Chiusura di tutte le scuole, purtroppo l’ipotesi diventa sempre più concreta

Chiusura di tutte le scuole

Chiusura di tutte le scuole, ci stiamo avvicinando al quarto scenario. Il più terribile!

Chiusura di tutte le scuole, ormai è una possibilità concreta. Siamo vicini al quarto scenario. I contagi aumentano in modo esponenziale. Tutto volge al peggio!

Chiusura di tutte le scuole, possibilità non più remota

Chiusura di tutte le scuole. Diventa sempre più probabile che ci sia una nuova chiusura. Non riguarderà solo le scuole superiori, ma tutti gli altri ordini e gradi. Quindi scuola dell’infanzia, primaria e medie.
Putroppo la situazione sanitaria si sta aggravando. Dal 1 ottobre i contagi raddoppiano ogni settimana. I contagi salgono in modo esponenziale. In altri termini  “si ha un raddoppio stabile di settimana in settimana c’è chiaramente una crescita esponenziale. Poi può essere che, guardando i dati giorno per giorno, non lo sia quotidianamente, nel senso che ci sono delle oscillazioni” (Pregliasco).
Ovviamente tutto questo ha delle conseguenze  sull’indice di trasmissibilità del virus (RT) che ormai è superiore in tutte le regioni a 1 e su base nazionale a 1,5.

Ci stiamo avvicinando all’ultimo scenario

Cosa significa tutto questo? Partiamo dal documento del Minisero della salute che presenta gli “Elementi di preparazione e risposta a COVID19 nella stagione autunno-invernale”. Lo scopo di questo documento è “supportare la verifica, e se necessario il rafforzamento, dello stato di preparazione dei sistemi sanitari nelle Regioni/PPAA al fine di poter fronteggiare in modo ottimale un eventuale aumento nel numero di nuove infezioni da SARS-CoV-2 nella stagione autunno-inverno 2020-2021″.
Interessante la sezione che presenta i quattro possibili scenari per l’inverno. Il primo è quello che abbiamo vissuto durante l’estate (luglio-agosto) con indice RT inferiore a 1. Il secondo, invece presenta un aumento di contagi, ma sostenibili e con valori regionali di RT stabilmente compresi tra 1 e 1,25.
Il terzo scenario corrisponde alla situazione che in questi giorni stiamo vivendo. Contagi aumentati in modo significativo, primi scricchiolii del sistema sanitario e tracciamento in crisi. Tutto questo comporta un RT tra 1,25 e 1,50.
I segnali di questi ultimi giorni ci dicono, però che stiamo entrando pericolosamente nel quarto scenario.  Questo ha una “situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario, con valori di Rt regionali sistematicamente e significativamente maggiori di 1.5 nel suo intervallo di confidenza inferiore per periodi lunghi (almeno 1 mese). Anche se una epidemia con queste caratteristiche porterebbe a misure di mitigazione e contenimento più aggressive nei territori.”

La chiusura delle scuole è dietro l’angolo

In pratica rischiamo di replicare la situazione vissuta tra febbraio e maggio, quando per la prima volta nella storia repubblicana un governo ha chiuso le scuole. Decisione presa con una certa sofferenza. Allora però era in gioco il diritto fondamentale di ogni persona: la salute!
A. Crisanti ipotizza la ripetizione della chiusura generalizzata “Credo che un lockdown a Natale sia nell’ordine delle cose: si potrebbe resettare il sistema, abbassare la trasmissione del virus e aumentare il contact tracing. Così come siamo il sistema è saturo. Via via che i casi sono aumentati, la capacità di contact tracing e fare tamponi diminuisce e si entra in un circolo vizioso che fa aumentare la trasmissione del virus”
Da profano ritengo che questa sia la soluzione migliore. Occorre però decidere presto, prima di vedere la montagna che viene giù!