibilità lavorative per i ragazzi.

Il governo ha preso una decisione costituzionale

Cosa dire? Il governo ha fatto bene! Ha deciso nel rispetto della Costituzione, che ancora non è stata violentata dal financapitalismo. Il governo Conte 2 ha dato prova di autonomia, esaltando il bene comune, rispetto a interessi di parte (l’economia, la famiglia..) o a convenienze partitiche. Non ha fatto sintesi delle diverse posizioni. Ha deciso! Dopo tanti anni che hanno visto i diversi governi italiani  a rimorchio dell’economia, abbiamo assistito ad una rappresentazione costituzionale del diritto alla salute.
Diversamente lo scenario ipotizzato dal pneumologo L. Richeldi e implicitamente confermato dall’ Oms  era un contagio fuori controllo. “Con la chiusura tempestiva delle scuole abbiamo salvato tre quarti dell’Italia