Classe pollaio a Todi, il punto della situazione e una riflessione

Classe pollaio a Todi

Classe pollaio a Todi, caso chiuso. Almeno per il momento. Una riflessione

Classe pollaio a Todi, al vicenda ha visto il coinvolgimento dell’Istituto, del Ministro Bussetti e dell’Usr dell’Umbria. Dalla situazione è possibile, comunque, trarre una breve riflessione che porta a…

La classe pollaio a Todi, tutto inizia con…

La vicenda della classe pollaio a Todi inizia con una lettera del Presidente del Consiglio d’Istituto. Si legge : “ll suddetto Liceo si articola in quattro indirizzi; Classico, Scientifico, Linguistico e Scienze Umane e ciò che mi induce a scriverLe è la decisione dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno. A nulla sono valse a tutt’oggi le accorate richieste fatte dal Dirigente Scolastico Sergio Guarente…  Il senso di impotenza e rabbia scaturisce dal fatto che, evidentemente, si ritiene che la soluzione imposta dalla normativa sia perfettamente compatibile con il diritto costituzionale allo studio e lo rispetti anche nel più ampio senso di assicurare a tutti le migliori condizioni per un’efficace formazione attuando i più elementari principi pedagogici”

La risposta del Ministro, molto perentoria

Ecco la risposta del Ministro postata sulla sua pagina di fb:
Il caso della classe ‘pollaio’ da 39 alunni del liceo di Todi finito sulla stampa in questi giorni è già risolto dal 9 agosto. La scuola fra l’altro ha accettato iscrizioni in più anche dopo la scadenza delle domande. L’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria ha comunque ascoltato le esigenze dell’Istituto e ha assicurato lo sdoppiamento della classe. Tanto rumore per nulla, dunque. Ringrazio i nostri uffici territoriali, che sono sempre al lavoro, anche in questi giorni, per garantire un buon avvio di anno scolastico. E auguro ai liceali di Todi un buon rientro e buono studio”

Ma non convince pedagogicamente i genitori

Non si fanno  attendere i rilievi tecnici del Presidente del Consiglio d’Istituto (avvocato):”Le notizie in nostro possesso ci dicono che l’Usr concederebbe poche ore aggiuntive, appena 4 su un totale di 27 ore settimanali, con la possibilità del dirigente scolastico di poter dunque sdoppiare la classe ricorrendo all’organico con ore a disposizione, ma ciò non basta a tranquillizzarci perché l’eventuale, suddetta classe non esisterebbe comunque nell’organico di fatto. Oltretutto, il problema si riproporrebbe costantemente per gli anni successivi fino al termine del ciclo scolastico dei nostri figli”

Chiude il confronto (almeno per ora) la dichiarazione dell’Usr dell’Umbria

Ovviamente era necessaria una dichiarazione dell’Usr dell’Umbria. Si legge su OS: “Il rispetto della normativa costituisce “garanzia” per tutti i cittadini, consentendo di trattare le varie situazioni in modo equo ed imparziale e di distribuire le risorse sulla base di criteri definiti e trasparenti…Sulla base della normativa attualmente vigente, al Liceo “Jacopone da Todi” non spetta, né in organico di diritto né di fatto, la “settima” classe  richiesta… Quello che contava era garantire ai ragazzi un’ulteriore classe ed è quello che è stato fatto, grazie alla sinergia tra l’Ufficio Scolastico e la Scuola… A settembre, di fatto, le classi prime saranno sette e non sei.

E’ necessario eliminare il problema alla radice

La vicenda conferma che i diversi uffici scolastici regionali devono “muoversi” dentro la vigente normativa ( Legge 133/08, D.M.81/09 e seguenti). Non a caso nella dichiarazione di Antonella Iunti, Direttore Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, ricorre spesso il concetto del rispetto della normativa. Non poteva essere diversamente! Un organo amministrativo, non può assumere funzioni legislative!
La soluzione tecnica ( potenziato + ore integrative), comunque, è da elogiare, perché esprime l’impegno dell’Usr a cercare tra le righe della normativa, il pertugio per venire incontro alle esigenze pedagogiche dell’Istituto.
Da qui solo il Parlamento, su proposta del governo, può mettere fine alle “classi pollaio”. Del resto la loro abolizione fa parte del contratto dell’esecutivo! Pertanto si proceda “senza se e senza ma” ad espellere dal sistema formativo questo virus voluto dal duo Gelmini-Tremonti, ministri del governo Berlusconi IV (2008-11).

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.