Posted in: Sicurezza, Tutti gli articoli

Cittadinanzattiva: radiografia “senza veli” degli edifici scolastici

images

“Il 73% delle scuole monitorate è situato in zona a rischio sismico; il
14% in zona a rischio idrogeologico, il 4% in zona a rischio industriale, il 5% a rischio
vulcanico, il 5% in zona a elevato inquinamento acustico.
Lo stato degli edifici. Il 39% delle scuole ha uno stato di manutenzione mediocre o pessimo,
una scuola su cinque (21%) presenta lesioni strutturali per lo più sulla facciata esterna (41%);
il 38% dei corridoi, il 27% delle palestre e il 15% delle aule presenta distacchi di intonaco o
segni di fatiscenza. Di fronte alla richiesta di piccoli lavori di manutenzione, nel 12% dei casi
l’ente proprietario non è mai intervenuto e nel 21% è intervenuto con molto ritardo. Nel caso
di richiesta di lavori di manutenzione strutturale, ben più lunghi e onerosi, in ben il 45% delle
situazioni l’ente non è intervenuto…
I cortili sono presenti nell’87% delle scuole monitorate. Nel 93% dei casi sono recintati, ma lo
stato della recinzione è pessimo in una scuola su cinque. Talvolta vengono usati come
magazzino, con presenza di ingombri e di rifiuti non rimossi; in una scuola su tre sono
utilizzati come parcheggio, dal personale e dalle famiglie.
L’88% dei cortili è dotato di uno spazio verde e nel 28% anche di una area gioco o sportiva
attrezzata.
I bagni sono spesso sprovvisti di carta igienica (manca nel 42%), di sapone (53%), di
asciugamani (77%) e di scopini per il wc (assenti nel 49% delle scuole).
La sicurezza interna. Mancano scale di sicurezza nel 26% delle scuole monitorate; solo il 34%
presenta vetrate a norma; le porte con apertura antipanico sono assenti nel 74% delle aule,
nell’89% dei bagni, nel 65% delle aule computer, nel 54% dei laboratori, nel 47% delle mense e nel 37% delle palestre e anche nel 15% dei cortili dove saranno obbligatorie per
legge.
In più di una scuola su quattro, l’impianto elettrico non è completamente o per nulla
adeguato; quasi una scuola su tre ha un impianto anti-incendio in stato arretrato” ( Sintesi  XIII° Rapporto di Cittadinanzattiva – Sicurezza, qualità e accessibilità a scuola )

E’ da un pò di tempo che non parlo più di sicurezza. L’ultimo rapporto di Cittadinanzattiva, presenta dati talmente allarmanti che non è possibile ignorare i potenziali pericoli ai quali ogni giorno noi docenti siamo sottoposti. Un anno fa definivo le nostre scuole come delle tombe potenziali
E il governo? Semplicemente ritarda l’erogazione dei 4 miliardi di € ( 1/3 di quelli necessari secondo la Protezione  civile per rimettere in totale sicurezza tutti gli edifici scolastici ). Qualcuno sa spiegarmi la logica di questo comportamento?